Siamo qui stasera per rendere l’omaggio del nostro affetto e della nostra preghiera ai 19 caduti vittime dell’attentato di Nassiriya.

Abbiamo già espresso, a suo tempo, sempre qui, in chiesa, la nostra contrarietà di fronte al fatto che sulla logica della pace aveva prevalso la logica della guerra. Ora non è più tempo di questi discorsi. Davanti a quelle 19 bare le discussioni non hanno più senso: devono prevalere la riflessione e la preghiera, la virtù teologale della speranza, che ci porta a credere, anche contro ogni evidenza, che alla fine il bene prevarrà; il vero bene, quello fondato sulle “quattro colonne” che Giovanni Paolo II, nel suo discorso per la Giornata Mondiale della Pace, ricavava dalla “Pacem in terris” di Giovanni XXIII: la Verità, la Giustizia, l’Amore, la Libertà.

Quei morti, che una divisa o un incarico civile distingueva in vita, sono stati accomunati in un tragico destino che ne ha spento per sempre l’esistenza terrena e le attività, ma li ha fatti emergere dall’anonimato. Non sono più “i soldati” o “i carabinieri” o “i civili” in missione di pace in Iraq: sono “gli eroi”, coloro che hanno pagato il più alto tributo che un uomo possa pagare per un ideale: hanno versato il sangue per la dignità di un popolo che ancora fa fatica a ritrovare la sua strada verso un futuro di sicurezza, di giustizia, di pace.

Per un credente questo non può non richiamare alla mente le parole di Gesù: «Nessuno ha un amore più grande di colui che dà la vita per coloro che ama» (cf Gv 15,13) e «Beati gli operatori di pace» (Mt 5,9).

Erano andati lì per seminare amore ed hanno raccolto odio; certo un odio venuto dall’esterno, estraneo a quelli per i quali lavoravano con entusiasmo e dai quali erano rispettati; un odio generato da cuori induriti che lottano perché non prevalga il bene.

Mi sembra di vedere in questo una terribile attualizzazione di un’altra parola del Signore: «Verrà l’ora in cui chiunque vi ucciderà crederà di rendere culto a Dio. E faranno ciò, perché non hanno conosciuto né il Padre né me» (Gv 16,2-3).

Come sempre nei momenti tragici, gli italiani si sono ritrovati uniti e solidali nel dolore, nel piangere questi loro fratelli, prime vittime di guerra in tempo di pace. Vittime di una guerra assurda, teoricamente finita, ma ancora drammaticamente micidiale, che rischia di accompagnare l’umanità intera ancora per molti mesi se non per anni; vittime di una guerra che pochi volevano, ma che ormai diventa sempre più ineluttabile, globale.

Occorre, infatti, trovare il modo per rendere inoffensive queste “schegge impazzite” di un estremismo che professa ed attua il suicidio, l’omicidio, la strage di innocenti, l’odio per l’altro, e tutto ciò assurdamente in nome di Dio…

È giusto e doveroso piangere questi nostri fratelli. Le lacrime, unite al loro sangue, saranno come quelle poche gocce d’acqua che il sacerdote unisce al vino prima che diventi Sangue di Cristo, sacramento di salvezza.

È giusto e doveroso mantenerne vivo il ricordo. Le nuove generazioni hanno un grande bisogno di eroi veri, di veri modelli di vita, che ispirino loro sentimenti profondi, che siano esempio di dedizione, di spirito di sacrificio, di rispetto dell’altro anche quando non la pensa come noi.

È giusto e doveroso pregare per loro. La preghiera non giova solo a loro ma anche a noi, mantenendo vivi e saldi i legami che ci uniscono a coloro che hanno lasciato questa vita.

Ma è anche e ancor più giusto e doveroso impegnarsi perché le cause profonde di queste tragedie vengano estirpate dal seno dell’umanità.

È compito e missione di tutti e di ciascuno, perché ogni uomo che muore vittima della violenza, è mio fratello; ogni uomo che subisce ingiustizia a causa dell’odio e della discriminazione, è mio fratello; ogni uomo che soffre per mancanza di amore, è mio fratello.

Perciò è giusto che la missione italiana in Iraq vada avanti, che continui nonostante tutto, come continuano, in tante parti del mondo, le altre missioni umanitarie delle organizzazioni di volontariato, anche quando il rischio è alto, anche quando qualcuno torna a casa in una bara.

La missione in Iraq non è più – se mai nel cuore di questi nostri caduti lo è stata – un’operazione militare: adesso si tratta di portare avanti quella testimonianza di vera umanità che 19 italiani hanno saputo dare al mondo. Ne sono prova – se mai ci fosse bisogno di prove – le scene che ci hanno mostrato i nostri carabinieri e i nostri soldati con i bambini di Nassiriya, e il dolore manifestato per quanto è successo dagli abitanti di quella città.

Noi siamo qui a pregare per i nostri caduti. Preghiamo perché il loro sangue, unito al sangue di Cristo, possa finalmente ottenere a tutti gli uomini il dono della pace.