Arricchirsi presso Dio

(Lc 12,13-21)

All’inizio del brano del Vangelo, un uomo – evidentemente aveva visto in Gesù un personaggio autoritario, capace di gestire situazioni difficili – gli propone di fare da mediatore con suo fratello in una questione di eredità. Gesù rifiuta in una maniera abbastanza dura e dice una frase che sembra non entrarci niente con quello che l’uomo gli ha chiesto, però un senso ce l’ha. Di solito, quando Gesù racconta una parabola, prima dice la parabola, poi la spiega. Qui invece Gesù anticipa il senso della parabola che sta per raccontare.

La parabola ci presenta un uomo che, poveretto, ha un problema grosso: come sistemare tutti i suoi beni, specialmente dopo che la sua campagna gli ha prodotto molti altri beni. Ci perde il sonno, quest’uomo, poi alla fine trova la soluzione: Costruirò dei granai più grandi, dei depositi migliori; ci metterò dentro tutto e poi, alla fine, dirò: Adesso, anima mia, goditi la vita. La conclusione l’abbiamo sentita. Dio gli dice: Stanotte stessa morirai, e i beni che hai accumulato dove andranno?

Gesù aveva già spiegato questa parabola: Fate attenzione, tenetevi lontano da ogni cupidigia, perché anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che possiede. E conclude: Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio.

Ho un po’ ridicolizzato l’immagine di quest’uomo che, poveretto, è triste, preoccupato perché non sa come sistemare i suoi beni. Però di fronte a lui, credo che potremmo farci un piccolo esame di coscienza, per renderci conto che, seppure non abbiamo tutti i beni che ha lui, a volte anche noi abbiamo le stesse preoccupazioni, gli stessi atteggiamenti.

C’è un particolare che dobbiamo tener presente. È vero che ci fa una brutta figura quest’uomo, ma i beni che ha sono legittimi; Gesù ci tiene a precisare: la campagna di quest’uomo ricco – era già ricco! – produce molti beni. Quindi non è andato a rubarli, non li ha guadagnati illecitamente: è stato Dio, nella sua bontà e misericordia, che l’ha colmato di tanti altri beni oltre quelli che già aveva. Sarebbe quasi il caso di dire che, però, non gli ha fatto un piacere. Se tutti quei beni in più sono diventati per lui un problema, da qualche parte qualcosa non ha funzionato. E dov’è che qualcosa non ha funzionato? Nella testa di quest’uomo, il quale è preoccupato di come potrà custodire i suoi beni e non si rende conto di quello che già diceva il Qoèlet – l’abbiamo sentito nella prima lettura –: Che ne sai tu se potrai goderti i beni che ricavi dal tuo lavoro? Sembra un pessimismo esasperato. Ma il Qoèlet, a conclusione del suo libro, ci dice che l’unica soluzione di fronte a questo pessimismo è affidarsi a Dio, riconoscere che tutto dipende da Dio nel bene e nel male; ed è in sostanza quello che dice anche Gesù alla fine della parabola: Tutto è vanità per chi accumula tesori per sé e non arricchisce davanti a Dio.

Non è una condanna delle ricchezze, è una condanna dell’idea che tutto, vita compresa, dipenda da quelle ricchezze. Quest’uomo, una volta che è riuscito a sistemare i suoi beni, finalmente si sente soddisfatto: Bene. Adesso goditi la vita perché hai risolto tutti i tuoi problemi. L’unico suo problema era sistemare i suoi tanti beni.

In un certo senso, noi ci troviamo in una situazione peggiore, perché certamente noi non abbiamo tutti i beni di quest’uomo ricco al quale la misericordia di Dio concede anche molto di più – piove sul bagnato, sarebbe il caso di dire –. Noi non abbiamo tutti quei beni e quindi, per grazia di Dio, non abbiamo nemmeno tutte quelle preoccupazioni. Ma nel nostro piccolo anche noi tante volte ci dimentichiamo che la nostra vita non dipende dai beni che abbiamo; non pensiamo ad arricchire davanti a Dio. Che significa arricchire davanti a Dio? Quest’uomo si è arricchito – diciamo così, per grazia ricevuta – i beni della terra che gli sono piovuti addosso sono stati enormi, al punto da creargli dei problemi. Non gli è passato per la testa nemmeno per un istante di rivolgersi a Dio e dirgli: Grazie, Signore, per i tuoi doni.

Noi qualche volta lo facciamo, nel nostro piccolo, nel nostro niente? Ecco, forse questo è uno degli elementi ai quali si riferiva Gesù: arricchire davanti a Dio potrebbe significare – ma proprio ponendoci terra terra, senza salire a quote eccelse – potrebbe significare riconoscere che ciò che abbiamo e ciò che siamo dipende da Dio. Il giorno in cui noi dicessimo grazie a Dio per i pochi o molti beni che abbiamo, avremmo fatto quel passo che Gesù richiedeva, avremmo avuto davanti a Dio un aumento di beni spirituali, saremmo arricchiti davanti lui.

È vero che tutto è vanità, come dice Qoèlet. L’unica non vanità è il tesoro che noi riusciamo a mettere da parte della banca di Dio.

Ve l’ho raccontato qualche volta, ma fa bene ripetercelo. Quando ero giovane, c’era una vecchietta alla quale portavo la comunione ogni domenica; lei, ringraziandomi, mi diceva sempre: Dio è il banchiere del 1000 × 1. Non starà scritto nei Vangeli, ma questo è il vangelo dei piccoli, dei semplici, ed è altrettanto vero. Il significato di quell’affermazione è chiaro: almeno un grazie a Dio per i benefici che si concede potremmo anche metterlo in conto: lui non si lascerà vincere in generosità.

(31/7/2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*