Misericordia e servizio

 

Il 12 marzo scorso, durante l’udienza giubilare in Piazza San Pietro, Papa Francesco, riferendosi all’episodio della Lavanda dei piedi, che oggi rievochiamo, disse: «In questo modo Gesù indica ai suoi discepoli il servizio come la via da percorrere per vivere la fede in Lui e dare testimonianza del suo amore. […] L’amore […] è il servizio concreto che rendiamo gli uni agli altri».

L’amore!… Parola tanto usata e abusata, al punto che molti ne hanno perso il vero significato.

L’Anno santo della Misericordia vorrebbe farci riscoprire il significato dell’amore, di Dio verso tutte le sue creature e dell’uomo verso il suo Creatore, i suoi simili e tutto il creato.

In questa prospettiva, assume un significato preciso l’invito di Gesù, che il Papa ha voluto porre come slogan del Giubileo: essere «Misericor-diosi come il Padre». Siamo sollecitati a praticare verso i nostri fratelli il servizio dell’amore misericordioso, sull’esempio di Gesù, che lava i piedi ai suoi apostoli, e di Dio, Padre misericordioso.

Vi parlerò, dunque, della Misericordia. Ancora una volta, certo, ma stavolta dal punto di vista del servizio che Gesù esprime nell’inginocchiarsi davanti ai suoi apostoli per lavar loro i piedi, gesto che egli stesso spiega dicendo: «Vi ho dato l’esempio perché anche voi facciate come ho fatto io!». A questo servizio tutti siamo chiamati, ciascuno nel suo ordine: io come parroco e tutti voi, che ho voluto rappresentati qui stasera da queste sei coppie di sposi membri della comunità.

Per indicare la Misericordia, gli autori della Bibbia usano diversi termini, ognuno dei quali richiama un aspetto particolare dell’amore di Dio nei confronti delle sue creature. Ne ho parlato a gennaio scorso nel nostro giornalino parrocchiale. Riprendo stasera qualcuno dei concetti espressi in quell’articolo.

La Misericordia di Dio è amore che rimane fedele, anche dinanzi alla risposta negativa o, peggio, al tradimento dell’uomo. Gli sposi, in questo, sono maestri: l’amore fedele e inesauribile, che si sono promessi reciprocamente il giorno del loro matrimonio, dev’essere testimoniato innanzitutto ai figli, poi alla comunità cristiana, perché i suoi membri comprendano che amare tutti gli uomini con amore fedele e inesauribile è possibile, anche quando sembra non essere corrisposto, anche quando ci si trova davanti a un “muro” di incomprensione o, peggio, di ostilità.

La Misericordia di Dio è amore “viscerale”. La Bibbia, per esprimere questo concetto, usa un termine che indica le viscere materne, quelle che fremono d’amore per un figlio. Anche in questo i genitori cristiani sono maestri per la comunità: ci insegnano a sentire un tormento dentro per ogni “fratello” che ci cammina a fianco, a lavorare insieme per proteggere chi rischia di perdersi e cercare di recuperare chi si è smarrito, con lo stesso amore con cui una madre ama il frutto delle sue viscere, anche se le è fonte di preoccupazione, anche se la fa soffrire, anche se le volta le spalle.

La Misericordia di Dio è amore gratuito e preveniente, che non si aspetta nessun contraccambio, che continua ad amarci, anzi che ci ha amati per primo, nonostante i nostri limiti. I genitori amano i propri figli prima ancora che essi siano in grado anche solo di comprendere che sono amati, senza aspettarsi in cambio niente, se non forse un po’ di gratitudine; in questo sono di esempio a tutti dell’amore con cui Dio ama i suoi figli e dell’amore con cui essi devono amarsi gli uni gli altri: un amore donato prima che l’altro impari ad accettare questo amore e senza aspettarsi un contraccambio.

La Misericordia di Dio è amore compassionevole, che si china sulle miserie umane per dar loro sollievo. Nella famiglia trovano accoglienza e sostegno tutte le sofferenze umane, soprattutto i membri più deboli, i bambini, gli anziani, gli ammalati, ma anche quelli che rischiano di perdersi o si trovano già su una cattiva strada. La comunità cristiana, la Chiesa, che è una famiglia di famiglie, deve imparare dai genitori ad essere luogo di accoglienza di tutte le povertà e le miserie umane.

Essere misericordiosi come il Padre celeste è un’impresa difficile, come potete vedere, ma dobbiamo sforzarci di realizzarla. Come ben sanno questi sposi – e tanti altri sposi che per grazia di Dio vivono con impegno il dono del loro amore scambievole –, l’amore è una continua scoperta di sé e dell’altro, è un cammino, un’opera che non è mai compiuta in modo definitivo, perché c’è sempre qualche “aggiusta-mento” da fare.

È un po’ come quando si sta alla guida di un’auto: se ci si ostina a tenere fermo il volante, prima o poi si va a sbattere; qualche volta sarà necessario intervenire, con movimenti discreti e calibrati, per aggiustare la rotta, affinché il viaggio proceda senza eccessive scosse. Vale per le singole famiglie come per la grande famiglia parrocchiale.

La Misericordia è tutte quelle cose che ho detto, e tante altre ancora; ma soprattutto è accoglienza: degli sposi tra di loro, di essi verso i figli e dei figli verso i genitori; ma è anche accoglienza dei fedeli da parte del pastore e del pastore da parte dei fedeli che gli sono stati affidati, ed è accoglienza reciproca dei fedeli tra loro.

La famiglia – come la grande famiglia dei figli di Dio che è la Chiesa – è il luogo privilegiato in cui si sperimenta e si testimonia l’amore, fatto di tante cose, anche di misericordia “applicata”, come quella di chinarsi a lavare i piedi… Gesù ci ha dato l’esempio, perché anche noi facciamo lo stesso verso tutti coloro che ci sono affidati.

Ma ricordatevi sempre che ci potrà essere ancora un Pietro che vorrebbe sottrarsi. «Tu non mi laverai mai i piedi!». La Misericordia di Dio, però, è anche amore paziente e perseverante. Come la goccia d’acqua che scava la pietra non con la forza ma con la perseveranza. Così anche noi possiamo vincere le nostre e altrui resistenze con la perseveranza che deriva dalla certezza di essere nel giusto; c’è una sola salvezza per noi e per l’umanità intera: essere misericordiosi come il Padre celeste.