Permettete che io vi lavi i piedi

 

Questa è la quindicesima volta che celebro la Messa della Cena del Signore e la lavanda dei piedi e ogni volta è come se fosse la prima volta. Per me è la celebrazione più importante e significativa di tutta la settimana santa, perché esprime la realtà del mio essere parroco, pastore e padre di una comunità di fedeli.

Con questa celebrazione, voi lo sapete, ricordiamo due eventi importantissimi: in questa sera, infatti, prima di essere consegnato ai suoi carnefici, Gesù Cristo istituì il sacramento dell’Eucaristia e il ministero sacerdotale. Due realtà strettamente legate tra loro e alla vita della comunità cristiana, in un certo senso le colonne portanti della vita di una comunità, espresse in quelle parole di Gesù che ripetiamo in ogni Messa: Fate questo in memoria di me. Questo comando Gesù lo consegna ai suoi discepoli e attraverso loro a tutti i credenti di tutti i tempi.

Ma poi l’evangelista Giovanni ci riferisce che Gesù compie anche un altro gesto, altrettanto significativo: lava i piedi dei suoi discepoli. Questo gesto, rischia facilmente di essere trasformato in un momento coreografico, in una curiosità rituale, quasi teatrale; una ripetizione in chiave folcloristica del gesto pieno di significato che Gesù ha compiuto in quella fatidica sera. Su questo gesto vorrei soffermarmi stasera con voi, perché possiamo viverlo tutti insieme, pastore e fedeli, nella sua vera dimensione di servizio.

Di proposito ho fatto una piccola variazione rispetto alla normativa liturgica, facendo la predica dopo la lavanda dei piedi anziché prima, come dice il messale. L’ho fatto a ragion veduta, perché in questo modo posso evidenziare meglio il significato che questo rito ha per me e per voi. Posso farvi in maniera più significativa una domanda, la stessa che Gesù fa ai suoi discepoli: Capite quello che ho fatto?

Non lo chiedo solo e tanto a questi dodici vostri rappresentanti ai quali simbolicamente ho lavato i piedi: lo chiedo a tutti voi, miei parrocchiani: Capite il significato di quello che ho fatto?

Io sono in mezzo a voi come colui che serve… Questo dice Gesù ai suoi discepoli e questo devo dire io a ciascuno di voi. Io sono in mezzo a voi per servirvi. Ma la realtà di questa affermazione non è quella che, sbagliando, alcuni pensano: il parroco che deve stare al suo posto per celebrare messe e sacramenti “su ordinazione”, che deve rispondere positivamente ai piccoli o grandi “capricci” dei suoi figli spirituali… Forse è anche questo, ma il servizio a cui è chiamato è soprattutto un altro: quello della promozione spirituale di tutti e di ciascuno.

Questo servizio è un richiamo a vivere coerentemente il nostro essere comunità radunata intorno al Signore. Ricordate? I fedeli erano assidui nell’ascoltare l’insegnamento degli apostoli, nell’unione fraterna, nella frazione del pane e nelle preghiere; così il libro degli Atti degli Apostoli ci riassume la vita della primitiva comunità cristiana. Tutto era iniziato da quella sera, dal mandato che il Signore aveva affidato ai suoi proponendosi come esempio: Come ho fatto io, così dovete fare anche voi. E da allora ogni comunità, radunata sotto la guida di un sacerdote, si sforza di vivere questa duplice realtà di dono e servizio che Cristo ha affidato alla sua Chiesa in quel primo Giovedì Santo.

Il parroco, dunque, sta in mezzo a voi come colui che deve farsi servo della vostra crescita umana e spirituale, per condurvi tutti all’unità della fede nel Figlio di Dio, che si è fatto uomo ed è morto in croce per la salvezza di tutti. Deve spezzare per voi e con voi il pane della Parola e dell’Eucaristia; deve ristabilire i contatti tra voi e Dio, quando l’umana debolezza vi porta ad interromperli; deve farsi vostro compagno di viaggio nei momenti lieti e tristi della vita…

In queste e in tante altre cose si deve esprimere il suo servizio concreto in vostro favore, servizio che trova la sua espressione simbolica, in questa celebrazione del giovedì santo, attraverso la ripetizione rituale del gesto di Gesù del lavare i piedi ai suoi discepoli.

Però spesso, oggi come allora, viene fuori l’atteggiamento di Pietro: Tu non mi laverai mai i piedi!

Questo nella comunità cristiana si verifica tutte le volte che qualcuno si chiude, si ritrae di fronte all’offerta, implicita o esplicita, di quel servizio, tutte le volte che il parroco è visto come qualcosa di diverso da quello per cui è stato mandato.

Gli esempi potrebbero essere tanti. Ma questa sera c’è un motivo speciale che mi impone di far riferimento ad una circostanza particolare.

Penso in questo momento a nostri giovani che nei primi quattro giorni di questa settimana santa ho visto come pecore sbandate, frastornate dai tragici avvenimenti che ci hanno scossi. Il disorientamento si leggeva – e si legge – sui loro volti, nei loro occhi lucidi, nel loro parlare sommesso, in quel continuo sfuggire di sguardi e di passi… Lunedì sera mi sono trovato davanti una chiesa piena di volti smarriti, di sguardi persi nel vuoto alla ricerca di una spiegazione ai loro tormenti interiori; così pure martedì…

Figli miei, voi da soli non riuscirete a trovare risposta ai dubbi che vi tormentano. Non vi chiudete sui vostri dubbi, non vi isolate nei vostri tormenti. Acconsentite a farvi “lavare i piedi” da chi ha sofferto e soffre con voi e per voi, senza poter condividere con voi la sua sofferenza interiore.

Il tempo, certo, guarisce tutte le ferite; ma delle piaghe curate male restano le cicatrici. Io sono in mezzo a voi per servirvi secondo i criteri di Gesù Cristo, per aiutarvi a cercare, per cercare insieme con voi, le risposte ai tanti perché che si affollano nel vostro cuore. Non voglio violentare le vostre coscienze; vi dico solo: accettate il mio umile servizio, permettete che io “vi lavi i piedi”.