Chi è il mio prossimo?

(Lc 10,25-37)

Un dottore della Legge, un maestro di Israele, vuole mettere alla prova Gesù, vuole fargli un esame di teologia per vedere se è preparato veramente, e gli fa una domanda all’apparenza difficile: «Che cosa devo fare per ereditare la vita eterna?». Gesù risponde con un’altra domanda: «Che cosa sta scritto nella Legge? Come leggi?». Il dottore della Legge si dimostra preparato citando due versetti, uno dal Deuteronomio, «Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore…» (Dt 6,5), l’altro dal Levitico, «(Amerai) il prossimo tuo come te stesso» (Lv 19,18): i due comandamenti dai quali «dipendono tutta la Legge e i Profeti» (Mt 22,40). Gesù lo elogia: «Hai risposto bene; fa’ questo e vivrai». Però in questo modo quello che era andato per esaminare si trova esaminato e, per cercare di ridurre la brutta figura, fa un’altra domanda: «E chi è il mio prossimo?». E Gesù risponde con la famosa parabola del buon Samaritano.

Un uomo del quale non sappiamo nulla, se non che andava da Gerusalemme a Gerico – forse abitava in questa città e stava tornando a casa –, lungo la strada incappa nei briganti che lo derubano e lo lasciano a terra mezzo morto. Poi comincia “la processione”. Arriva un sacerdote; possiamo supporre che fosse diretto a Gerusalemme per il suo turno di servizio nel Tempio; quando vede quel malcapitato, tutto coperto di sangue, passa oltre. Arriva un levita; anche lui forse era addetto al servizio del Tempio; quell’uomo per terra mezzo morto e passa oltre. Per ultimo arriva un samaritano, quindi un forestiero in viaggio per affari; uno che non era ben visto dai Giudei, anzi per essi un eretico; quando vede il malcapitato a terra, scende dalla sua cavalcatura, si prende cura di lui, lo porta in un albergo e si assicura che abbia le cure necessarie fino al suo ritorno.

La domanda di Gesù al dottore della Legge è scontata: «Chi di questi tre ti sembra sia stato prossimo di colui che è caduto nelle mani dei briganti?»; il dottore della Legge non ha bisogno della sua scienza per rispondere: basta un po’ d’intelligenza; «Quello che ha avuto compassione di lui», risponde; e Gesù conclude dicendo: «Va’ e anche tu fa’ così».

Da questa parabola potremmo ricavare tanti spunti di riflessione. Ve ne propongo uno solo.

Tenete presente che quell’uomo è uno sconosciuto per tutti gli altri personaggi della parabola: nessuno sa chi sia. È vero anche che il sacerdote e il levita, che passano oltre, potrebbero avere una giustificazione per il loro comportamento, perché la legge di Mosé prescriveva che colui che si era sporcato le mani di sangue era impuro e non poteva prestare servizio nel Tempio; se si fossero sporcate le mani di sangue accudendo quel malcapitato, non avrebbero potuto svolgere le loro funzioni. Gesù non fa nessuna valutazione esplicita del loro comportamento, si limita a dire: «Vide e passò oltre»; in definitiva, a torno o a ragione, si rifiutano di accudire quel poveretto, cosa che fa soltanto il Samaritano.

Nessuno dei tre, dunque, conosceva quell’uomo, per tutti e tre era un illustre sconosciuto. Questo ci dice che il nostro prossimo non ce lo scegliamo. Noi pensiamo: prossimo uguale vicino; viene detto anche nella parabola: il Samaritano si avvicina al malcapitato mentre gli altri passano oltre, ma non è questo che lo rende prossimo; ciò che lo rende prossimo è che lui ha compassione di quell’uomo. Lo dice chiaramente il maestro della Legge, quando Gesù gli ripresenta la domanda che lui aveva fatto: adesso è in grado di rispondere: «Chi ha avuto compassione di lui».

Il nostro prossimo non ce lo scegliamo, anche se magari siamo abituati a pensare che il prossimo più prossimo è il vicino di casa, i membri della famiglia, gli amici che ci sono più vicini… No, o non necessariamente, perché il mio prossimo più prossimo è quello verso il quale io dovrei “provare compassione”.

Faccio un esempio che, tenendo presenti le situazioni che si sono create in questi anni, dovrebbe rendere bene l’idea. Pensate agli abitanti di Lampedusa: non conoscono quella massa di gente che sbarca sulla loro isola, eppure li accolgono, cercano di fare del loro meglio per accudirli; purtroppo ne accolgono persino i morti nei loro cimiteri. Ecco, questo è un esempio di quello che intendo quando dico che il prossimo non ce lo scegliamo: quella gente di Lampedusa non ha scelto quei malcapitati che arrivano lì, eppure li accoglie, presta loro le cure necessarie, ha compassione di quella gente; cosa che in molti altri posti d’Europa fa difetto, anzi qualcuno, da qualche parte, proponeva di “andare a prenderli” direttamente a casa loro, selezionandoli alla fonte!

Il nostro prossimo non ce lo scegliamo: ci capita davanti, come quel malcapitato sulla via che va da Gerusalemme a Gerico capita davanti a quei tre; i primi due sono indifferenti, il terzo ha compassione di lui e diventa suo prossimo.

Qualora volessimo provare a rispondere noi a quella domanda del dottore della Legge, «Chi è il mio prossimo?», la risposta più ovvia dovrebbe essere: Il mio prossimo è quella “tegola” che mi cade all’improvviso tra capo e collo, alla quale non posso sottrarmi se non facendoci la figura che ci fanno quei primi due sulla via per Gerusalemme, quelli che non vogliono “sporcarsi le mani”; il mio prossimo è colui del quale io sono chiamato ad avere compassione; può essere anche il mio vicino di casa, può essere un membro della mia famiglia, ma può anche essere – e spesso è – un illustre sconosciuto, uno che viene da chissà dove e all’improvviso bussa alla mia porta, non necessariamente la porta di casa, più facilmente alla porta del mio cuore, per chiedere compassione: quello è il mio prossimo.

(10/7/2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.