Consacrati per una missione

Is 49,3.5-6; Gv 1,29-34

Le letture di questa domenica in particolare il Vangelo prolungano in qualche modo la riflessione sul battesimo nostro e di Gesù che abbiamo iniziato domenica scorsa. Giovanni dà testimonianza di quello che ha visto durante il battesimo di Gesù, cioè la sua unzione, la sua consacrazione come Messia. Gesù era andato lì per farsi battezzare, come tutti gli altri. La consacrazione che riceve dall’alto è per qiella missione che il Padre gli ha affidato.

Ma la prima lettura – ancora una volta, come nel tempo natalizio, una profezia di Isaia – parla di una consacrazione estesa a un intero popolo chiamato e inviato per essere «luce delle nazioni, perché porti la mia salvezza fino all’estremità della terra». Nell’immediato la profezia si riferisce a Gesù, ma il profeta, stranamente, parla di Israele: «È troppo poco che tu sia mio servo, Israele…». Questa particolarità della profezia in qualche modo estende a tutti coloro che avrebbero seguito il Messia quel mandato affidato al Messia.

Tutti coloro che sono stati resi figli di Dio mediante il battesimo, sono chiamati ad essere testimoni, annunziatori della salvezza.  Tutti i battezzati, dunque, sono consacrati e inviati ad essere messaggeri di quella salvezza, testimoni della parola di Dio.

Abbiamo allora un un elemento in più di riflessione rispetto a quello che dicevamo domenica scorsa. Tutti quanti noi nel battesimo siamo stati consacrati, abbiamo ricevuto un compito da Dio, di portare la salvezza nel mondo: nel piccolo mondo nel quale siamo chiamati a vivere, ma in prospettiva a tutto il mondo e a tutte le genti, proprio come era la missione affidata al Messia.

Il compito che ci è stato affidato il giorno del nostro battesimo ci abilita a un servizio, che nella nostra testolina è un servizio che tocca ai preti, caso mai alle suore e ai frati, a categorie ben determinate, istituzionalizzate; invece no, perché già l’episodio di cui ci ha parlato Giovanni nel Vangelo e poi la profezia di Isaia ci dicono che quella missione del Messia in qualche modo misterioso ma reale è stata estesa a tutti coloro che nel battesimo sono diventati discepoli del Messia, cioè a noi battezzati e attraverso il battesimo consacrati per essere testimoni del Vangelo. Può sembrare un ripetere sempre le stesse cose, ma è significativo un particolare: la missione concreta che Gesù è chiamato a svolgere, lui la svolgerà attraverso la predicazione. Le prossime domeniche, che ci accompagneranno fino all’inizio della Quaresima e poi, dopo il tempo pasquale, continueranno fino all’Avvento, ci presenteranno la predicazione di Gesù, il suo evangelizzare le popolazioni. Questo è anche il compito di tutti i battezzati, di tutti coloro cioè che nel battesimo sono stati consacrati con una triplice consacrazione, che ha conferito loro un triplice “ufficio” o mandato, o incarico: noi siamo stati consacrati nel battesimo con unzione sacerdotale, profetica e regale. Che cosa significa? Significa che siamo abilitati a celebrare le cose sacre, a ricevere i sacramenti, a pregare; ma siamo consacrati anche, con l’unzione profetica, ad essere annunziatore della parola di Dio nel mondo, e con l’unzione regale non siamo chiamati a sederci su una poltrona e a comandare, bensì che siamo chiamati, siamo abilitati, ad essere guide dei nostri fratelli. Questo triplice incarico tocca a ognuno di noi; dovremmo svolgerlo con impegno, secondo le nostre possibilità, nel luogo dove siamo chiamati a vivere, nelle circostanze in cui siamo chiamati a vivere.

(15.01.2017)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.