Specchiandoci in Pietro…

 

I racconti della Passione che ritroviamo nei Vangeli sono tutti abbastanza simili tra loro. Secondo gli studiosi, questo è dovuto al fatto che sono stati composti sulla base di materiale preesistente, a disposizione delle singole comunità. Ognuno degli Evangelisti, usando come base quell’opera, ha aggiunto dei particolari secondo le idee che voleva esprimere o secondo le ricerche fatte. Luca dice espressamente, all’inizio del suo Vangelo, di aver fatto ricerche presso coloro che erano stati testimoni dei fatti, per far sì che il suo Vangelo fosse un qualcosa che desse sostegno il più possibile alla fede di coloro che lo avrebbero letto.

Nel brano che abbiamo ascoltato, che è proprio il racconto della passione secondo Luca, i signoli personaggi sono delineati con una finezza straordinaria, tanto che potremmo fare una riflessione molto dettagliata su ciascuno di loro. Per ovi motivi di tempo, mi limiterò a un solo personaggio: Pietro. Questi potrebbe essere lo specchio in cui si riconosca la maggior parte di noi cristiani, che ci inoltriamo nella Settimana Santa.

Innanzitutto Pietro è un ingenuo, perché crede che quello che ha in testa sia la verità, ciò che deve andare avanti; per cui è capace anche di affrontare Gesù a viso aperto quando qualcosa che Gesù dice non gli garba, non rientra nel quadro che si è fatto dentro la sua testa. Ma Pietro è anche pieno di entusiasmo per quel Gesù che ama tanto, e questo entusiasmo gli fa spesso dimenticare che Gesù non è Pietro: Gesù ha una sua missione da svolgere e, anche quando non entra negli schemi di Pietro, questa missione dev’essere portata avanti.

Così Pietro ha il coraggio di dire: «Io starò con te fino alla morte, mi farò ammazzare con te!» E Gesù deve ricorrere a tutta la sua tattica pedagogica per ridimensionare le idee di Pietro. «Caro Pietro, prima che il gallo canti (cioè prima che spunti il giorno) tu mi avrai rinnegato tre volte! Perciò: abbassa la cresta».

Quanti di noi potrebbero ritenere come rivolto a sé questo ammonimento. Tutti quelli che, in certe circostanze, presumono di poter indicare al Padreterno come si fa il suo mestiere! Ma Cristo ha già la sua missione da portare avanti, anche quando questa missione, coinvolgendoci, appare scomoda ai nostri occhi.

Pietro dice che vorrebbe seguire Gesù fino alla morte. Anche noi, a caldo, saremmo disposti a dire: «Mi farei uccidere per Gesù!». Povero Gesù: se dovesse aspettare che noi ci facciamo uccidere per lui…

Pietro dunque è uno che ci rappresenta, perché nel momento in cui è chiamato a testimoniare la sua conoscenza di Gesù, prevale la sua umanità debole, fragile: rinnega Gesù. Nega di conoscerlo davanti a dei servi, a gente a cui avrebbe potuto rispondere di farsi i fatti suoi. No: ha paura, e allora nega di conoscerlo. E il gallo che canta all’alba gli ricorda quello che gli aveva detto Gesù.

Notate la finezza dell’Evangelista nel descrivere la reazione di Pietro: «Pianse!». In quel momento Gesù usciva dalla sala del Sinedrio e guarda verso Pietro. Quando i loro sguardi s’incontrano, Pietro capisce non tanto che è stato uno stupido – perché stupido lo è stato – ma che Gesù lo ama più di quanto lui ami Gesù, e lo aveva già perdonato quando gli ha detto che lo avrebbe tradito di lì a poche ore.

Anche in questo Pietro è molto simile a noi, e noi siamo molto simili a Pietro. Tutte le nostre belle “attestazioni di fedeltà” al Signore il più delle volte naufragano nella paura di dover in qualche modo mettere alla prova la nostra fede. E allora, fratelli miei, questo Pietro forse, senza troppa presunzione, potremmo prendercelo, da oggi fino a sabato notte, come compagno di viaggio in questa Settimana Santa e dirgli: «Caro Pietro, io mi metto vicino a te, non per cercare di salvaguardarti dal fare sciocchezze, ma per cercare con te di fare meno sciocchezze di quelle che ho fatto fino a questo momento, con la speranza che quando Gesù uscirà dal Sinedrio, incontrando anche il mio sguardo, perdoni le mie debolezze come ha perdonato le tue».

Se ci mettiamo in questa prospettiva, faremo una buona Settimana Santa. Vivremo un buon Giovedì Santo con la Cena del Signore, rivivremo nella celebrazione del Venerdì Santo  i fatti che ora abbiamo sentito narrare, fino a gioire con Pietro e con tutti gli altri nella Veglia Pasquale. Altrimenti la Settimana Santa, come tante altre Settimane Sante che abbiamo trascorso nella nostra vita, passerà, come acqua sulla roccia, senza lasciar traccia dentro di noi.

Affidiamoci, dunque, a Pietro e chiediamogli che ci prenda per mano e ci accompagni, perché questa sia veramente, per ognuno di noi una, Settimana Santa.