Chi è beato?

Sof 2,3; 3,12-13; Mt 5,1-12a)

Il Vangelo ci presenta l’inizio del “Discorso della montagna”, un lungo discorso di Gesù che ci accompagnerà per alcune domeniche. Abbiamo ascoltato la proclamazione delle “Beatitudini”, uno dei passi più noti del Vangelo, che a volte viene interpretato male; le affermazioni di Gesù vengono lette come una promessa di beatitudine, di salvezza proiettata nel futuro, per far dimenticare il presente negativo; come per dire che sono beati coloro che sono poveri oggi, perché nell’altra vita saranno ricchi, possederanno il regno dei cieli… Forse è anche così, però non è soprattutto così. Il senso vero delle Beatitudini lo possiamo capire, nel contesto della liturgia della Parola di questa domenica, facendo attenzione a quello che ci ha detto la prima lettura: il profeta Sofonia annuncia la salvezza che il Messia porterà sulla terra per i poveri, gli umili, i piccoli; i piccoli in senso biblico, che non sono necessariamente i piccoli di età: sono coloro che di fronte a Dio si sentono piccoli, coloro che sanno di dipendere in tutto dal Padre, che li ama e vuole salvarli.

In questa prospettiva le Beatitudini assumono un significato diverso rispetto a quello che alcune interpretazioni poco felici vorrebbero far passare; perché, se è vero che Gesù è venuto a portare la salvezza ai piccoli, cioè ai poveri, ai miti, ai misericordiosi, a quelli che piangono, eccetera… allora il suo discorso, quell’elenco di “Beati…”, assume una prospettiva diversa: è la realizzazione della profezia di Sofonia. Gesù proclama beati, cioè destinatari della salvezza, i miti, i poveri, i misericordiosi, eccetera… Destinatari di che cosa? Non del fatto che se sono poveri qui, dall’altra parte troveranno la ricchezza; se piangono di qui, dall’altra parte saranno consolati, e così via; ma nel senso che Gesù Cristo è venuto per loro, sono loro – i poveri, i miti, i misericordiosi, quelli che piangono… – i destinatari della salvezza, ma non di là: già qui!

In questa prospettiva l’elenco delle Beatitudini diventa in qualche modo rivoluzionario. Gesù Cristo è venuto per coloro che sono piccoli, deboli, umili, bisognosi di tutto, per i piccoli in senso biblico, cioè per coloro che hanno bisogno di sentire accanto a sé la presenza amorosa di un Padre, che li prende per mano, che li guida. Questa salvezza Gesù è venuto a portare a coloro che si sentono così. È venuto a creare una separazione tra coloro che si riconoscono bisognosi dell’amore del Padre e coloro che, invece, si ritengono autosufficienti.

La salvezza portata da Gesù e per i piccoli, ce l’ha detto il profeta Sofonia. Gesù ha esplicitato il senso di questa salvezza con un’espressione: “Beati…”. La beatitudine promessa e attuata da Gesù inizia già da questa terra, e parte – questo il punto! – dall’accettazione di questa realtà: Gesù Cristo è venuto per me, è venuto per farmi sentire vicino l’amore di un Padre che non vuole altro se non prendermi per mano; a condizione che io mi senta “piccolo”, cioè povero in spirito, che io pianga, che io abbia fame e sete della giustizia, che io sia misericordioso… La disponibilità da parte dell’uomo a farsi prendere per mano da Dio, come un bambino, per essere guidato da lui, questo rende beati.

(29.01.2017)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*