«Perché cercate tra i morti colui che è vivo?»

 

Le donne che all’alba di quel “primo giorno della settimana” (cfr Lc 24,1) vanno al sepolcro in cui era stato deposto in tutta fretta il corpo di Gesù, non avrebbero mai immaginato che sarebbero diventate testimoni di un evento sconvolgente. «Non è qui, è risorto», dice loro quel messaggero celeste; ed esse si trovano d’un tratto proiettate in una storia infinitamente più grande di loro: diventano le prime testimoni della risurrezione di Gesù.

Di corsa vanno a dare la notizia ai suoi amici, ma le loro parole vengono accolte «come un vaneggiamento». Pietro corre anche lui al sepolcro e trova la scena come l’hanno descritta le donne, ma ancora non crede: è «pieno di stupore per l’accaduto».

Da duemila anni quell’annunzio continua a risuonare nel mondo, alle orecchie e al cuore degli uomini, ma ancora suscita sconcerto. Ancora oggi quella domanda dell’angelo alle donne viene ripetuta a noi, uomini del XXI secolo: Perché cercate tra i morti colui che è vivo?

Che cosa vuol dire “cercare tra i morti” se non un tentativo di far rientrare il Risorto nei nostri schemi mentali umani, comprensibili, rassicuranti? Che cos’altro vuol essere quella domanda se non un invito ad alzare lo sguardo da una realtà che ha come prospettiva una tomba verso un’altra realtà che assume dimensioni infinite nello spazio ed eterne nel tempo?

Per quanto assurdo possa sembrare, per quei pochi, timorosi discepoli in quel “primo giorno dopo il sabato” sarebbe stato molto più semplice e tranquillizzante trovare le cose come se le aspettavano: il corpo ancora avvolto nel lenzuolo acquistato da Nicodemo, sistemato alla meno peggio, al termine di una giornata tremenda, in quel “sepolcro nuovo”, in attesa che, passato il sabato, si potessero compiere verso di esso quegli atti di pietà previsti dalle usanze. E invece si ritrovano a dover gestire una situazione del tutto inattesa, di fronte alla quale non sanno che decisione prendere.

È lo stesso Risorto che, apparendo loro, dovrà dar loro istruzioni; ma soprattutto dovrà convincerli che è proprio lui, farsi toccare, mangiare con loro… Sono particolari importanti, dei quali si renderanno conto solo più tardi: proprio in forza di quelle esperienze forti, incredibili, un giorno potranno affermare con profonda convinzione che è veramente risorto! Ma nonostante questo ci sarà sempre un “mondo” che continuerà a cercare “tra i morti”, non riuscendo a vedere quella luce… Perché “quella luce” non ha voluto abbagliare, così che nessuno potesse non credere: ha voluto indicare un cammino, proporre una decisione libera se seguirlo o no. Così ci sarà sempre un margine di incertezza che salvi la libertà dell’uomo di rispondere, mediante l’assenso della ragione illuminata dalla fede, a quell’invito-promessa: «Egli vi precede in Galilea. Là lo vedrete…» (Mc 16,7).

Andare in Galilea: da lì tutto aveva avuto inizio (cfr Mt 4,12 e seguenti)… È l’invito fatto a tutti i credenti di tutti i tempi di ripercorrere i passi del Signore, «cominciando dal battesimo di Giovanni…» (At 1,22), per poter comprendere il senso di quella tomba vuota e smettere così, una buona volta, di cercarlo ancora “tra i morti”.