Un tesoro in un vaso di creta

 

In questa celebrazione ci sono delle cose che mi riportano direttamente a 25 anni fa: la casula, che è la stessa che indossai quel giorno e le letture, le stesse che furono proclamate nella Messa di ordinazione.

Ma colui che indossa questa casula, pur essendo la stessa persona di allora, non è più come allora. E la Parola che abbiamo ascoltato, pur essendo la stessa, non solo di 25 anni fa ma di sempre, oggi può dirci qualcosa di diverso, perché il Dio che ci parla attraverso di essa ci parla nella realtà personale e comunitaria in cui ci troviamo. E allora voglio mettermi in ascolto di questa Parola e condividere con voi ciò che, in questo momento particolare, essa mi suggerisce.

Il profeta Geremia riceve da Dio un annuncio sconvolgente: «Prima di formarti nel grembo materno, ti ho conosciuto, prima che tu uscissi alla luce, ti ho consacrato» (Ger 1,5). Geremia comprende bene il senso di quelle parole. Non si sente pronto; esita, prova a sottrarsi con un’obiezione apparentemente sensata: «Sono giovane» (v. 6), come per dire: Non ho esperienza, non so parlare, mi sento impreparato… La risposta di Dio supera e annulla le obiezioni del profeta: «Tu andrai da tutti coloro a cui ti manderò e dirai tutto quello che io ti ordinerò. Non aver paura di fronte a loro, perché io sono con te per proteggerti» vv. 7-8).

Queste parole contengono due imperativi: “andrai” e “dirai”; e una promessa: “io sono con te”. Dio ordina a Geremia di andare senza temere, confidando nel suo sostegno. La natura del profeta non cambia: resterà giovane, inesperto, timoroso; ma la grazia di Dio lavorerà in lui.

Venticinque anni fa, prima dell’ordinazione presbiterale, già sapevo quale sarebbe stata la mia destinazione. Ordinato il 26 maggio, il 1° luglio Mons. Palatucci firmò la mia nomina a parroco di S. Giovanni Battista in Campinola di Tramonti. Motivi per aver paura ce ne sarebbero stati, ma, anche se non più giovane, ero abbastanza incosciente per lanciarmi in quell’avventura. E ci rimasi tredici anni… Facendo bene? Facendo male? Non lo so e non sta a me dirlo. Spero comunque di aver fatto tutto quello che il Signore mi aveva incaricato di fare, nei limiti delle mie capacità. Se qualcosa ho lasciato per strada, posso solo affidarmi alla misericordia di Dio.

Poi fu la volta di Montepertuso… A settembre saranno dodici anni… Una realtà per certi versi simile a Campinola, ma per altri molto diversa…

Penso di poter dire che il Signore ha tenuto fede alla promessa fatta al profeta: «Io sono con te per proteggerti» (v. 8). E voi, fedeli di Montepertuso, la protezione per il vostro parroco avete saputo impetrarla, quasi pretenderla, quando si è trovato ad attraversare un momento difficile…

Dunque, come Geremia, in quel 26 maggio 1989 venivo chiamato e inviato a svolgere una missione per la quale non ero e ancora non mi sento preparato. Non è falsa modestia la mia. Sono sempre pienamente consapevole che, come per tutti i consacrati, valgono anche per me le parole dell’Apostolo: «Noi abbiamo questo tesoro in vasi di creta, affinché appaia che questa straordinaria potenza appartiene a Dio, e non viene da noi» (2Cor 4,7). Spero solo di poter dire un giorno in verità, come Paolo, di non aver annunciato e testimoniato me stesso ma Lui, il Signore crocifisso e risorto (cfr 1Cor 1,23).

È Lui che mi ha scelto e consacrato per portare un frutto che sia duraturo, qualcosa che non sia un fuoco di paglia…

E qui riaffiora l’ansia di Geremia: la stessa ansia che prende chi si accinge a fare un bilancio, a cercare di far quadrare i conti tra “dare” e “avere”. Ansia che deriva dalla consapevolezza che quello che ho ricevuto è così tanto che non mi basterebbero dieci vite per pareggiare i conti. Ma l’ansia è mitigata da una consapevolezza: che cosa potrei dare a Dio che io non abbia ricevuto da lui?

A venticinque anni da quella sera in cui Mons. Palatucci, mediante l’imposizione delle mani e l’invocazione dello Spirito Santo, mi consacrò sacerdote, riconosco che le gioie che mi sono state donate compensano abbondantemente qualche piccola amarezza. È la dimostrazione di quanto siano sempre vere quelle parole che Gesù diceva a Pietro e agli altri discepoli: «Chi avrà lasciato… riceverà cento volte tanto…» (cfr Mc 10,28-30 e par.).

Come dire le tante piccole e grandi gioie che ho raccolto in questi anni?

Un solo esempio. Ho avuto – ed ho ancora – dei “figli” da guidare, da consigliare, da sostenere…, più di quanti avrei potuto averne se mi fossi sposato. Credo che non vi sia sulla terra soddisfazione più grande, gioia più profonda.

Al punto che potrei essere tentato di dire, con il vecchio Simeone: «Ora lascia, o Signore, che io me ne vada in pace…» (cfr. Lc 2,29), ma temo che il Signore non sarebbe d’accordo… E neanche il nostro Arcivescovo. Perciò continuerò a fare ciò che il Signore mi chiede, finché lui vorrà. E spero di avere sempre al mio fianco coloro che oggi sono il motivo della mia gioia

A tutti coloro che hanno collaborato con me in questi anni, che mi sono stati vicini, mi hanno sostenuto e incoraggiato, va la mia più profonda riconoscenza, nella certezza che continueranno a sostenermi per il futuro.

Ma il primo doveroso ringraziamento va al Signore, che mi ha chiamato e inviato. È per questo che sono qui con voi stasera… Ma come potrei mai ringraziarlo adeguatamente? L’unico ringraziamento proporzionato ai suoi doni è l’Eucaristica che celebro con voi, per me e per voi.

Dio non ha bisogno della nostra lode, ma – come ci fa dire la liturgia – per un dono del suo amore ci chiama a rendergli grazie; i nostri inni di benedizione non accrescono la sua grandezza, ma ci ottengono la grazia che ci salva  (Prefazio comune IV).

Uniamoci, dunque, un cuor solo e un’anima sola, nella lode alla SS. Trinità per tutti i benefici che ci concede, in particolare per il ministero ordinato, e preghiamo che non faccia mai mancare alla sua Chiesa pastori, magari carichi di umane debolezze, ma sempre secondo il suo cuore.