Il giorno più bello

 

Tanti e tanti anni fa è vissuto un uomo, molto potente e molto famoso, che diceva che il giorno più bello della sua vita era stato il giorno della sua prima comunione.

Da una parte, che un uomo così importante faccia questa affermazione, è una bella cosa. Ma d’altra parte è un po’ scoraggiante: è mai possibile che questo grande uomo non abbia avuto in tutta la sua vita un altro giorno almeno bello come quello?

Però, se ci riflettiamo, possiamo anche noi arrivare a dire che per noi il giorno della prima comunione è stato il più bello; fino a un certo punto, almeno. Oggi, per voi, certamente questo giorno è il più bello in assoluto. Ma questo può valere fino ad oggi. Io vi auguro che nella vostra vita futura ci siano certamente altri giorni bellissimi, o che almeno siano altrettanto belli di questo.

Io ho qualche anno più di voi. Posso dirvi che anche per me il giorno della prima comunione è stato molto bello. Ma posso dire che ricordo di aver vissuto anche altri giorni belli, almeno quanto quello.

Ieri sera vi ho detto qualcosa della mia prima comunione. Una delle cose che ricordo, che mi sono rimaste molto impresse, è che a quell’epoca per fare la comunione bisognava stare digiuni dalla mezzanotte: non si poteva prendere niente, solo eventualmente le medicine. Ricordo che mamma aveva preparato sulla tavola i confetti per parenti e amici… Io guardavo quei confetti e avrei voluto allungare non una mano ma tutt’e due. Ma non si poteva! Questo è solo uno dei ricordi di quel giorno; ovviamente ne ho altri che nell’insieme formano un bel ricordo di quel giorno di tanti e tanti anni fa. C’era anche qualche fotografia, nella quale mi rivedo un ragazzino carino, non come adesso…

Voi avrete certamente più cose che vi ricorderanno questo giorno e per voi sarà certamente bello tornare con la mente a questa giornata che avete vissuto in un modo diverso dal solito. Ma avrete anche altri bei ricordi di altre belle occasioni.

Io ad esempio ricordo con molta gioia il giorno della mia cresima e poi il giorno in cui sono diventato prete; forse questo sì, almeno fino ad oggi, il più bello di tutti.

Ma per quale motivo questo giorno è per voi bellissimo? Perché oggi voi siete qui per fare un incontro molto importante. Fino a ieri, quando venivate a messa, quelli di voi che facevano i chierichetti stavano vicino all’altare, gli altri stavano nei banchi. A un certo punto vedevate, magari con un po’ d’invidia, quelli più grandi che si alzavano e venivano davanti all’altare a ricevere l’ostia, e voi non potevate farlo. Da oggi potrete farlo!

Ma che cosa significa “venire a prendere l’ostia”? Vi ricordate? Ieri l’abbiamo detto, rispondendo a una domandina del quaderno: «Dove incontriamo Gesù?». E la risposta era: nella comunione. Allora questo giorno è bello per voi, è molto bello, è certamente il più bello che avete vissuto fino ad oggi, perché oggi incontrate Gesù.

A questo punto, però, voi potreste dirmi: «Don Raffì, ma ti sei rimbambito? Vorresti dire che non abbiamo mai incontrato Gesù prima?». Sì, certamente lo avete incontrato: ogni volta che siete venuti in chiesa, che avete partecipato agli incontri di catechismo, ogni volta che vi siete incontrati con qualche amico che vi vuole bene, ogni volta che avete dato un bacio a mamma e papà… Ma mai lo avete incontrato prima come lo incontrerete oggi. Ecco perché questo è per voi il giorno più bello… fino a questo momento. Poi da domani potrete ripetere l’incontro tutte le volte che vorrete.

Quando io studiavo per diventare prete, c’era un vecchio prete, come sono io oggi. Lui ci preparava a dire la messa. Ci diceva tante cose importanti e interessanti, ma alla fine ci disse: «Io vi faccio una sola raccomandazione: fate in modo che il giorno in cui celebrerete la prima messa sia molto bello; non sia il più bello, ma ogni messa che celebrerete da quel giorno in poi, sia sempre più bella della prima». La stessa cosa vorrei augurare a voi: che le comunioni che farete da qui in avanti siano tutte più belle della prima. Questa è speciale perché c’è intorno a voi tutta questa bella atmosfera di festa. Da domani questo non ci sarà più; da domani ogni volta che vorrete fare la comunione, sarà un incontro a tu per tu con Gesù e se quegli incontri saranno tutti più belli di questo, avrete capito tutto.

Negli incontri di catechismo voi avete imparato a conoscere Gesù. Come avete fatto questo? Certo non lo incontravate per la strada. Non avete incontrato Gesù, però avete capito che Gesù è vostro amico, che vi vuole bene, che vuole stare con voi… Ma era teoria. Oggi, se voi aprirete veramente il vostro cuore, se verrete davanti all’altare ricordando tutto quello che vi è stato insegnato, ma soprattutto mettendolo in pratica oggi, venendo col cuore davanti all’altare a ricevere Gesù, voi sperimenterete veramente l’incontro con questo amico che avete imparato a conoscere solamente vedendolo da lontano; adesso starà accanto a voi, verrà dentro di voi, farà parte di voi.

E allora sapete che cosa vi auguro? Che questo non sia il giorno più bello della vostra vita, ma che sia il primo di tanti giorni sempre più belli, perché possiate sperimentare che cosa significa essere amici di Gesù.