Commemorazione di S.S. Giovanni Paolo II

 

Ieri è stato pubblicato il testamento spirituale del defunto Papa. Un testamento che aveva cominciato a scrivere nel marzo del 1979, sei mesi dopo la sua elezione. L’ultima parte, la più lunga, la scrisse il 17 marzo del 2000. Di quest’ultima parte vi leggo un breve passaggio molto significativo…

«Nel giorno del 13 maggio 1981, il giorno dell’attentato al Papa durante l’udienza generale in Piazza San Pietro, la Divina Provvidenza mi ha salvato in modo miracoloso dalla morte. Colui che è unico Signore della vita e della morte Lui stesso mi ha prolungato questa vita, in un certo modo me l’ha donata di nuovo. Da questo momento essa ancora di più appartiene a Lui. Spero che Egli mi aiuterà a riconoscere fino a quando devo continuare questo servizio, al quale mi ha chiamato nel giorno 16 ottobre 1978. Gli chiedo di volermi richiamare quando Egli stesso vorrà. “Nella vita e nella morte apparteniamo al Signore… siamo del Signore” (cf. Rm 14, 8). Spero anche che fino a quando mi sarà donato di compiere il servizio Petrino nella Chiesa, la Misericordia di Dio voglia prestarmi le forze necessarie per questo servizio».

Giovanni Paolo II ha lasciato – oltre alla enorme mole di documenti – un grande insegnamento per tutti. Mi limito a ricordare ciò che lascia a tre categorie umane: i potenti della terra, i giovani e i malati.

 

I potenti della terra.

I mezzi di comunicazione hanno molto insistito sulle immagini di tre grandi inginocchiati accanto alla sua salma. Era la prima volta che quella grande nazione rendeva omaggio ad un Papa morto con una delegazione a così alto livello.

Eppure Giovanni Paolo II non era stato tenero con quell’uomo e con le sue decisioni, come non era stato tenero con altri grandi che pure sono venuti a rendergli omaggio. Solo il tempo ci dirà se davvero i grandi della terra hanno imparato qualcosa da quest’uomo chiamato da un paese lontano ad occupare la sede che fu dell’apostolo Pietro, divenendo così la più alta autorità spirituale e morale del pianeta.

La reazione della gente semplice dinanzi al Papa morto ci ha fatto comprendere che non è mostrando i muscoli o battendo i pugni che si conquistano i cuori: è solo con la mitezza e con la testimonianza di una vita spesa per gli altri. È dunque con la consapevolezza di quanto scriveva nel suo testamento: «Spero che Egli [Dio] mi aiuterà a riconoscere fino a quando devo continuare questo servizio, al quale mi ha chiamato… Spero anche che fino a quando mi sarà donato di compiere il servizio…, la misericordia di Dio voglia prestarmi le forze necessarie». È una consapevolezza che diventa insegnamento: ogni autorità viene da Dio ed è un servizio affidato in favore degli ultimi.

 

I giovani.

Abbiamo visto la marea di giovani che si è riversata a Roma fin da quella sera del 2 aprile; abbiamo sentito molte testimonianze significative dell’entusiasmo che questo Papa vecchio e malato suscitava nel cuore e nell’anima delle nuove generazioni…

Anche qui il tempo ci dirà se, per dirla con il Manzoni, «fu vera gloria», se non è solo entusiasmo passeggero, ma un segno del cambiamento profondo che le parole e i gesti di questo Papa hanno saputo operare in questa generazione che, proprio per la lunghezza del suo pontificato, è cresciuta con lui, quasi alla sua ombra. Il tempo ci dirà se questa generazione ha capito ed ha fatto proprio il vero insegnamento di Giovanni Paolo II, che non portava a lui, sebbene persona profondamente carismatica, ma attraverso lui mirava a condurre a Cristo, «unico redentore dell’uomo».

Giovanni Paolo II ha indicato ai giovani di tutto il mondo e di tutti i tempi una direzione di marcia, un modello da imitare o quanto meno da seguire con entusiasmo e perseveranza. Questo modello non è Karol Woytila ma Cristo. I prossimi anni ci diranno se questa eredità che il compianto Papa ha consegnato a tutti loro è stata veramente compresa, fatta propria, trasformata in progetto di vita.

 

I malati.

Gli ultimi tempi della vita terrena di Giovanni Paolo II sono stati una lunga Via Crucis. Ci si chiedeva: Perché non si dimette? Ma lui testardamente andava avanti… Era fermamente deciso ad andare avanti, finché il suo “Datore di lavoro” – come disse – non avesse ritenuto giunto il momento di “dimissionarlo”.

Dal suo testamento sembra di capire che nel 2000 aveva preso in considerazione l’ipotesi di dimettersi, ma poi l’ha scartata. E forse proprio il 2000,  l’anno del giubileo di inizio del terzo millennio, ha segnato la svolta definitiva. Si era reso conto – o almeno così aveva interpretato gli eventi successivi all’attentato – che in qualche modo in quel 13 maggio 1981 gli era stata donata di nuovo la vita, e questo dono prezioso doveva spenderlo fino in fondo per gli altri, almeno come testimonianza.

E infatti negli ultimi mesi era diventato in qualche modo un sacramento, cioè segno visibile di una grazia, della grazia della sofferenza vissuta per amore, come dono, come offerta, come sacrificio di espiazione.

Aveva già perso la possibilità di muoversi da solo, lui che aveva tante volte girato il mondo; è stato privato anche della voce, ma non ha smesso di parlare. Anzi proprio quando non ha più potuto parlare, la sua testimonianza si è fatta grido. Non era possibile fingere di non sentire l’insegnamento che veniva da quella figura distrutta dalla sofferenza fisica.

Quest’ultima Settimana Santa l’ha vissuta da protagonista con il vero Protagonista: è stato non solo spiritualmente ma anche fisicamente unito a Cristo nella sua passione. È diventato così una predica vivente sul modo in cui il cristiano accetta e vive la propria sofferenza, il decadimento fisico. Non è per caso, dunque, che nell’ultima parte del suo testamento spirituale ha citato l’insegnamento di Paolo nella lettera ai Romani: «Nessuno vive per se stesso e nessuno muore per se stesso… Sia che viviamo, sia che moriamo, siamo del Signore».

 

Giovanni Paolo II ci lascia dunque un grande e chiaro insegnamento. Un insegnamento difficile, certo. Difficile da accettare, da far diventare vita della propria vita. Ma ora che il suo corpo mortale riposa nella nuda terra, come lui aveva chiesto, abbiamo un solo modo per onorarne la memoria: far tesoro del suo esempio e continuare, ciascuno secondo la propria vocazione e la propria condizione, a servire i fratelli; continuare a seguire Cristo lungo le strade del mondo, fin dove vorrà condurci.

Stamattina il Cardinale Ratzinger, nell’omelia della Messa in Piazza San Pietro, ha rilevato quanto la vicenda umana di Karol Woytila è stata una risposta pronta e generosa a quella profezia che, nella persona di Pietro, il Maestro e Signore aveva fatto anche a lui con le parole che abbiamo ascoltato nel brano del Vangelo: «Quando sarai vecchio tenderai le tue mani, e un altro ti cingerà la veste e ti porterà dove tu non vuoi». E l’evangelista annota: «Questo gli disse per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio. E detto questo aggiunse: “Seguimi”».

Giovanni Paolo II ha veramente seguito il suo Signore sulla strada della croce. La sua morte, più della sua vita, potrà essere fermento di nuova vitalità per la Chiesa se coloro che in questi giorni lo piangono, saranno pronti a seguire l’unico Pastore e guida del suo popolo, Gesù Cristo, che continuerà a donare alla sua Chiesa pastori secondo il suo cuore.

Le parole con cui Giovanni Paolo II si presentò al mondo, «Non abbiate paura: aprite, anzi spalancate le porte a Cristo», sono perciò anche il sigillo che chiude la sua tomba in attesa della risurrezione.