Lavori di rifacimento della guaina protettiva

del tetto della chiesa parrocchiale (2010)

In relazione alla questione sollevata dal signor Fabio Fusco in merito all’assegnazione da parte della Parrocchia di Montepertuso di lavori all’impresa edile SPEC, pubblichiamo alcune notizie utili a farsi un’idea meno approssimativa. Il parroco rimane a disposizione di tutti per ulteriori chiarimenti.

Sommario

Composizione della Commissione Tecnica parrocchiale – Incontri preparatori – Apertura delle buste – Eventi successivi –  La lettera aperta di Fabio Fusco –  Risposta del parroco di Montepertuso – L’ultimo commento inserito dal parroco… –  Considerazioni 1 (21 giugno) – Le due offerte (inserite il 22 giugno alle ore 11.40)

1. Composizione della Commissione Tecnica parrocchiale

(cfr. verbale del CPP del 20 maggio 2009)

In vista di importanti e urgenti interventi da attuare per la manutenzione della chiesa parrocchiale, viene istituita la Commissione Tecnica Parrocchiale con il compito di affiancare il Parroco – che ne sarà il presidente – sia in fase di programmazione che di attuazione degli interventi suddetti o di altri che in seguito dovessero ritenersi opportuni.

La Commissione è così composta

  1. Don Raffaele Celentano (parroco, presidente)
  2. Ing. Fusco Aldo (tecnico di fiducia della parrocchia)
  3. Contino Domenico (membro del CPP)
  4. Cuccaro Gaetano (rappresentante del Comitato Feste Parrocchiali)
  5. Proto Bartolomeo (segretario del Consiglio per gli Affari Economici)
  6. Iovieno Michele (membro del CPP)
  7. Marrone Angelo Vito (membro esterno indicato dal CPP)
  8. Mandara Michele (membro esterno indicato dal CPP)
  9. Apuzzo Saverio (membro esterno indicato dal CPP)

Altri componenti potranno essere aggiunti dal Parroco di sua iniziativa o su indicazione di membri della stessa Commissione.

La composizione della Commissione rimase invariata per tutta la durata dei lavori.

2. Incontri preparatori

L’intervento più urgente risultava essere quello di ripristino delle guaine di copertura del tetto. Da un sopralluogo della Commissione Tecnica risultò che anche i muretti di sostegno e le travi erano in pessime condizioni e richiedevano un sollecito intervento di risanamento. Il tecnico di fiducia approntò un computo estimativo prevedendo due tipi di intervento, il primo prevedendo l’usi di membrana bitumosa simile a quella già esistente, il secondo prevedendo l’uso di una guaina sintetica (ICOPER). La differenza di costi tra le due ipotesi era di € 5.520,00 in favore della prima; la Commissione, però, ritenne di optare per la seconda ipotesi, per la quale venivano fornite garanzie più a lungo termine e nessuna esigenza di manutenzione periodica, come invece era da preventivare per la membrana bitumosa.

I materiali necessari sarebbero stati acquistati direttamente dall’ente parrocchia.

3. Apertura delle buste

Il giorno 11 giugno la Commissione si riunì in sacrestia per l’apertura delle buste. Era assente per sopravvenuti impegni improrogabili il signor Marrone Angelo Vito. Il parroco diede lettura delle due offerte pervenute.

Quella dell’impresa edile SPEC era molto dettagliata nella descrizione degli interventi, per ciascuno dei quali indicava l’importo. La cifra totale – che viene da me indicata solo perché è stata già inopinatamente resa pubblica – era di € 37.500,00.

Quella dell’impresa edile Fusco Fabio, molto più sintetica, indicava solo l’importo complessivo dell’offerta, pari a € 33.400,00. In essa, però, si aggiungeva testualmente: «Si fa notare che a seguito di accurato sopralluogo e saggio sulle travi in c.a., è emerso che alcune barre dei ferri di armatura si presentano completamente ossidate e pertanto si deve operare la loro sostituzione o provvedere ad idoneo sistema di rinforzo strutturale. Tali opere sono escluse dalla presente offerta ed il loro costo sarà concordato a parte secondo le prescrizioni tecniche concordate con la committenza». Su questa precisazione si aprì la discussione che portò la Commissione ad esprimersi con un voto, come descritto in altra parte.

4. Eventi successivi

Il 14 giugno, d’accordo con il parroco e con l’ing. Aldo Fusco, l’impresa edile SPEC iniziava i lavori. Lo stesso giorno il signor Fabio Fusco contattava telefonicamente il parroco chiedendogli un incontro. Ci si diede appuntamento per il pomeriggio del giorno successivo. Il signor Fusco chiese esplicitamente al parroco di annullare tutto quanto era stato fatto, ottenendone la dichiarazione di impossibilità a tornare indietro perché nulla avrebbe potuto giustificare una decisione del genere.

5. La lettera aperta di Fabio Busco

Il 18 giugno veniva pubblicata sul sito Positanonews.it la seguente lettera aperta del signor Fabio Fusco.

Lettera aperta ai cittadini di Montepertuso e di Positano

La parrocchia di Montepertuso ha indetto una gara informale tra imprese edili per i lavori di rifacimento del tetto della Chiesa. Per tale gara sono pervenute  due offerte: la prima della ditta Spec per euro 37.500,00; la seconda della ditta Impresa Edile Fabio Fusco per euro 33.400,00.

La migliore offerta era senza dubbio la seconda, ma il Comitato Affari Economici della parrocchia di Montepertuso, composto tra l’altro da 2 dipendenti della Spec, sovverte, con voto di maggioranza, il risultato e affida i lavori alla prima ditta (la Spec), con un aggravio di costi di ben 4.100,00 euro.

Quello che i cittadini di Montepertuso e di Positano devono chiedersi come sia possibile che la parrocchia di Montepertuso avalli un simile comportamento.

E, soprattutto, occorrerebbe chiedersi come devono sentirsi quei cittadini, quei fedeli che  generosamente sostengono  la parrocchia e vedono utilizzate in questo modo le loro offerte.

Fabio Fusco

POSITANO, 18 GIUGNO 2010

6. Risposta del parroco di Montepertuso

inviata a Positanonews la sera del 18 giugno verso le ore 22, ma pubblicata solo il giorno successivo in tarda mattinata.

In riferimento alla «lettera aperta ai cittadini di Montepertuso e di Positano» pubblicata il 18 giugno 2010 a firma di Fabio Fusco, lo scrivente risulta molto ben informato sull’importo dell’offerta concorrente (il che è strano, visto che mi ero rifiutato categoricamente di indicarglielo, ritenendo che fosse un dato riservato), ma poi sembra all’oscuro di quanto è avvenuto in seno alla Commissione tecnica, il che è tanto più strano, in quanto mi ero fatto premura di dargliene personalmente ampia descrizione nell’incontro avuto con lui nel pomeriggio del 15 giugno.

La Commissione tecnica, da me voluta e costituita su indicazione del Consiglio Pastorale Parrocchiale in data 20 maggio 2009, prima ancora di decidere quali imprese contattare, si era data alcuni criteri di valutazione che tenessero conto, oltre che della economicità delle offerte che sarebbero pervenute, anche di altri eventuali elementi oggettivi che dovessero risultare significativi nell’interesse non solo economico dell’ente parrocchia. Tali criteri venivano richiamati in discussione, durante la riunione per l’esame delle offerte pervenute, proprio da alcune indicazioni particolari contenute nell’offerta del signor Fabio Fusco. Al termine della discussione, degli otto membri presenti uno si era astenuto e sei si erano divisi equamente sulle due proposte. Il sottoscritto, prima di esprimere il suo voto (che sarebbe stato dunque determinante), ritenne opportuno richiamare brevemente i punti principali che erano stati dibattuti. A questa esposizione nessuno dei presenti ritenne di dover fare obiezioni, per cui si concluse dando incarico al tecnico di fiducia (ing. Aldo Fusco) di contattare la SPEC per comunicarle la decisione della Commissione, presa a maggioranza.

Non posso non deplorare che le obiezioni non fatte in quella sede deliberante si siano trasformate in critiche dopo che la decisione era diventata operativa e perciò stesso irrevocabile.

Il signor Fabio Fusco scrive: «Quello che i cittadini di Montepertuso e di Positano devono chiedersi come sia possibile che la parrocchia di Montepertuso avvalli un simile comportamento». Innanzi tutto sarebbe più corretto parlare di fedeli; ma mi chiedo: in questo contesto, che c’azzeccano i “fedeli” di Positano? E poi il comportamento apparentemente censurabile della “parrocchia di Montepertuso” non potrebbe apparire tale solo perché si ignora o si è volutamente omesso di spiegare come si sono svolti i fatti? Ma lo scrivente continua: «E, soprattutto, occorrerebbe chiedersi come devono sentirsi quei cittadini, quei fedeli che generosamente sostengono la parrocchia e vedono utilizzate in questo modo le loro offerte». I generosi fedeli di Montepertuso sanno bene che il sottoscritto è sempre stato contrario a qualsiasi spreco di denaro; resterebbe da intendersi su cosa è veramente spreco, ma questo sarebbe un altro discorso. Essi, comunque, possono sempre chiedere chiarimenti al sottoscritto, decidendo in piena libertà se e come concorrere ai bisogni della loro parrocchia. E anche su questa vicenda specifica resto sempre a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento.

In merito, poi, ad alcuni commenti inseriti a seguito della “lettera aperta”, resterebbe solo da chiedersi con Ponzio Pilato: «Che cos’è la verità?». È quella proclamata tacendo particolari importanti della vicenda? È quella che tende a dare una lettura di parte degli avvenimenti? È quella di chi “sputa sentenze” nascondendosi dietro l’anonimato di un nickname?… Pilato da duemila anni sta ancora aspettando una risposta, forse solo perché, quando la Verità ce l’aveva davanti, non riuscì a vederla…

Montepertuso, 18 giugno 2010 ore 22.

Angelo Raffaele Celentano, parroco

7. L’ultimo commento inserito dal parroco su Positanonews il 20 giugno alle ore 15.20

C’è un peccato molto grave, di cui non si parla molto, ed è chiamato “giudizio temerario”; consiste nell’attribuire alle persone, senza averne elementi certi, un comportamento gravemente immorale. Siamo arrivati ad insinuare che il sottoscritto potrebbe essere “un corrotto”… Bene!

Mi era sembrato che fosse fin dall’inizio molto chiaro il mio pensiero in merito alla pubblicazione di notizie che ritenevo riservate per tutelare la riservatezza di entrambi i concorrenti; ma il signor Fabio Fusco ha inopinatamente comunicato, oltre alla sua offerta, anche quella – che non avrebbe dovuto poter conoscere – dell’altra parte; inoltre ha affermato di aver fatto un’offerta più conveniente rispetto alla SPEC. Per dimostrare che questa ultima affermazione non era del tutto vera, ho dovuto citare una frase contenuta nella sua offerta, in cui si parlava di una situazione che egli escludeva dall’offerta stessa. Questo serviva solo a far comprendere – a chi vuole comprenderlo – che in effetti il signor Fabio Fusco prevedeva già, per poter completare il lavoro, un aggravio di spesa che restava al momento del tutto indeterminabile, cosa che invece non avveniva nell’offerta della SPEC. Proprio questa incertezza aveva suscitato in seno alla Commissione tecnica le discussioni di cui ho parlato. In uno dei commenti postati nei giorni scorsi si fa cenno a questo particolare; il commento è anonimo, ma mi sembra di capire che sia stato postato da qualche rappresentante della SPEC: se questa, in modo inequivocabile, mi autorizzerà a pubblicare in dettaglio l’offerta presentata, io ne darò conto tra il materiale pubblicato nel sito della parrocchia.

Quanto all’osservazione fatta da chi si chiede “Che fossimo tornati indietro?”. Non sono certo di capire a cosa si riferisce. Ma temo di poter rispondere: Piuttosto non siamo mai andati avanti! Se l’autore (o autrice) di quel commento è un membro assiduo della comunità di Montepertuso, saprà da quanto tempo io combatto contro le divisioni, le ruggini e i rancori presenti all’interno della nostra comunità parrocchiale. Tutta questa vicenda – anche se può sembrare assurdo a chi non è molto addentro alla situazione – nasce proprio da questa situazione. Le faziosità ci portano a vedere il male o intenzioni nascoste anche nelle azioni fatte nella più perfetta buona fede. E si sa che chi semina vento, raccoglie tempesta. Forse ci andrà di mezzo anche il sottoscritto e con lui la chiesa parrocchiale? Pazienza: ogni popolo ha i capi che si merita, nel bene e nel male.

Quanto poi alla tempestività nell’informazione alla comunità, non è sempre possibile far sapere a tutti i circa 1000 abitanti della parrocchia in tempo reale come si evolvono le cose. Il Consiglio Pastorale ci sta per questo ed era informato dei lavori al tetto (e anche di altri che si prevedevano per il futuro) già da prima del mese di maggio 2009. La pubblicazione del materiale nel sito della parrocchia è stata solo la via più semplice per rispondere alle esigenze derivanti dalla situazione esplosa il 14 giugno 2010. Chiunque dei fedeli di Montepertuso avrebbe potuto informarsi dello stato delle cose semplicemente contattando il parroco o qualcuno dei suoi diretti collaboratori (membri del CPP o della Commissione tecnica). Forse questo non è sufficiente: vorrà dire che – sebbene sia profondamente contrario a questa procedura – ne darò comunicazione anche dall’altare durante le messe domenicali. Ma quell’80% circa che non partecipa non dica poi di non essere stato informato, perché io non intendo tappezzare Montepertuso di manifesti!

E con questo è veramente tutto! Passo e chiudo.

8. Considerazioni (21 giugno)

Leggo in riferimento alla mia ormai famosa “risposta” su Positanonews questo commento:

«CARO IOVIENO E CARO CONTINO , VI CONOSCO COME BRAVI GENITORI E ONESTI LAVORATORI E NON MI SPIEGO IL VOSTRO GESTO IRRESPONSABILE E OSEREI DIRE DISONESTO AVUTO IN QUELLA RIUNIONE. LA CORRETTEZZA AVREBBE VOLUTO CHE A QUELLA VOTAZIONE. VOI COME DIPENDENTI DELLA SPEC, VI DOVEVATE ASTENERE PER PALESE CONFLITTO DI INTERESSE COME SI FA IN QUALSIASI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE FIGURIAMOCI IN UNA PARROCCHIA. I TENTATIVI PIUTTOSTO MALDESTRI DEL PARROCO POI, NON HANNO AFFATTO CHIARITO LE COSE ANZI A UN LETTORE ATTENTO E IMPARZIALE NUN SFUGGE IL VOSTRO TENTATIVO DI  CUNFONDERE E NASCONDERE QUELLA CHE ORMAI PER TUTTI E’ LA VERITA’ VERA. CONTINUO A RIMANERE DELL’OPINIONE CHE SIETE PERSONE ONESTE E SPERO CHE POSSIATE PORRE RIMEDIO A TUTTO QUESTO NEL MODO PIU’ SEMPLICE DI QUESTO MONDO CON LA VERITA’, LO SO CI VUOLE CORAGGIO MA NON E’ POI COSI DIFFICILE. AUGURI!!»

Per prassi l’uso del maiuscolo in un commento vuole enfatizzarne l’importanza, quasi come gridarlo. E questo insulto “gridato” verso due che sono stati, fin dall’inizio della mia avventura a Montepertuso, tra i miei più validi collaboratori, rimettendoci tempo e fatica e ricevendone spesso in cambio solo indifferenza, mi rammarica profondamente. È però la misura di quanto ormai – come facevo rilevare altrove – i rancori e le ruggini tra “fazioni” siano il motore che alimenta le discussioni e gli interventi. Un solo errore ho fatto, e me ne rendo conto con altrettanto rammarico: dovevo agire – come avrei potuto – d’autorità: non formare nessuna commissione, non interpellare nessuno, decidere da solo. Sarei stato definito, forse, “dittatore”, ma almeno non avrei coinvolto la buona fama di persone oneste e lavoratrici che hanno agito in un certo modo ritenendo solo di fare gli interessi della comunità nella quale sono inseriti. Della comunità, non di questa o quella impresa… E questo atteggiamento di questi anonimi commentatori la dice lunga su quale sia il loro atteggiamento a favore di Tizio e contro Caio…

Non avevo mai avuto motivo per dubitare della correttezza del signor Fabio Fusco, tant’è vero che due anni fa, quando crollò una parte di una macera lungo Via Pestella, mi rivolsi a lui per farla ripristinare e per consolidare eventuali altre parti pericolanti. Oggi sembra quasi che io avrei dovuto sentirmi obbligato ad assegnare a Fabio Fusco i lavori al tetto, basandomi su un’offerta parziale che mi lasciava non pochi dubbi. Siccome la responsabilità della decisione finale è mia – e solo mia – in quanto unico amministratore dell’ente parrocchia, ribadisco che anche se potessi, proprio in considerazione di tutte le cose assurde che sono state dette su questa vicenda, non tornerei indietro. Qualcuno pensa che mi sia fatto corrompere? Che ci sia pronta per me, da qualche parte, una qualche bustarella? Chi non mi conosce abbastanza può anche pensarlo, ma rivela così forse solo quello che sarebbe stato un suo possibile comportamento in un caso analogo.

Certo: sarà mia cura dettagliare sia le spese che anche le eventuali offerte che dovessero arrivare per questi lavori. Anche se, chi vuol pensare male ad ogni costo, potrà sempre insinuare che si tratta di cifre addomesticate…

9. Le due offerte

Come promesso, pubblico qui, dopo aver avuto il consenso esplicito della SPEC – quello di Fabio Fusco non ho ritenuto necessario chiederlo perché in pratica della sua offerta era già stato reso noto tutto – il testo completo delle due offerte pervenute alla parrocchia in relazione ai lavori al tetto della chiesa. I due file sono in formato PDF, per cui – per leggerli – è richiesta l’installazione di Adobe Reader. I due file sono un po’ pesanti (specialmente il primo), ma è l’unico modo per poterne avere una visione nitida.

Qui l’offerta dell’impresa edile SPEC                                     Qui l’offerta dell’impresa edile Fabio Fusco