Servo della vostra fede

 

“Sapete ciò che vi ho fatto?”. Questa domanda di Gesù vuole risvegliare nei suoi discepoli la comprensione profonda di un gesto in sé scandaloso: il loro Maestro che si abbassa a compiere un’azione riservata all’ultimo dei servi! Ha ragione Pietro a ribellarsi. Ma Gesù lo rimprovera duramente e lo provoca a cercare più in profondità una spiegazione.

Stasera si è ripetuta davanti a voi quella scena. Che idea ve ne siete fatta? E questi dodici membri della comunità ai quali ho lavato i piedi, come lo hanno interpretato?

Il rischio è lo stesso di duemila anni fa: non riuscire a capire fino in fondo la portata di quel gesto…

Ieri sera ad Amalfi, ho celebrato con il Vescovo e gli altri sacerdoti della diocesi, l’origine del mio sacerdozio ministeriale, che si radica nell’imposizione delle mani e nella consacrazione. Questa sera con voi celebro il mio essere sacerdote per voi. Una volta consacrato, infatti, sono stato mandato a voi per essere in mezzo a voi segno e strumento di Cristo servo. Anche per me, infatti, valgono le parole che un giorno Gesù disse ai suoi discepoli: Io sono in mezzo a voi come colui che serve.

Non capirono allora né in quell’ultima sera, quando mostrò anche visibilmente il senso delle sue parole abbassandosi a lavare loro i piedi. E poiché ancora non capivano, diede loro un indizio: Vi ho dato l’esempio, perché come ho fatto io facciate anche voi.

Il gesto di lavare i piedi ha dunque un significato che va molto al di là del fatto in sé. Esprime un servizio dovuto, ma un servizio che non è quello riservato all’ultimo degli schiavi, come il povero Pietro lo aveva interpretato meritandosi un aspro rimprovero: Se non ti laverò non avrai parte con me!

Gesù aveva detto: Io sono in mezzo a voi come colui che serve, ma il suo comportamento era stato piuttosto quello di chi guida e forma le coscienze. In questo, infatti, si esprimeva il suo servizio e in questo si esprime ancora oggi il servizio di chi è stato mandato a guidare una comunità di fedeli. Io sono servo della vostra fede e della vostra salvezza, non dei vostri capricci. E’ questo il solo modo in cui posso e debbo servire questa comunità e ciascuno dei suoi membri. I modi in cui attuare questo servizio possono essere diversi. A volte possono anche sembrare non aver niente a che fare con la fede, ma sempre devono essere orientati al solo scopo di portare Cristo a voi e voi a lui, altrimenti tradisco il mio essere prete, tradisco la mia consacrazione. Gli strumenti potranno essere diversi a seconda dei destinatari, ma dovranno avere sempre come fine ultimo la missione, il compito che mi è stato affidato, vale a dire l’unico scopo per cui sono stato mandato in mezzo a voi.