Un omaggio e una testimonianza di affetto

 

Carissimi, stasera abbiamo la gioia di rendere omaggio a S. Giovanni Paolo II attraverso una sua reliquia. Per questo gesto di devozione filiale ho pensato ri riportar tutti quanti noi, per qualche istante aglli inizi dellungo pontificato di questo grande Pontefice. Vi leggo, a tal proposito, un passo dell’omelia che Giovanni Paolo II pronunziò nella Messa di inizio del pontificato, il 22 ottobre 1978.

«Fratelli e Sorelle! Non abbiate paura di accogliere Cristo e di accettare la sua potestà!

Aiutate il Papa e tutti quanti vogliono servire Cristo e, con la potestà di Cristo, servire l’uomo e l’umanità intera! Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! Alla sua salvatrice potestà aprite i confini degli Stati, i sistemi economici come quelli politici, i vasti campi di cultura, di civiltà, di sviluppo. Non abbiate paura! Cristo sa “cosa è dentro l’uomo”. Solo lui lo sa! Oggi così spesso l’uomo non sa cosa si porta dentro, nel profondo del suo animo, del suo cuore. Così spesso è incerto del senso della sua vita su questa terra. È invaso dal dubbio che si tramuta in disperazione. Permettete, quindi – vi prego, vi imploro con umiltà e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo. Solo lui ha parole di vita, sì! di vita eterna».

Sono passati 37 anni e queste parole sono ancora perfettamente attuali e necessarie.

Quelli di noi che hanno qualche anno in più, se lo ricordano ancora bene questo Papa. Ma forse il mondo – e mi riferisco al mondo in senso biblico, non geografico – ha già perso il ricordo non della figura ma del suo insegnamento. Credo allora che faccia bene ricordarlo in questa felice circostanza nella quale abbiamo la gioia di venerare, nella nostra parrocchia, una sua reliquia, dopo che l’infinita sapienza di Dio ha disposto che questo grande Papa, insieme a un  altro grande, Giovanni XXIII, sono stati elevati agli onori degli altari l’anno scorso.

L’insegnamento di un Papa che ha guidato la Chiesa per 28 anni è difficile da riassumere in poche parole. Però io credo che quando Giovanni Paolo II ha voluto dire le parole che vi ho ricordato, dentro di lui era profondamente convinto che esprimessero il programma del suo pontificato: incitare i fedeli ad aprire le porte a Cristo. Dice proprio così: «Aprite, anzi spalancate le porte a Cristo» e dite al mondo che spalanchi le frontiere.

È straordinario che pochi anni dopo, una frontiera che era rimasta per tanti anni sigillata, crollò all’improvviso, dalla sera alla mattina: ve lo ricordate? Il muro di Berlino… Ebbene, fratelli miei, dopo 37 anni da quando Giovanni Paolo II diceva queste parole, alcuni passi sono stati fatti, ma quanti ne rimangono ancora! Quanti sono ancora chiusi, quante porte del cuore sono ancora chiuse a Cristo. E non c’è bisogno di andare a pescare gli esempi chissà dove; no, a pochi metri da noi, forse.

Che significa allora quell’invito di Giovanni Paolo II di aprire le porte a Cristo se non di fargli spazio, di non vederlo come un estraneo bensì come un amico, come un fratello; forse addirittura prima che come il nostro salvatore? Perché ho l’impressione che il mondo sia un po’ refrattario a vedere ed accettare subito Gesù Cristo come il Salvatore se non gli fa prima spazio nella propria vita, con un altro titolo magari; come persona reale, che non vuole altro se non che lo si faccia entrare nel cuore degli uomini… «Io sto alla porta e busso», dice la Scrittura.

A quante porte Cristo bussa invano? Attenzione: non vorrei che si pensasse che io qui stasera stia facendo la canonizzazione in blocco di tutti quanti noi, come a dire che noi siamo santi perché non siamo tra quelli che non aprono il loro cuore… Forse anche tra noi, forse anch’io potrei essere uno di quelli al cui cuore Cristo sta bussando da tempo, con scarsi risultati. Non pensiamo che sono gli altri che hanno il cuore chiuso: potremmo essere anche noi.

Questo invito di Giovanni Paolo II vale perciò per ognuno di noi, vale “per me”! E allora stasera cogliamo questa occasione nella quale il santo papa Giovanni Paolo II ci fa risentire la sua voce per ripeterci quella frase che fece scalpore all’inizio e per alcuni anni fu la frase più ripetuta del Papa: «Aprite, anzi spalancate le porte a Cristo!».

E visto che ci troviamo in chiesa a ricordare lui, fratelli miei, ricordiamoci anche di pregare per quelle porte che rimangono chiuse nonostante tutto, che vogliono testardamente rimanere chiuse. Penso in particolare a tanti giovani, che erano il chiodo fisso di Giovanni Paolo II, al punto che “ha inventato” le Giornate della Gioventù.

Fratelli miei, se qualche cuore stasera, non per le nostre preghiere ma per l’intercessione di san Giovanni Paolo II, si aprisse di più a Cristo, sarebbe un risultato enorme, grandioso. Preghiamo per questo, perché il Signore apra il cuore di tanti giovani e anche il nostro cuore, se stenta ad aprirsi.

 

Al termine della celebrazione:

Permettetemi, a conclusione di questa celebrazione, di offrire una piccola testimonianza a lode e gloria di S. Giovanni Paolo II.

Il 1° maggio del 2011, come molti di voi sapranno, stavo in ospedale a Roma in condizioni abbastanza difficili. Era la giornata in cui papa Benedetto XVI proclamava beato Giovanni Paolo II. Io, dalla mia stanza in ospedale – eravamo, in linea d’aria, a meno di 1 km – sentivo qualche eco della celebrazione. Il mattino dopo un’amica che abitava a Roma venne a trovarmi e mi portò una foto, un’immaginetta formato gigante, del nuovo Beato e la sistemò difronte al letto, su un tavolo che si trovava lì. Quella foto rimase lì a guardarmi fino al 29 giugno, quando fui dimesso e trasferito a Napoli per la convalescenza. Poi me la portai a casa, e l’ho conservata da qualche parte. Non so se sia stato Giovanni Paolo II a farmi tornare in mezzo a voi, per continuare a mettervi in croce come vostro parroco. In ogni caso, un piccolo ringraziamento a lui da parte mia mi sembra doveroso.