Novità di vita

 

«Ecco, faccio una cosa nuova: proprio ora germoglia, non ve ne accorgete?».

Queste parole del profeta Isaia sono rivolte stasera in particolare a voi, cari giovani che siete venuti per essere confermati nella fede battesimale della Chiesa. Esse contengono la promessa di qualcosa che nel sacramento vi viene donato.

Ma perché un dono possa essere apprezzato, dev’essere desiderato; perché possa essere desiderato, dev’essere conosciuto; perché possa essere da voi conosciuto, dev’esservi manifestato. Qual è dunque la promessa?

«Aprirò una strada nel deserto, farò scorrere fiumi nella steppa».

È ancora Isaia che parla, usando immagini che evocano luoghi desolati e aridi, che vengono resi abitati e fertili. Questa è la novità che ci viene manifestata.

Per comprenderla dobbiamo penetrare nella parola che ce la comunica. Dobbiamo chiederci: Di cosa sta parlando il profeta?

Isaia annunzia al popolo eletto, in esilio a Babilonia, che Dio sta per manifestare la sua potenza liberando i suoi fedeli, facendoli tornare attraverso il deserto alla loro patria. È una novità sconvolgente, che il popolo attendeva ma nella quale ormai non sperava più, perché si era adagiato nella sua situazione senza speranza…

Anche noi spesso ci accontentiamo di una vita mediocre, non pensiamo o non crediamo più che ci possa essere qualcosa di veramente nuovo, capace di far “rifiorire il deserto” del nostro cuore. E invece il profeta ci sollecita a spingere in profondità il nostro sguardo per accorgerci di quella “cosa nuova” che germoglia…

C’è sempre una novità davanti a noi, una nuova strada sulla quale siamo invitati a camminare. Questa novità è innanzi tutto un invito a farsi nuovi nel cuore, a cambiare dentro, altrimenti non servirà a nulla camminare su una nuova strada verso una cosa nuova: tutto diventerà ancora una volta vecchio.

È lo Spirito del Risorto che fa nuove tutte le cose, ci propone una nuova meta per la nostra vita, ci propone di seguirlo su una nuova via.

Ci propone… Noi non siamo strumenti passivi bensì esseri intelligenti e liberi: possiamo scegliere di non voler percorrere quella nuova via, di non voler raggiungere quella nuova meta, di non voler conquistare quella cosa nuova che ci viene messa davanti.

La nostra volontà, dunque, ha bisogno di essere purificata.

La conversione, a cui la Quaresima ci invita, è questa purificazione del cuore, questa novità di vita, anzi di progetto di vita, da accogliere e realizzare con fatica ogni giorno.

Abbiamo ascoltato san Paolo: lui, che era stato rapito dal Risorto, dice di essere ben consapevole della meta che gli sta davanti, eppure non ritiene di averla ancora raggiunta; sa che deve continuare a correre verso di essa per poter un giorno ricevere il premio.

Questo vale anche per ogni battezzato, per ognuno di noi. Siamo in cammino verso una realtà che ci viene proposta continuamente come una novità di vita. Quando perdiamo di vista questa prospettiva, la realtà ci appare distorta; leggiamo gli eventi della nostra vita e di quella degli altri in modo errato. Come capitò a quei benpensanti del Vangelo…

Quella donna era una peccatrice e andava punita secondo la legge. Non si accorgevano, però, che questo giudizio partiva da una visione distorta della realtà. E Gesù li costringe a prendere atto di questa situazione: «Chi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra contro di lei».

Costretti a guardarsi dentro, a confrontarsi con la novità rappresentata da quel Maestro, scoprono che il disordine che additavano in quella donna era anche e soprattutto dentro di loro. E allora se ne vanno, a testa bassa, «cominciando dai più anziani»…

Anche questo particolare la dice lunga. L’età, forse, affina la vista e l’udito dello spirito, permette di percepire più facilmente tante cose, anche la ruggine che si è accumulata sul nostro cuore. Non perché prima, da giovani, ce ne sia necessariamente di meno; solo che la percepiamo di meno. È per questo che l’anziano, più del giovane, riesce a vedere meglio i propri limiti; forse non sempre ad accettarli, ma a vederli sì. Il giovane è più propenso a guardare fuori di sé, e vede meno facilmente quelle piccole o grandi imperfezioni che si accumulano nel suo cuore…

Ma torniamo alla scena del Vangelo…

Gli accusatori se ne vanno, ma l’accusata resta lì, in attesa di una sentenza che viene con una parola di assoluzione: «Va’ e d’ora in poi non peccare più».

Anche lei aveva smarrito o non aveva mai visto la strada nuova aperta nel suo cuore. Gesù gliela indica e la invita a percorrerla in novità di vita. Ma l’avverte: Non pensare di poter seguire questa nuova via portandoti dietro i pesi della tua vita passata; sarebbe inutile: ti ritroveresti su vecchi sentieri che ti riporterebbero inesorabilmente verso vecchi traguardi.

Che cosa dice a noi tutto ciò in questa sera? Che cosa dice in particolare a voi, che tra poco sarete confermati nella fede dall’effusione dello Spirito?

Ci dice – vi dice – che c’è una novità di vita a cui dobbiamo tendere, se vogliamo veramente realizzare noi stessi. I cambiamenti esteriori, di facciata, non servono a niente: ci rendono solo “sepolcri imbiancati”, immagine radicale dell’ipocrisia.

Anche questa cresima, se non produce frutti di rinnovamento interiore, è solo apparenza.

Voi sapete – perché ve lo abbiamo spiegato durante il corso – che i sacramenti agiscono per sé stessi: producono realmente ciò di cui sono segno; ci donano la grazia. Ma se questa grazia trova dentro di noi un ostacolo, un cuore arrugginito, non potrà dare quei frutti per i quali vi viene donata.

Dio guarda il cuore, Dio conosce in profondità il cuore dell’uomo, e continua a prospettargli quella nuova via, quella cosa nuova che ora germoglia e che può diventare nostra innanzi tutto se ce ne accorgiamo, se ne cogliamo la novità.

Stasera per voi si realizza una cosa nuova: lo Spirito vi conferma nella fede battesimale.

Ciò si realizza con certezza: Dio è fedele alle sue promesse e attuerà questo cambiamento dentro di voi. Ma la strada nuova che egli apre nel vostro cuore rischia di restare deserta se voi non accettate di percorrerla con uno spirito nuovo; nella convinzione che stasera siete qui per compiere un passo importante, per dire il vostro sì a una proposta, per confermare davanti a Dio e alla comunità cristiana la vostra fede in Dio Padre Figlio e Spirito, in Gesù Cristo morto e risorto per la nostra salvezza.

È questa la strada che si è aperta davanti a voi il giorno del vostro battesimo e sulla quale oggi vi impegnate a proseguire, non a parole, ma con i fatti e nella verità.

Come per Paolo, dunque, questo momento non è per voi un traguardo o il traguardo, per cui da oggi in poi possiate starvene tranquilli per i fatti vostri, vivendo la vostra vita come se Dio non esistesse. Non siete giunti al traguardo: avete conquistato – anzi state per conquistare – la pole position, da cui partire con slancio verso una meta che sarà sempre davanti a voi e vi chiamerà sempre a seguirla, ad andare avanti.

Per fare ciò, per inseguire questa meta, dovrete chiedere stasera allo Spirito di cambiare il vostro cuore, di liberarlo da quelle incrostazioni che possono essersi formate su di esso, così che possiate avere sempre chiara davanti a voi la prospettiva nuova che Dio apre nella vostra vita.

E questo impegno voi lo prendete nella comunità e davanti ad essa, perché ad essa, oltre che a Dio, dovete dar conto del vostro cambiamento, della vostra scelta libera di proseguire in una nuova prospettiva di vita quel cammino iniziato il giorno del vostro battesimo.

In quel giorno fu questa comunità ad accogliervi; oggi questa comunità vi chiede di dimostrarle con i fatti che siete diventati adulti nella fede.

Il “sigillo dello Spirito Santo” che tra poco, per incarico del nostro Arcivescovo, vi consegnerò è questo impegno, questa conformazione a Cristo che, iniziata nel battesimo, trova la sua espressione massima nella cresima, ma avrà il suo compimento in ogni gesto e parola di fede che voi compirete nella comunità e per la comunità.