«O Dio… unisci in un solo cuore il popolo e il suo sacerdote,
perché non manchi mai al pastore la docilità dei fedeli
e ai fedeli la sollecitudine del pastore»
(Dalla Liturgia)

La parrocchia è affidata a
un parroco, che la guida, «come proprio pastore», sotto l’autorità del
Vescovo. Questo, nel comune sentire, a volte viene interpretato come
l’affermazione che il parroco è “il padrone” della parrocchia. Non è
così, ma dirlo non serve a molto: bisogna che tutti coloro che sono
parte in causa – fedeli e pastore – ne siano convinti e s’impegnino in
tal senso. È per questo che la Liturgia ci fa pregare, in alcune
occasioni, con le parole riportate in testa a questa pagina.

Se chiedessimo in giro
«Che cos’è una parrocchia?», ne ricaveremmo una varietà di risposte, in
cui prevarebbe l’indicazione “parrocchia = chiesa parrocchiale”. Invece:
«La parrocchia è una determinata comunità di fedeli che viene
costituita stabilmente nell’ambito di una Chiesa particolare [cioè di
una diocesi], e la cui cura è affidata, sotto l’autorità del Vescovo
diocesano, ad un parroco quale proprio pastore» (Codice di Diritto
Canonico, can. 515 §1).
Non è, dunque, un luogo fisico, ma una
comunità di fedeli che testimonia la propria fede e si sforza di vivere
secondo gli insegnamenti di Cristo e della Chiesa.
Come “comunità di
persone”, essa ha diritto di esprimere pubblicamente la propria fede ed
ha il dovere di essere riconoscibile, con i suoi gesti e le sue parole,
come comunità che crede, ama e spera. Quello che la comunità fa – il suo
operare – esprime quello che essa è e le sue radici.

Ci piace immaginare la
figura del parroco non come quella del comandante di un esercito, che
distribuisce ordini e sanziona, ma come il comandante di una nave, il
suo impegno primario sia quello di condurre in porto “la barca e i suoi
passeggeri”; e “il porto” qui è la salvezza per sé e per coloro che gli
sono stati affidati.

Tutto questo non vuol dire che il luogo fisico
(la chiesa) non sia importante. Essendo i credenti – come tutti – fatti
di corpo e di spirito, hanno bisogno anche di un riferimento materiale
attraverso il quale poter esprimere il senso profondo del loro essere
Chiesa (da ecclesìa = comunità convocata); il tempio,
consacrato anzitutto a Dio, è ciò che rende visibile agli occhi e
percepibile al cuore questa componente essenziale della comunità: i
fratelli si ritrovano insieme in uno stesso luogo per lodare Dio; e
questo luogo non è un luogo qualsiasi, ma “la casa comune”.