Famiglie senza Cristo?

 

La domenica che cade nell’ottava del Natale è dedicata alla Santa Famiglia di Nazareth. Il rischio di questa coincidenza è che si butti tutto in poesia, quella che sgorga spontanea dal cuore davanti alla grotta di Betlemme: il Bambino avvolto in fasce, la Madre che lo contempla adorante, il padre “legale” un po’ in disparte, il bue e l’asinello, gli angeli, i pastori… Ma il titolo della festa – molto opportunamente – non ci parla della città di Davide, bensì del luogo dove Giuseppe fissa la sua dimora, dopo il ritorno dall’Egitto. Niente a che fare con il presepio, dunque, ma piuttosto con la realtà di una famiglia vista nella quotidianità della sua vita: il Bambino che cresce, la Madre che lo accudisce e si prende cura della casa, il padre che con il suo lavoro procura il necessario sostentamento economico. Ma anche sotto questo aspetto proporre la Famiglia di Nazareth come modello delle nostre famiglie è quanto meno azzardato: una famiglia con un solo figlio è molto diffusa nella società odierna, ma non è certo l’ideale cristiano…

In effetti la Famiglia di Nazareth è – o dovrebbe essere – un modello fondamentale per le nostre famiglie, ma non per le specificità finora accennate, quanto piuttosto per un particolare che in genere diamo tanto per scontato da non farci caso.

Ci siamo mai chiesti cosa sarebbe la Santa Famiglia di Nazareth senza la presenza del divino Bambino? Non sarebbe né santa né famiglia. Eppure proprio la presenza di Gesù Cristo viene considerata una cosa talmente normale, scontata, che non le diamo grande peso. Invece ciò che fa della Famiglia di Nazareth un modello imitabile e da imitare per le nostre famiglie cristiane è proprio la presenza di Gesù Cristo. Oggi più che nel passato.

Quando i nostri nonni, in condizioni che non erano certo migliori delle attuali, hanno tirato su famiglie di dieci figli e più, il capofamiglia non faceva un lavoro molto più remunerativo di quello di Giuseppe e le donne di casa non avevano tante comodità in più rispetto a Maria, e i bambini non erano meno vivaci del piccolo Gesù… Ciò che dava loro la forza e la speranza per andare avanti era qualcosa che i “grandi” portavano dentro e con la parola e con l’esempio cercavano di inculcarlo nei ragazzi, che crescevano veramente «in sapienza, età e grazia» davanti a Dio e agli uomini.

È proprio la presenza del divino Bambino che dovrebbe essere realizzata e mantenuta stabilmente nelle nostre famiglie di oggi, spesso disastrate o in crisi. Invece a cosa assistiamo? A un tentativo sempre meno subdolo di estromettere Cristo dalle famiglie, come già di sta facendo con il Natale: un Natale senza Cristo, per una famiglia senza Cristo…

Sono pessimista?… Pochi giorni prima di Natale capto attraverso la tv una frase, riferita alla notte di Natale, che diceva pressappoco così: «Dobbiamo tirare mezzanotte, per aspettare Babbo Natale»! La notte del 24 dicembre non si aspetta più la nascita di quel Bambino: si aspetta che arrivi Babbo Natale!… In qualche parte di questo mondo, dove anche la parola “Natale” sembra dar fastidio – forse perché rievoca troppo “quella nascita” – al vecchio vestito di rosso, con la folta barba bianca, si è cambiato il nome, chiamandolo Nonno Gelo. Ma l’intenzione è la stessa: estromettere dalla festa più sentita dalle famiglie di tutto il mondo la presenza “ingombrante” di quel Bambino. Primo passo di una manovra tendente a metterlo fuori dalle famiglie e dalla società.

E allora è urgente chiederci, come abbiamo fatto per la Santa Famiglia: cosa sarebbero – cosa rischiano di diventare – le nostre famiglie senza la presenza di Gesù Cristo? Non sarebbero più né cristiane né famiglie. Sembra così lontana questa ipotesi? Proviamo a riflettere: forse non dobbiamo guardare nemmeno tanto lontano per trovare qualche esempio.

Siamo sempre in tempo ad evitare il baratro. La Santa Famiglia di Nazareth sta davanti a noi come modello che ci suggerisce l’importanza di mettere saldamente Cristo al centro delle nostre famiglie, soprattutto nella formazione delle nuove generazioni.