Come il serpente innalzato nel deserto

2Cr 36,14-16.19-23; Gv 3,14-21

Abbiamo ascoltato la lettura di un brano del Secondo Libro delle Cronache, un libro della Bibbia che viene letto molto poco nella liturgia, ma ci trasmette un messaggio importante e attuale anche per noi credenti del XXI secolo. I due libri delle Cronache contengono una sintesi della storia del popolo d’Israele, a cominciare da Giosuè fino alla fine del tempo  dei re. Non si tratta di una semplice cronaca degli eventi, che si ritrovano narrati ampiamente in altre parti dell’Antico Testamento, ma il ricordo di essi vuole far emergere gli interventi di Dio, che ha guidato la storia del suo popolo. Non fanno storia, quindi, bensì teologia della storia. Il messaggio di fondo è che Dio guida le vicende del suo popolo nella prospettiva del suo vero bene. È il caso, ad esempio, del brano che ci è stato proclamato in questa domenica.

L’autore sacro dice che il popolo, in un dato momento della sua storia, si pervertì: tutti i capi di Giuda, i sacerdoti e il popolo fecero il male agli occhi del Signore.  Dio mandò loro dei messaggeri ad avvertirli, ad invitarli a convertirsi, ma essi non diedero loro ascolto; allora, Dio decise di infliggere loro una punizione: i suoi nemici invasero il regno di Giuda, distrussero Gerusalemme e il tempio e deportarono gli abitanti in Babilonia. Il riferimento storico è all’invasione da parte di Nabucodonosor, re di Babilonia, e all’inizio dell’esilio babilonese; l’interpretazione teologica, con riferimento a una profezia di Geremia, legge questi eventi funesti come espiazione per i peccati commessi. Secondo il profeta, “la desolazione” dell’esilio sarebbe durata settant’anni. Al compiersi di questo tempo, infatti, Dio suscitò Ciro, re di Persa, il quale sconfisse i babilonesi e lasciò liberi gli ebrei di tornare a Gerusalemme e di ricostruire il tempio.

Secondo l’autore sacro, dunque, Dio ha inviato i profeti per ammonire il popolo, ha permesso l’invasione e la distruzione ad opera di Nabucodonosor e in seguito ha suscitato il re di Persia per realizzare la liberazione dei deportati e il loro ritorno in patria al termine del tempo stabilito per la “penitenza”.  L’idea che si vuol far passare è che Dio muove le persone, anche i pagani, quelli cioè che non lo conoscono, usandoli come pedine per realizzare il suo scopo, che è quello di recuperare la fede e la fedeltà del popolo eletto. Ogni singolo avvenimento, positivo o negativo, diventa un segno dell’amore di Dio, della misericordia di Dio verso il suo popolo. A noi, gente “evoluta”, questa idea può far arricciare il naso, anche in considerazione del messaggi di Gesù Cristo, che ci parla di Dio come di un Padre buono e misericordioso. Ma un’idea che torna spesso nella Scrittura è proprio quella del padre che corregge il figlio come atto d’amore nei suoi confronti (cfr ad es. Eb 12,4-12).

Nel brano del Vangelo, Gesù applica lo stesso criterio: fa riferimento a un altro episodio della storia d’Israele; quando il popolo, durante l’esodo, cominciò a lamentarsi per la durezza del viaggio, prendendosela con Mosè. Allora Dio mandò nell’accampamento dei serpenti velenosi i quali, mordendo le persone, ne provocavano la morte. Il fatto fu interpretato come una punizione da parte di Dio e il popolo chiese perdono. Allora Dio diede ordine a Mosè di fare l’immagine di un serpente di bronzo e di innalzarlo su un’asta al centro dell’accampamento, in modo che, chi fosse stato morso da un serpente, guardando quel segno, restava in vita. Gesù fa riferimento a quell’episodio applicando a sé il simbolismo del serpente: quando sarà innalzato sulla croce, diventerà causa di salvezza eterna per tutti coloro che volgeranno lo sguardo a lui.

Volgersi verso Cristo crocifisso significa avere fede nella salvezza da lui operata attraverso il supplizio della croce; il Crocifisso, il Cristo crocifisso, diventa segno della salvezza che Dio, nella sua infinita misericordia, ha voluto donare agli uomini.

Tutta questa spiegazione dei simboli di cui abbiamo sentito la narrazione, dovrebbe farci capire che Dio non ha mai smesso di “lavorare” per la salvezza dell’umanità, anche quando sembrava che non sentisse e non vedesse, anche quando sembrava aver dimenticato il suo popolo e le sue promesse, Dio stava lì aspettando il momento propizio, il momento favorevole per attivarsi in favore dei suoi figli e mettere in atto una nuova procedura di salvezza di quei figli rigenerati dalla penitenza. Nessuno, però, può pensare che questa redenzione sia automatica: Dio, che ha dato il suo Figlio per la salvezza del mondo, ha disposto che, per meritare quella salvezza, bisogna volgere lo sguardo a colui che è stato trafitto; solo in lui, infatti, è stabilito che possiamo essere salvati..

(11.03.2018)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.