Due grandi Sacramenti

 

In questa celebrazione la comunità cristiana è chiamata a meditare su due grandi doni che il Signore le ha fatto e le ha lasciato come testamento spirituale e come impegno di vita: il sacramento del suo Corpo e del suo Sangue e il ministero sacerdotale. Non è un’occasione per riflettere sulla teologia dei sacramenti dell’Eucaristia e dell’Ordine Sacro: è piuttosto l’invito a prendere coscienza dell’impatto che questi due doni hanno nella nostra vita cristiana e sociale. La domanda alla quale stasera siamo chiamati a rispondere, quindi, non è: Che cosa significa l’Eucaristia o che cosa significa l’Ordine Sacro. È piuttosto un’altra: Come nella mia vita accolgo il fatto che Cristo ha voluto farsi mio cibo spirituale e ha voluto continuare a farsi servo della mia salvezza attraverso i suoi ministri?

Per cercare una risposta possiamo partire dalla reazione di Pietro alla lavanda dei piedi e dall’ammonizione di Gesù: «Tu non mi laverai mai i piedi», «Se non ti laverò non avrai parte con me» (cfr Gv 13,8). Se Pietro non capiva il dono che il suo Maestro gli faceva chinandosi a lavargli i piedi, come avrebbe potuto capire il dono del suo corpo e del suo sangue? Di qui la minaccia: Non avrai parte con me…

E noi, dopo duemila anni di Cristianesimo, siamo sicuri di capire cosa significano per ciascuno di noi i doni dell’Eucaristia e del ministero ordinato?

Per molti cristiani l’Eucaristia è “fare la comunione”… A volte la “prima” e forse poche altre nel corso della vita. O magari tante comunioni come fossero passeggiate… Non comprendiamo – o dimentichiamo – che Eucaristia significa “rendimento di grazie”, cioè dire grazie dal profondo del cuore per il grande dono di amore che abbiamo ricevuto. E dimenticando questo, dimentichiamo il dovere che abbiamo di “dire grazie a Dio” per tanti benefici che ci concede lungo la nostra giornata. E così succede che non sentiamo alcun bisogno di partecipare all’Eucaristia domenicale, quando tutta la comunità dei fratelli di fede si riunisce nella casa comune per “rendere grazie” al Padre per mezzo di Gesù Cristo nell’amore dello Spirito Santo. E perdendo questo appuntamento vitale, la nostra vita di fede si affievolisce, diventa sempre più opaca, come il vetro di una finestra che, non pulito, diventa sempre meno trasparente alla luce del sole, che pure sta lì a illuminare tutto e tutti, ma non ci sta per noi che ce ne stiamo chiusi dietro una finestra sporca…

Se capissimo veramente il valore e l’importanza del dono dell’Eucaristia, non potremmo non far nostra quell’affermazione che i martiri di Abitene, nell’anno 304 opposero all’imperatore Diocleziano, che aveva vietato loro di celebrare “il giorno del Signore”: «Senza la celebrazione domenicale noi non possiamo vivere!». E invece le nostre Messe sono sempre più deserte…

È colpa dei preti! potrebbe dire qualcuno. Forse è vero. Ma questo ci porta all’altro dono, quello del servizio esercitato in nome e per conto di Cristo da parte di alcuni che una scelta dall’alto ha chiamato ad essere ministri di quell’Amore che si è offerto sulla croce per tutti gli uomini. Anche questo secondo dono spesso viene frainteso…

Il papa Benedetto XVI ha voluto che questo anno – nel quale si ricorda il 150° anniversario della morte del santo Curato d’Ars, patrono dei sacerdoti – fosse dedicato alla riflessione sul ministero ordinato e alla preghiera per i sacerdoti. Quale occasione migliore di questo Giovedì Santo, dunque, per sforzarci di comprendere il senso vero di questo dono?

Anche qui ci è di aiuto l’episodio di Pietro che non vuole farsi lavare i piedi…

Perché quella reazione di Pietro? Perché aveva una sua idea del Maestro, idea che non si conciliava ma anzi faceva a pugni con quel gesto che lui voleva compiere. E si ribella: Tu non mi laverai mai i piedi… Questo rifiuto non è un’offesa nei confronti di Gesù, è piuttosto un paterno rimprovero: altre volte Pietro ha verso Gesù questo atteggiamento protettivo… Egli intende dire: Tu sei venuto per essere capo e guida, Maestro appunto, non servo. Non puoi abbassarti così!…

Cosa Pietro non ha capito? Non ha capito che il servizio per cui Gesù è venuto nel mondo, il servizio che gli offre, non è quello del capo che porta i suoi seguaci alla vittoria, alla ricostituzione del regno d’Israele; è invece il servizio umile e discreto di far sbocciare e crescere dentro di lui la conoscenza del Padre. «Questa è la vita eterna – avrebbe detto di lì a poco – che conoscano te, Padre, e colui che hai mandato» (cfr Gv 17,3).

Di fronte a quella minaccia Pietro accetta il gesto di Gesù, ma è chiaro che non ha capito. Così, dopo la lavanda dei piedi, Gesù glielo spiega: Voi mi chiamate Maestro e Signore, e dite bene, perché lo sono. Ma è anche vero che io sono in mezzo a voi come colui che si mette al servizio. Io sono stato mandato per portarvi la vita, quella vera, e per guidarvi ad essa; questo è il compito che ho ricevuto dal Padre. Tu, caro Pietro, vedi in me qualcosa che io non sono e ti aspetti da me qualcosa che io non potrò mai darti. Io, il Maestro e il Signore, lavo i vostri piedi per darvi un esempio: perché anche voi facciate lo stesso gli uni verso gli altri. Come io sono venuto nel mondo per rivelare agli uomini l’amore del Padre, così anche voi, con la vostra vita e le vostre parole, dovete rivelare agli uomini l’amore del Padre.

I ministri ordinati, coloro che sono posti a servizio della comunità, non hanno il compito di assecondare le idee o i capricci dei singoli o dei gruppi; hanno il compito di servire la salvezza di coloro che gli sono affidati. Ciò vuol dire sopra tutto e prima di tutto che hanno il compito di formare le coscienze, di alimentare la fede con l’annuncio della Parola di Dio e la celebrazione dei Sacramenti. E questo significa non accontentarsi di quello che c’è e di come è, ma tendere sempre, con l’aiuto di Dio, a migliorare l’esistente. Il servizio che il sacerdote deve rendere al popolo di Dio è lo stesso che Cristo ha offerto ai suoi discepoli in quel primo Giovedì Santo: “lavare loro i piedi” perché siano purificati:  aiutarli a crescere nella fede, nella speranza e nella carità.

Non è un caso che – dopo essere tornato al suo posto a tavola – Gesù chiede loro: «Capite quello che ho fatto per voi?». Sarebbe stata una domanda inutile se riferita al gesto esteriore: lo avevano visto bene e lo capivano. Ma Gesù voleva spingerli ad andare al di là di quello che gli occhi avevano visto: andare in profondità, al significato vero del gesto: Io sono in mezzo a voi come colui che serve, dunque anche ciascuno di voi deve essere per i fratelli come colui che “serve”, cioè colui che offre un servizio alla vera crescita di ciascun uomo e di tutto l’uomo.

La difficoltà di questo servizio sta proprio nel fatto che non è quello di cui in genere si sente la necessità, anche oggi, anche qui nella nostra comunità parrocchiale. Così succede che dal ministro ordinato – dal parroco – ci si aspetta che faccia tante cose, per i bambini, per i ragazzi, per i giovani, per gli adulti, per gli anziani… Tante cose, ma non l’unica che veramente e unicamente gli compete come obbligo morale: annunciare la Parola e celebrare i Sacramenti. Questo è il compito per il quale è stato chiamato e posto a capo della comunità, per essere “come colui che serve” non i capricci di questo o di quel gruppo, ma la salvezza di tutti e di ciascuno. Qualsiasi altra cosa, strategia, iniziativa, è giusta e desiderabile solo se orientata a questo “servizio” fondamentale.

Anche oggi può esserci chi si rifiuta, chi si tira indietro perché non capisce il senso di quel servizio. Come Pietro, che non voleva che il suo Maestro gli lavasse i piedi…