Fare memoria

 

Il Giovedì Santo è il giorno in cui Gesù, prima di passare da questo mondo al Padre, fa ai suoi fedeli due doni: il sacramento del suo corpo e del suo sangue e il ministero del servizio ai fratelli.

L’eucaristia è il memoriale del Signore. Che cosa vuol dire?

Tutto comincia dalle parole che Gesù dice ai suoi discepoli in quel Giovedì Santo: “Fate questo in memoria di me”.

Sappiamo che cos’è la memoria: la facoltà che ci permette di ricordare gli avvenimenti, le parole, le idee… Nella celebrazione dell’eucaristia, però, “fare memoria” assume un significato più profondo: non solo noi ricordiamo gli avvenimenti del passato, quello che Gesù ha fatto e ha detto in quell’ultima sera e che ci viene tramandato attraverso il ricordo di coloro che ne furono testimoni; nella celebrazione noi rendiamo presente qui e adesso quegli avvenimenti; in modo misterioso ma reale essi si realizzano ancora per noi oggi.

In quell’ultima sera Gesù anticipò nel dono del pane e del vino il dono del suo corpo e del suo sangue che avrebbe realizzato sul calvario il giorno seguente. Noi, celebrando il memoriale della sua passione, ci riportiamo a quei momenti solenni e li riviviamo attraverso i segni sacramentali. Ogni messa, quindi, assume un valore e un’importanza infiniti.

Dopo la Pentecoste i discepoli cominciarono a riunirsi nel “giorno del Signore” per fare memoria degli avvenimenti che avevano vissuto in quella prima Pasqua cristiana. Chiamarono quel loro ritrovarsi insieme “la frazione del pane” e vi erano assidui come ad un evento essenziale per la loro vita sociale e di fede.

La celebrazione di questa sera ci richiama ad una maggiore fedeltà a questo insegnamento di coloro che prima di noi hanno creduto nel Signore risorto. La domenica è il giorno del Signore, in cui la comunità dei credenti si riunisce per “fare memoria” della passione morte e risurrezione di Gesù.

Questo primo dono del Giovedì Santo è veramente apprezzato, accolto e fatto proprio dai fedeli?

Ma c’è un secondo dono che in quell’ultima sera Gesù fece ai suoi.

Mentre era a tavola, si alzò, prese dell’acqua e passò a lavare i piedi degli apostoli. Un gesto inatteso e incomprensibile, che Pietro vorrebbe rifiutare: il Maestro e Signore che si abbassa a lavare i piedi dei suoi discepoli?

Ma anche quel gesto era un segno, qualcosa il cui significato andava al di là di ciò che gli occhi potevano percepire.

Gesù, il Maestro e Signore, lava loro i piedi per dare un insegnamento: essi non sono destinati ad esercitare un potere sulle persone ma a servirle, a imitazione del Maestro che si pone in mezzo a loro come colui che serve.

E l’insegnamento si fa esplicito in quella frase: «Se io, il Maestro e Signore, ho lavato i vostri piedi, anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri».

Allora il dono diventa impegno. Come nel cenacolo non c’erano solo i Dodici ma tutti coloro che fino alla fine dei tempi sarebbero stati chiamati ad esercitare il ministero sacro nella Chiesa, così stasera qui non ci sono solo questi dodici vostri rappresentanti: c’è ognuno di voi al quale il parroco lava i piedi perché comprendiate che a questo siamo chiamati: a servirci gli uni gli altri nell’amore di Cristo, ciascuno secondo la propria vocazione e i doni ricevuti.

In cosa si esprime questo servizio? In tutto ciò che serve o può servire a promuovere il vero bene delle persone.

Innanzi tutto l’accoglienza: accogliersi l’un l’altro come fratelli, come figli dello stesso Padre, come membri di una sola famiglia, la famiglia dei figli di Dio.

Poi la misericordia: l’atteggiamento che nasce dalla consapevolezza che io non sono migliore degli altri, che anch’io ho qualche debito di cui chiedere la remissione.

E non ultimo il dovere della testimonianza, del sostegno reciproco alla fede, incoraggiandosi e sostenendosi a vicenda nel cammino della vita.

E’ difficile? Sì, molto. Io faccio una fatica da pazzi e non ci riesco molto bene. Voi perdonatemi e aiutatemi a far meglio, anche con il vostro esempio.