Una comunità che cammina insieme

 

I ministranti discutevano se il parroco doveva fare o no la predica e uno di loro, teologicamente, ha detto che non si doveva fare perché è un giorno feriale. Ognuno tira l’acqua al suo mulino. Ma se questo motivo teologico è un po’ debole, ce n’è uno pastorale che invece è fondato. Di solito nei giorni feriali l’omelia non si fa, e questo è un fatto. Ma quando in un giorno feriale c’è un’occasione particolare, specialmente quando c’è una più “abbondante” affluenza di fedeli, allora la predica ci sta bene.

Soltanto che la predica dovrebbe essere fatta – per un motivo teologico e pastorale – sulle letture che vengono proclamate. E le letture che abbiamo ascoltato non sono proprio l’ideale per una Messa di ringraziamento, perché ruotano intorno a un argomento, come un chiodo fisso: l’ascolto della Parola di Dio. Siamo in Quaresima, l’abbiamo sentito dire tante volte e lo sentiremo ancora: tutto il discorso, il nocciolo di tutta la questione, conversione o non conversione, che si dovrebbe realizzare durante la Quaresima, sta lì, proprio nell’ascolto della Parola. È dall’ascolto della Parola di Dio che noi ricaviamo la strada attraverso la quale ci dobbiamo convertire. E allora accogliamo quello che la liturgia del giorno ci propone e cerchiamo di trarne qualche pensiero illuminante e utile per la nostra vita di fede e anche per ringraziare il Signore per questo momento comunitario.

Nella prima lettura Dio, per bocca di Geremia, rimprovera il popolo perché nonostante abbia raccomandato loro attraverso i profeti «di camminare per le sue vie», non gli hanno dato ascolto, anzi, invece di voltarsi verso di lui, gli hanno voltato le spalle. Questa è la premessa all’invito che poi la liturgia ci ha fatto ripetere più volte nel salmo responsoriale: Ascoltate oggi la sua voce, non indurite il vostro cuore.

L’indurimento del cuore, secondo la Bibbia, è la stessa cosa che voltare le spalle a Dio. Indurire il proprio cuore significa ribellarsi a Dio, non accoglierlo nel proprio cuore, non fargli spazio nella propria vita. Questo comporta una divisione, una separazione, una spaccatura tra noi e Dio e tra noi e i fratelli. Questo era vero per l’antico Israele e lo è per il nuovo Israele, la Chiesa.

A questa doppia separazione si può rimediare solo con la conversione, con la riconciliazione con Dio e con i fratelli. Ma perché questo discorso abbia un senso, è necessario che noi ci riconosciamo parte di quella comunità e che ci sentiamo, all’interno di essa.

E veniamo al brano evangelico.

Gesù ha fatto un miracolo. Si è trovato davanti un indemoniato muto. Quando lo “guarisce”, l’uomo riprende a parlare. I suoi avversari, pur di non accettare, e quindi di non accogliere, il significato di quel miracolo, arrivano a dire che è per il potere del diavolo che Gesù lo ha fatto.

Si crea una spaccatura tra quelli che stanno intorno a Gesù: tra quelli che gli credono e quelli che, pur di continuare a non credergli, sono disposti a dire sciocchezze.

Capita anche oggi, che pur di giustificare il nostro atteggiamento di opposizione al Signore e alla sua Parola, siamo disposti a dire sciocchezze, E lo facciamo molto spesso. Ed è questo il rimprovero che il Signore fa ai suoi seguaci, quelli di ieri e quelli di oggi: «Ogni regno diviso in se stesso va in rovina».

Che cosa dice in realtà Gesù con questo rimprovero? Una comunità cristiana è tale, è salda, se conserva l’unità al suo interno e se si mantiene unita al suo Signore. Nel momento in cui cominciamo a discutere tra noi o nei confronti di Gesù Cristo, abbiamo perso l’unità: apparentemente siamo un gregge che cammina, ma ognuno cammina per i fatti suoi.

Allora la conversione alla quale le letture che abbiamo ascoltato ci invitano, è di ascoltare colui che ci guida. Ascoltarlo nel senso di fare nostra la sua parola, non solo ascoltarla con le orecchie, ma farla entrare dentro, farla diventare vita della nostra vita, guida della nostra vita. E a questo punto in qualche modo c’entra anche il ringraziamento al Signore…

Poco fa qualcuno mi diceva: «Altri centocinquant’anni!». Meno male che la nostra vita sta nelle mani di Dio, non nelle nostre… Basterebbe anche un solo anno in più pur di realizzare, pur di vedere il bene all’opera nella comunità. Il che significa vedere una comunità unita, che cammina insieme, che si lascia guidare docilmente e insieme, pastore e gregge, cammina verso il Regno. Ascoltare la Parola e non voltare le spalle a Cristo che ci parla, questo dovrebbe essere il nostro programma, il percorso sul quale muoverci. Auguriamocelo. Indipendentemente da quanti anni il Signore ci concede da vivere, auguriamoci di vedere la realizzazione di questo sogno.