Cristo, la Chiesa, i poveri

Molte cose belle si sentono dire su Papa Francesco, e fa piacere quando, anche da ambienti solitamente non molto teneri nei confronti della Chiesa e del suo insegnamento, giungono apprezzamenti per le sue parole. Tra queste “cose belle”, una è l’attenzione preferenziale per i poveri: è un insegnamento costante di Papa Francesco. Ma – chissà perché? – la constatazione che questo suo insegnamento trova così vasta eco sui mass media mi lascia un po’ perplesso. Vorrebbe dire, forse, che i pontefici che hanno preceduto Francesco hanno insegnato qualcosa di diverso o di meno incisivo? L’attenzione preferenziale per gli ultimi, i poveri, o – con un’espressione cara a Papa Bergoglio – per le “periferie del mondo”, è stato sempre presente nelle parole e nei gesti della Chiesa e dei suoi pastori. La mia perplessità nasce dal fatto che si tende facilmente a fare su tali insegnamenti un’operazione “chirurgica”, tagliando alcune cose e privilegiandone altre.

Questa “operazione” viene indicata dai teologi con un termine specifico: eresia (dal greco hairesis, scelta). Si cade in questo errore quando di un insegnamento se ne privilegia una parte, scartando il resto. Nel contesto dell’amore preferenziale per i poveri e gli ultimi, questo può portare (e spesso porta) ad accusare la Chiesa di trascurare i poveri in favore di una sua auto-celebrazione. Avete mai sentito parlare di una Chiesa adorna di ori e oggetti preziosi che trascura i poveri?… Vediamo di approfondire quello che Gesù Cristo ci ha insegnato e la Chiesa fedelmente ci trasmette. Analizzare tutti i riferimenti che si trovano nella Scrittura su questo argomento ci porterebbe troppo lontano. Mi fermo, perciò, solo su due citazioni.

Partiamo da un celebre passo del Vangelo secondo Matteo (Mt 22,34-40). Un Dottore della Legge (quindi un “esperto in materia”) chiede a Gesù: «Qual è il [più] grande comandamento?». Gesù gli risponde citando il libro del Deuteronomio: «Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente» (citazione di Dt 6,5). Non cita uno dei comandamenti del Decalogo: questo versetto è contenuto in quello che è considerato il “Credo”, cioè la professione di fede, del popolo d’Israele. Ma andiamo avanti. Gesù prosegue: «Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: Amerai il prossimo tuo come te stesso» (citazione di Lv 19,18.34); il “secondo comandamento”, simile al primo, ancora una volta non fa parte del Decalogo. Ma non è finita. Gesù completa la sua risposta con una precisazione che spiega tutto: «Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti». Questi due comandamenti, dunque, sono la fonte, la sorgente da cui scaturisce tutta la sapienza e la normativa per il credente, compreso il Decaloco, che pertanto non è abolito, bensì illuminato di nuova luce! Sono i due “comandamenti dell’amore”, che ci vengono proposti da duemila anni: amare Dio sopra ogni cosa e il prossimo come sé stessi. Attenzione: come in tutte le cose importanti e serie, le parole hanno un senso e un loro peso specifico, che ho inteso sottolineare con l’uso del carattere corsivo. La chiave del discorso che cerco di fare è in quelle due espressioni: sopra ogni cosa e come sé stessi…

Il secondo episodio che mi propongo di analizzare è collocato dagli evangelisti come preludio alla passione di Gesù; si svolge a Betania (cfr Mt 26,6ss; Mc 14,3ss; Gv 12,1ss). Durante una cena in casa di amici, una donna apre una boccetta di profumo molto prezioso e ne cosparge i piedi di Gesù. Apriti cielo! I benpensanti, che assistono al fatto, sostengono che è uno spreco: si poteva vendere quel profumo e darne il ricavato ai poveri! Sembra di sentire certi benpensanti di oggi che, di fronte allo sfarzo di certe liturgie, ripetono qualcosa di simile… L’evangelista Giovanni attribuisce a Giuda Iscariota questa obiezione, commentandola in modo poco lusinghiero per l’interessato: «… diceva così non perché gli interessassero i poveri…». Contro i benpensanti di ieri e di oggi, Gesù difende l’operato della donna con un’affermazione lapidaria: «I poveri li avete sempre con voi, ma non sempre avete me».

Riflettiamo su quanto abbiamo letto… Il primo e grande comandamento è: ama Dio sopra ogni cosa; il secondo gli è simile (non superiore ma simile): ama il prossimo tuo come te stesso. Il prossimo – lo deduciamo da “altre fonti” (ad es. dalla parabola del buon samaritano) – è chiunque potrebbe aver bisogno del mio aiuto. Costui io devo amarlo come me stesso! E qui dovremmo tutti ricordare la cosiddetta “regola aurea”: «Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge e i Profeti» (Mt 7,12). Al primo posto, dunque, c’è l’amore verso Dio, poi quello verso il prossimo…

Mi sembra di vedere qualche smorfia di disappunto. Eppure non è una cosa così strana né una bestemmia: non posso dire di amare Dio, che non vedo, se non amo il mio fratello che vedo (cfr 1Gv 4,20) e che mi sta sempre alle costole (“prossimo” deve pur significare qualcosa in italiano: non certo uno sconosciuto che abita a migliaia di chilometri da me!); ma è anche vero il contrario: non posso dire di amare veramente il mio prossimo se non attraverso il cuore di Dio. Se non è Dio la fonte del mio amore per il prossimo, questo amore sarà ben poca cosa: filantropia, non agape, cioè amore che si dona. In questo senso, il mio modo di manifestare a Dio il mio amore sopra ogni cosa, non potrà mai risolversi in una sottrazione di amore ai fratelli, che potrò amare come me stesso solo se avrò un cuore colmo di amore per Dio.

C’è solo un rischio in tutto questo ragionamento: che gli atti di culto a Dio nascondano l’aridità di un cuore incapace di amare sia Dio che il prossimo; come Giuda durante la cena di Betania o come quei Dottori della Legge che avevano escogitato un modo per dispensarsi dall’osservare il quarto comandamento (cfr Mc 7,10ss).

(5/2015)