Sarà in agonia fino alla fine dei tempi

 

Un anno fa, nella catechesi durante l’udienza del Mercoledì della Settimana Santa, Benedetto XVI citava questa frase di Blaise Pascal: «Gesù sarà in agonia fino alla fine del mondo; non bisogna dormire durante questo tempo» (B. Pascal, Pensieri 553); e proseguiva: «Se il Venerdì Santo è giorno pieno di tristezza, è dunque al tempo stesso, giorno quanto mai propizio per ridestare la nostra fede, per rinsaldare la nostra speranza e il coraggio di portare ciascuno la nostra croce con umiltà, fiducia ed abbandono in Dio, certi del suo sostegno e della sua vittoria». Sono parole che risuonano come profezia alle orecchie di chiunque in queste ultime settimane, seguendo le notizie di cronaca, non può non aver notato l’asprezza degli attacchi che da certi ambienti vengono scagliati contro la Chiesa e in particolare contro il Papa.

Quella frase di Pascal, in particolare, riassume bene il senso di una realtà che lungo i secoli, a partire da quel tragico Venerdì a Gerusalemme, i cristiani possono verificare continuamente. L’agonia di Cristo e la sua passione continuano anche oggi nel corpo della sua Chiesa.

Gli avvenimenti che il racconto della passione secondo Giovanni ci ha fatto rivivere non sono solo una rievocazione terribile di fatti ormai lontani nel tempo: lo sono, certo, ma diventano cronaca nella vicenda storica che la Chiesa di Cristo vive sulle strade del mondo. È il “mistero di iniquità” che si perpetua, il trionfo dell’ora delle tenebre che estende i suoi effetti lungo i secoli…

Abbiamo ascoltato la cronaca di un processo… L’imputato era un uomo che aveva un’unica colpa: era malvisto da alcuni settori della società del suo tempo; ai capi del popolo non piacevano le sue parole, le sue prese di posizione, i suoi atteggiamenti poco “sottomessi”, poco rispettosi della mentalità corrente, dell’opportunismo, sia sociale che religioso e politico… Era uno, insomma, che andava dritto per la sua strada, diffondendo un messaggio che aveva ricevuto “dall’alto”, senza darsi troppa pena se questo dava fastidio ai “benpensanti”… Bisognava intervenire… La soluzione l’aveva suggerita il sommo sacerdote: «È conveniente che un uomo solo muoia per il popolo» (Gv 18,14). Così Gesù di Nazaret diventava il “capro espiatorio”, colui sul quale venivano riversati i peccati del popolo perché fossero espiati: l’Agnello di Dio che prendeva su di sé i peccati del mondo… È storia di 2000 anni fa, ma diventa profezia e si fa storia di oggi.

Gesù, lo sappiamo, è risorto dai morti e non potrà più morire. Ma il mistero di iniquità è sempre all’opera nel mondo e agisce su coloro che oggi formano il corpo di Cristo, la Chiesa, in particolare su colui che rappresenta nell’oggi della Chiesa il suo Capo: il Papa. Così la persecuzione messa in atto contro il Cristo, oggi si rinnova contro la sua Chiesa. La tecnica è la stessa. Allora non esistevano dei validi motivi per togliere di mezzo Cristo, per renderlo inoffensivo, e si fece ricorso alle insinuazioni, alle falsità, alla manipolazione della verità in modo da addomesticarla ai propri fini. Oggi si getta fango sulla Chiesa e sul Papa, travisando la verità o fingendo di ignorarla. Poco importa che qualcuno timidamente cerchi di far notare l’assurdità di certe affermazioni. Conta chi riesce a gridare di più, chi riesce a tirare dalla propria parte la folla, l’opinione pubblica, fino a farle invocare la liberazione di Barabba…

Giova dircelo e tenerlo ben presente: il peccato c’è realmente nella Chiesa, in questa realtà divino-umana voluta da Dio ma fatta di uomini peccatori, quindi santa nella sua origine ma sempre bisognosa di purificazione. E la presenza di questo peccato fa sì che il mistero di iniquità si compia ancora, si manifesti ancora in questa nuova ora delle tenebre. Ancora una volta coloro che mirano ad attuare il loro “piano di normalizzazione” hanno deciso che è meglio “mirare in alto”, sbarazzarsi del “pastore” così da disperdere il gregge (cfr Zc 13,7; Mc 14,27).

Ancora una volta il Vicario di Cristo dà fastidio, l’istituzione Chiesa dà fastidio: per le cose che dice, per come le dice, per la forza morale che imprime alle sue parole.

Al Papa vengono addebitate colpe non sue e sulla sua testa vengono riversate accuse prive di fondamento. È ancora una volta “l’ora delle tenebre”. Ma, come ammoniva Pascal, «non bisogna dormire durante questo tempo»! Occorre restare vigilanti nella preghiera, in attesa che la luce della Pasqua disperda le tenebre del mondo. Occorre tenere bene a mente quelle parole che Benedetto XVI pronunciò il quel Mercoledì Santo, parole che, a distanza di un anno, suonano profetiche: «Se il Venerdì Santo è giorno pieno di tristezza, è […] al tempo stesso, giorno quanto mai propizio per ridestare la nostra fede, per rinsaldare la nostra speranza e il coraggio di portare ciascuno la nostra croce con umiltà, fiducia ed abbandono in Dio, certi del suo sostegno e della sua vittoria».

La desolazione di quel Venerdì Santo sul Calvario, che stasera riviviamo, ci dia una forte carica interiore, per far fronte comune – nella preghiera e nella testimonianza di amore alla Chiesa, corpo mistico di Cristo – contro le tenebre del mondo. Abbiamo ferma fiducia che quest’ora di tenebre sarà sconfitta dalla luce della Pasqua.