Anima e corpo… sotto il solleone

Che cosa si festeggia il 15 agosto? Temo che se si provasse a porre questa do­manda, oltre che a non credenti e non praticanti, anche a qualche cattolico un po’ “tiepido”, una delle risposte più ricorrenti sareb­be: «Il Ferragosto», e forse ben pochi saprebbe­ro dire qual è l’origine di questo nome. Qualcuno potrebbe ricordarsi che in quel giorno la Chiesa celebra la solennità dell’As­sunzione di Maria Vergine al cielo…

In realtà il termine “ferragosto” deriva (tanto per cambia­re!) dal latino “feriae Augusti”, cioè “le ferie (o il riposo) di Augusto (l’imperatore)”; la locu­zione indica una festività istituita da Ottaviano Augusto nel 18 a.C. per consentir­gli di riposarsi dalle fatiche profuse nelle setti­mane precedenti (per partecipare ad altre cele­brazioni). Una festa pagana, dunque, in competizione con una cristiana.

Nulla da eccepire in merito all’os­servazione che la prima è più antica, visto che la festa dell’Assunzione compare con que­sto nome solo verso l’anno 770; ma già nel V secolo a Gerusalemme il 15 agosto si celebrava la “Dormizione” della Madre di Dio e il suo in­gresso nella gloria. Si dovrà aspettare il 1° no­vembre 1950 per veder solennemente proclama­to dal papa Pio XII il dogma dell’Assunzione al cielo di Maria in anima e corpo. Il significato di questo evento è ben illustrato dalle parole usate dal Papa nella Costituzione apostolica Munifi­centissimus Deus: «L’immacolata Madre di Dio sempre vergine Maria, terminato il corso della vita terrena, fu assunta alla gloria celeste in ani­ma e corpo».

La straordinarietà dell’evento sta tutta in quelle due ultime parole: «… in anima e corpo». Sap­piamo bene cosa avviene al termine della nostra vita terrena: con la morte la nostra anima entra nell’eternità mentre il corpo subisce la corruzio­ne nella tomba; alla fine dei tempi, il corpo risorgerà e si riunirà all’anima, iniziando una nuova vita a seconda dei meriti acquisiti nella vita precedente. Maria Vergine è stata pre­servata dalla corruzione del sepolcro ed è passa­ta direttamente, nella sua totalità di anima e corpo, dalla vita terrena alla vita eterna.

Ma a questo punto potremmo porci una doman­da all’apparenza un po’ cattiva, se non blasfe­ma: C’era proprio bisogno, per noi comuni mor­tali, di conoscere questa verità di fede riguar­dante il destino eterno di Maria? Per rispondere “sì” dovremmo poter dimostrare che questa verità è utile o necessaria per la no­stra salvezza.

Un primo elemento a favore ce lo fornisce la li­turgia della Messa della solennità, dove leggia­mo: «In lei [Maria], primizia e immagine della Chiesa, [tu, o Dio] hai rivelato il compimento del mistero di salvezza e hai fatto risplendere per il tuo popolo, pellegrino sulla terra, un se­gno di consolazione e di sicura speranza» (dal Prefazio). Dunque Maria assunta in cielo in ani­ma e corpo è per noi “un segno” che anticipa la realtà a cui siamo destinati e ci permette di superare (con la consolazione e la sicura spe­ranza) il trauma derivante dall’esperienza quoti­diana, che ci mostra la dissoluzione del no­stro corpo: Maria ha solo anticipato – evitando la corruzione del sepolcro – quello che un gior­no sarà il destino di tutti i fedeli: entrare nella gloria eterna in anima e corpo.

Ma c’è anche un altro elemento di riflessione che ci torna utile per la nostra salvezza: è contenuto in quei due termini – anima e corpo – e in qualche modo si ripresenta nella contrappo­sizione tra Ferragosto e Assunta, cioè tra paga­nesimo e fede cristiana. L’uomo è una realtà composta di anima e corpo; entrambe queste “componenti” sono destinate alla vita eterna. È ugualmente sbagliato, dunque, l’atteggiamento di chi privilegia lo spirito disprezzando il corpo e quello di chi trascura lo spirito idolatrando la corporeità. Trascurarsi, abbruttirsi nel fisico, in una sorta di rifiuto o di disprezzo del corpo, è negativo. Vale la pena ricordare che il quinto comandamento ci obbliga, tra l’altro, ad aver cura anche del nostro corpo. Ma trascurare la propria anima prestando attenzione e cura solo al corpo, fino a farne magari un idolo a cui offrire sacrifi­ci incredibili, è altrettanto – se non più – negati­vo.

Il comportamento corretto è quello che ci fa adottare il giusto equilibrio nella cura delle due componenti del nostro essere: è una questione di armonia tra sviluppo dell’anima e del corpo. Maria Assunta in cielo ci mostra che da entram­be queste realtà, dal modo in cui sappiamo cu­rarle e apprezzarle come dono gratuito del Creatore, deriva la nostra felicità eterna.

Chissà se è proprio un caso che questa festa ca­da nel pieno dell’estate, quando si è facilmente tentati di portare il corpo in vacanza e di man­dare in ferie – per altra via – la nostra anima!

(da «’o Pertuso», agosto 2010)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.