Compagna del nostro cammino d’Avvento

L’immacolata concezione di Maria è un evento che si pone storicamente a nove mesi prima della nascita di Maria; dato che noi festeggiamo la natività di Maria l’8 settembre, ne viene di conseguenza che nove mesi prima, cioè l’8 dicembre, celebriamo il suo concepimento immacolato. La festa di oggi, quindi, non dovrebbe avere nessuna relazione diretta con il Natale. Capitando in pieno Avvento, però, – anche il Signore si diverte a giocare con i calendari – non può non avere un senso anche nel quadro della nostra preparazione alla nascita del Salvatore. Infatti Maria, in modo misterioso ma reale, in particolare nella sua immacolata concezione, si pone come sostegno, come aiuto, come accompagnamento nella nostra celebrazione dell’Avvento. Cerchiamo di capire questa realtà, il modo in cui Maria può accompagnarci nella celebrazione di quello che rimane del tempo di Avvento.

Nella prima lettura abbiamo ascoltato il racconto delle immediate conseguenze del peccato originale. Dio aveva creato il mondo tutto bello e armonioso, mettendo l’uomo al vertice di quell’opera meravigliosa. Poi succede qualcosa, e da questo qualcosa che succede viene la rivoluzione di tutto il progetto. L’uomo e la donna, che erano stati posti al vertice del creato e fino a quel momento avevano vissuto una relazione di intimità con Dio, amici con lui, amici tra loro, amici con il creato, all’improvviso – l’abbiamo sentito – si trovano a litigare, a puntare il dito l’uno contro l’altro: l’uomo accusa la donna, la donna accura il serpente… Si è creata in qualche modo una divisione, l’armonia della creazione è andata a farsi benedire, non c’è più; c’è soltanto divisione, discordia, accusarsi reciprocamente.

Ma Dio ha la testa dura e non vuole rinunciare al suo progetto. Dovrà apportare qualche modifica, ma non ha nessuna intenzione di rinunciarvi: dovrà modificarlo e lo modificherà. E in che modo modificherà questo suo progetto? Affidando a una donna, a una discendente di quella donna che era stata la causa principale del peccato originale, l’incarico di ricucire l’armonia del creato. «Io porrò inimicizia fra te e la donna, fra la tua discendenza e la sua. Questa ti schiaccerà il capo».

Questo è già un primo elemento che ci dice perché Maria può accompagnarci nella celebrazione dell’Avvento. È proprio attraverso di lei che Dio ha voluto darsi la possibilità di ricucire l’armonia del creato.

Poi c’è anche San Paolo, l’abbiamo sentito nella seconda lettura: Dio ci ha destinato fin dalla creazione del mondo ad essere santi e immacolati davanti a lui… È un’affermazione straordinaria! In questa situazione di disgregazione, Paolo ci dice che Dio, fin dalla creazione del mondo, anzi fin da prima della creazione del mondo, ci aveva predestinati ad essere santi e immacolati davanti a lui…

Parlo per me, ma credo che possiamo generalizzare il discorso: davanti a Dio altro che immacolati e tutto il resto, secondo quello che dice San Paolo. Noi facciamo in ogni momento l’esperienza della nostra debolezza, della nostra fragilità, del nostro peccato. Altro che santi e immacolati davanti a lui! Però, ancora una volta, questo progetto originario di Dio di cui San Paolo parla, nonostante sia stato stracciato dal peccato originale e continui ad esserlo dal nostro peccato, Dio vuole provare a ricostruirlo. Perciò in Maria anche per diventa possibile che si realizzi quel progetto originario di Dio, non più come per Maria, che fin dal primo istante della sua esistenza è stata sempre totalmente amica di Dio. Per noi speriamo di riuscire un giorno a realizzare la nostra purificazione; saremo sempre dei vasi che hanno subito una lesione, si sono rotti e sono stati rimessi insieme, sempre più deboli di prima, sempre lesionati, ma almeno salviamo l’apparenza: agli occhi di Dio sembriamo come Dio ci voleva, santi e immacolati al suo cospetto.

In Maria immacolata allora, durante questo tempo di Avvento – e non solo –, noi vediamo quello che avremmo potuto essere se i progenitori avessero mantenuto fede al progetto di Dio, se non avessero sfasciato quel progetto originario, fossero rimasti sempre amici di Dio, sempre parte di quell’armonia del creato che Dio Padre aveva voluto.

Allora l’Avvento, che noi sappiamo essere preparazione alla nascita del Verbo incarnato, diventa per noi una strada direi quasi obbligata, ma in un modo particolare: Maria, che si pone a metà dell’Avvento nella sua immacolata concezione, vuole prenderci per mano, vuole accompagnarci, lei la tutta santa, la tutta pura, la tutta bella, prende noi – scusate, parlo di me – che siamo diventati spazzatura del creato, per accompagnassi a raccogliere il Salvatore che viene. Viene perché? Non per farsi una vacanza: viene per ristabilire l’ordine originario che Dio aveva voluto e che la libertà dei progenitori aveva sfasciato. Allora Maria non è estranea al nostro cammino di Avvento, è compagna del nostro cammino e vuole aiutarci a far sì che il nostro prepararci al Natale sia degno non di noi, che non siamo niente, ma di colui che aspettiamo e che accoglieremo fra una quindicina di giorni.

(08.12.2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*