Facciamo il punto

(a cura del parroco)

P1000256Interno della chiesa della S. Croce in Nocelle fino al 2008. Sulla sinistra il dipinto di Mr. Kimball Underwood. Al centro della foto in alto, si intravede un altro risultato dell’opera di Mister Kim: “l’occhio di Dio” sopraffatto da due pseudo-angeli che erano totalmente assenti prima di quegli interventi.

 

 

Il 26 aprile 2008 alle ore 23.00 mi arriva questa e-mail dal direttore di Positano News

Ciao,

Ci arrivano segnalazioni e lettere di protesta per l’affresco della Madonna di mister Kim tolto dalla chiesa di Nocelle, cosa è successo?

Grazie

Avvocato Michele Cinque

Giornalista free lance

Data l’ora tarda, rinvio la risposta al giorno dopo.

Domenica 27, dopo la messa delle 11 a Nocelle inizio la benedizione pasquale alle famiglie della frazione. Nel corso della visita vengo informato che sul sito di Positano News c’è un articolo che parla della vicenda. Non potendo verificare né rispondere, rinvio tutto al mio rientro a casa.

L’articolo, a firma di Rosalba De Lucia, pubblicato su www.positanonews.com è il seguente:

Addio bella e cara Madonnina di Nocelle. Oggi è la prima vera, meravigliosa giornata di primavera. Sciami di turisti percorrono sorridenti le viuzze inebriandosi di profumi. Sulle spiagge molti sono i primi bagnanti desiderosi di sentire il calore del sole sulla pelle. A tutti Positano dispensa questa grande energia di serenità, appagamento ed ottimismo che serve per ricaricarsi ed affrontare la quotidianità. Ecco che all´improvviso una notizia, come un terremoto, spezza l´incanto di questa giornata: la Madonnina ralizzata dal grande artista americano Kimball Underwood, che ha vissuto a Positano, in Costiera Amalfitana, negli anni ´90, e tutte le altre opere che abbellivano la bella chiesetta della ridente cittadina di Nocelle, sono state cancellate. Quella leggiadra Madonnina, con il sorriso enigmatico della Gioconda, così umana e femminile, alla quale ci si poteva rivolgere perchè La si sentiva Amica e ricca di quella umanità che non incuoteva timore, non c´è più. Non è stata semplicemente coperta, ma cancellata e con essa tutte le opere di questo grande artista americano. Menti e mani barbare hanno compiuto questo efferato sacrilegio, ecco che come il grigio della “Storia Infinita”, il nulla avanza se continuiamo ad assistere indifferenti ed impassibili a questi delitti che si compiono contro l´arte e la cultura. Poi non si dica candidamente che non si sa perchè le chiese sono vuote ed i giovani non rispondono, si faccia un accurato esame di coscienza anche nel rispetto dei parrocchiani che amano l´arte e la cultura.

A questo punto devo rispondere. Ecco il testo che invio a mezzo posta elettronica a Michele Cinque alle 23.39 di domenica 27 aprile.

Carissimo Michele, ti prego di inserire nella sezione “Primo piano” il pezzo che segue. Avevo letto ieri sera tardi la tua mail, alla quale non ho potuto rispondere in giornata per gli impegni in parrocchia. Poi a Nocelle mi ha raggiunto la notizia che c’era un commento su Positano News a firma di Rosalba De Lucia. Questa è la mia risposta al tuo messaggio e a quel commento.

POESIA E INFORMAZIONE

Rientrando a casa tardi sabato 26 aprile e aprendo la posta elettronica, ho trovato un messaggio del dott. Michele Cinque che mi chiedeva informazioni a seguito di segnalazioni e proteste che gli arrivavano in merito a «l’affresco di mister Kim tolto dalla chiesa di Nocelle». Data l’ora tarda, ho preso atto della richiesta riservandomi di rispondergli la sera successiva. Ma domenica in tarda mattinata, durante la visita pasquale alle famiglie della frazione, vengo informato della presenza sul sito www.positanonews.com di un commento a firma di Rosalba De Lucia. Vado a leggerlo e mi rendo conto che forse si è toccato il fondo della disinformazione.

Il dipinto di “mister Kim”, come era all’epoca comunemente noto a Positano il signor Kimball Underwood, fu realizzato sulla parete sinistra della chiesetta senza aver preventivamente espletato le pratiche richieste, vale a dire senza aver chiesto l’autorizzazione del Vescovo tramite l’Ufficio Tecnico Diocesano; richiesta che avrebbe dovuto essere accompagnata, tra l’altro, da un bozzetto dell’opera che si intendeva realizzare. Se questi passi previ fossero stati compiuti, quel dipinto nella chiesetta della Santa Croce non sarebbe mai stato realizzato. Affermo ciò con cognizione di causa, in quanto mi onoro di essere membro della Commissione Diocesana di Arte Sacra, l’organismo al quale viene demandato l’esame delle richieste di cui sopra. Ma l’affermazione è provata anche dal fatto che tutti i Vescovi che si sono succeduti da allora nella guida della nostra Diocesi, ogni volta che sono stati a Nocelle, hanno sollecitato qualche intervento per rimediare al malfatto. Le stesse sollecitazioni sono venute da non pochi sacerdoti che in questi anni sono passati per la chiesetta. Ora, dovendo procedere ad improcrastinabili lavori di tinteggiatura dell’interno del tempio, d’accordo con i rappresentanti della frazione nel Consiglio Pastorale parrocchiale, si è ritenuto di provvedere. Questi sono i fatti.

Non discuto se quel dipinto fosse o meno un’opera d’arte; discuto – e mi permetto di dissentire – che fosse confacente al luogo sacro; perché un conto è parlare di arte e un conto parlare di arte sacra. Quell’aggettivo che qualifica il sostantivo “arte” presuppone un “quid” che non è necessariamente appannaggio di qualsiasi opera realizzata dall’ingegno artistico. Se così non fosse, perché non esporre in una chiesa opere come la Maya desnuda di Goya o il David di Michelangelo o la Gioconda? Grandi opere d’arte, patrimonio dell’umanità, ma non certo definibili arte sacra. Certo che, visti i presupposti, qualcuno (che forse ne capisce molto di arte, ma temo poco di sacro) potrebbe anche non trovarci niente di male…

Termino con una puntualizzazione, dalla quale non posso esimermi come guida spirituale dei fedeli di Nocelle. Quel dipinto non è mai stato fatto oggetto di particolare venerazione da parte della gente della frazione, per cui è profondamente sbagliato e fuorviante riferirsi ad esso con il termine “Madonnina di Nocelle”. La Madonnina di Nocelle, per i fedeli di Nocelle, è la statua della Madonna del Carmine, custodita in una nicchia nella parete opposta a quella del dipinto in parola; e se non bastasse, vi è anche, al centro dell’abside, un quadro della “Pietà” (attualmente rimosso per i lavori in corso), quello sì pregevole opera d’arte sacra. Le esternazioni della signora De Lucia sembrano invece dare ad intendere che tutto il patrimonio d’arte sacra e di fede di Nocelle fosse racchiuso esclusivamente nel dipinto in parola ed in altre non meglio identificate opere di “Mister Kim” lì presenti prima del «terremoto»… È proprio vero: «il nulla avanza», la notte dell’informazione!

Prima di diffondere in Internet quelle poetiche (con qualche venatura tragica) espressioni, sono stati sentiti davvero i fedeli di Nocelle? O il parroco, che avrebbe potuto fornire senza problemi queste notizie? Sarebbe bastata una telefonata. Forse non sarebbe cambiato nulla, ma forse sì…

27/04/2008 ore 22.45

Don Raffaele Celentano, parroco di Montepertuso-Nocelle

Il testo viene pubblicato su www.positanonews.com con il seguente commento:

Ringraziamo Don Raffaele Celentano per la lettera, le proteste sono venute da più parti, anche dalla stessa Nocelle. La reazione emotiva di Rosalba De Lucia, è stata la reazione condivisa di quasi tutti i cittadini ed i turisti quando hanno visto quello che era successo all´affresco di Mister Kim. Di certo non si parla di opera di valenza artistica, ma in tante chiese non sempre vi sono opere di eccelsa valenza, ma di testimonianza storica-artistica che poteva essere solo rimossa e conservata da qualche parte (eventualmente nel nuovo centro-escursioni).. Per qualcuno quella Madonna aveva la sua spiritualità, ma non solo. Poteva essere un motivo di richiamo turistico legato alla storia di un paese. Mister Kim, che ora è morto e non può replicare, come tutti lo conoscevano qui, era arrivato a Positano sulla scorta del periodo artistico dell´Art Work Shop di Edna Louise (che ha contribuito a rendere famosa Positano in tutto il mondo) aveva donato, su richiesta, l’affresco, che fece nel 1974 dopo più di un mese di lavoro. Opera che, dal punto di vista artistico, non ha quel valore di grandi artisti, come tante opere all´interno delle chiese. Le contestazioni, che hanno resistito decenni, c´erano, come ci sono state per opere poste nelle chiese nel corso dei secoli, che abbiano valore o meno. Il viso della Madonna forse rappresentava la moglie, come per molti grandi artisti la Madonna veniva rappresentata con i lineamenti della persona amata. Mister Kim aveva una sua vita che lo aveva portato anche ad altre scelte nella sua esistenza legate anche alla sessualità, riscoprendo, come tanti ospiti di Positano, una sua omossessualità, come tanti artisti. Mister Kim, di cui purtroppo non sappiamo molto, aveva comunque una grande generosità, infatti nei giardini comunali della Chiesa Nuova, quartiere dove viveva, ha donato anche una statua di San Francesco con dedica al fratello. Con questo nessuno vuole contestare la Chiesa o i fedeli, abbiamo grande stima e rispetto di entrambi, bensì si sono espressi dei sentimenti rispetto ad un fatto, la scomparsa dell´affresco, che abbiamo appreso tutti con tanta perplessità.

Michele Cinque

Successivamente (la data indicata è il 29 aprile), sempre sul sito citato appare il seguente articolo:

Positano. Un affresco di un artista americano vissuto quaranta anni a Positano sparito per burocrazia. La “Madonnina di Nocelle di Mister Kim” come tutti la conoscevano era dipinta nella parte sinistra della suggestiva chiesetta di Santa Croce di Nocelle, ridente frazione montana di Positano, ed era lì dal 1974, da quando Mister William Kimball Underwood, da tutti noto come mister Kim, ne aveva fatto dono a Nocelle. In questi giorni, durante lavori di restauro della chiesetta, è stata completamente tolta via  “Per me è stato un colpo non vedere più quell´affresco – dice Rosalba de Lucia, funzionaria dell´Azienda di Soggiorno e Turismo di Positano -, sono rimasta colpita perchè era una immagine di una delicatezza unica e mi ha profondamente dispiaciuto non vederla più.” Ma il parroco difende la sua scelta. “Il dipinto di “mister Kim”, come era all´epoca comunemente noto a Positano il signor Kimball Underwood – dice il parroco di Montepertuso e Nocelle don Raffaele Celentano -, fu realizzato sulla parete sinistra della chiesetta senza aver preventivamente espletato le pratiche richieste, vale a dire senza aver chiesto l´autorizzazione del Vescovo tramite l´Ufficio Tecnico Diocesano; richiesta che avrebbe dovuto essere accompagnata, tra l´altro, da un bozzetto dell´opera che si intendeva realizzare. Se questi passi previ fossero stati compiuti, quel dipinto nella chiesetta della Santa Croce non sarebbe mai stato realizzato. Affermo ciò con cognizione di causa, in quanto mi onoro di essere membro della Commissione Diocesana di Arte Sacra, l´organismo al quale viene demandato l´esame delle richieste di cui sopra. Ma l´affermazione è provata anche dal fatto che tutti i Vescovi che si sono succeduti da allora nella guida della nostra Diocesi, ogni volta che sono stati a Nocelle, hanno sollecitato qualche intervento per rimediare al malfatto.” Una scelta che però ha trovato molte persone discordi in paese. “Non entro nel merito delle scelte religiose, ma l´affresco rappresentava una memoria storica di un periodo di Positano – dice il professor Romolo Ercolino, architetto e storico -, mister Kim rappresentava un preciso periodo storico di Positano e la sua opera era una testimonianza che non andava cancellata, semmai, eventualmente, spostata. Troveremo dei fondi per riprodurre quell´immagine e conservarla in un museo.” [*] Mister Kimball Underwood non ha donato solo quell´affresco a Positano, ma ha decorato opere al Palazzo Murat, Bar Internazionale e Al Barilotto del Nonno, anche una statua di San Francesco, non realizzata da lui,  si trova nei giardini comunali della Chiesa Nuova, dedicata al fratello, Reverndo Charles Thomas Underwood, vescovo protestante morto nel 1985 “Come atto di gratitudine verso Positano, piccolo paradiso”. “L´opera era kitch, molti andavano a vederla per questo – dice il sindaco di Positano Domenico Marrone -, poteva rimanere come attrattiva, ma la vicenda non mi appassiona.” Su mister Kim affiorano molte leggende, americano, sposato con Elsie Smith, è morto una decina di anni fa, ma molti lo ricordano molto bene. “Mister Kim era un decoratore, ma ha fatto opere pregevoli – dice Giulio Gargiulo, gallerista negli anni Settanta a Positano -, ed è arrivato a Positano fra il 1965 ed il 1970 sulla scorta dell´Art Work Shop. Era una persona molto ricca e generosa, venne prima al Sirenuse, poi a Palazzo Murat ed ha lasciato in questo albergo alcune sue opere artistiche. Aveva un carattere gaudente e giocoso,  ricordo le feste che organizzava dove tutti erano invitati, era una delle tante persone che hanno fatto Positano.” [*]

Michele Cinque

Lo stesso articolo, ma accorciato (manca la parte compresa tra i segni [*] da me inseriti), è stato pubblicato sul quotidiano Metropolis in edicola giovedì 1° maggio a pag. 13, richiamato in prima pagina da una foto del dipinto e dal testo seguente: «Positano. Choc a Nocelle – Parroco distrugge affresco in chiesa: “Era pagano”».

Informato anche di questa “novità”, venerdì 2 maggio mi procuro una copia del quotidiano e alle 16.42 dello stesso giorno invio per posta elettronica alla Redazione il testo che segue (erroneamente indico la pagina 12, ma è un refuso: l’articolo è a pagina 13 del quotidiano):

Spettabile Redazione,

in merito all’articolo a firma di Michele Cinque (Metropolis, 1° maggio 2008 pag. 12), ritengo che il diritto dei lettori alla completezza dell’informazione richieda qualche precisazione da parte mia.

Innanzi tutto il titolo che compare in prima pagina («Parroco distrugge affresco in chiesa: “Era pagano”») è falso e fuorviante, in quanto il virgolettato insinua che io abbia qualificato come pagano il dipinto, il che non è mai avvenuto.

Nell’articolo a pagina 12 l’autore ha omesso (volutamente?) di citare la parte della mia dichiarazione che avrebbe potuto dare ai lettori il termine “a quo” della nostra (perché non presa solo dal sottoscritto) decisione; la trascrivo qui:

«Non discuto se quel dipinto fosse o meno un’opera d’arte; discuto – e mi permetto di dissentire – che fosse confacente al luogo sacro; perché un conto è parlare di arte e un conto parlare di arte sacra. Quell’aggettivo che qualifica il sostantivo “arte” presuppone un “quid” che non è necessariamente appannaggio di qualsiasi opera realizzata dall’ingegno artistico. Se così non fosse, perché non esporre in una chiesa opere come la Maya desnuda di Goya o il David di Michelangelo o la Gioconda? Grandi opere d’arte, patrimonio dell’umanità, ma non certo definibili arte sacra. Certo che, visti i presupposti, qualcuno (che forse ne capisce molto di arte, ma temo poco di sacro) potrebbe anche non trovarci niente di male…».

L’intera dichiarazione dovrebbe essere ancora rintracciabile sul sito web di Positano News. Conto che vogliate dare un opportuno spazio a questa mia nelle pagine del vostro quotidiano.

Distinti saluti.

Don Raffaele Celentano, parroco di S. Maria delle Grazie in Positano

Aggiornamento del 15-16 giugno

La sera di domenica 15 giugno ricevo il seguente messaggio dall’avv. Michele Cinque:

Carissimo don Raffaele,

in base alle disposizioni di attuazione della legge sulla stampa, il titolo, l’impaginazione e l’impostazione di un articolo sono di esclusiva responsabilità del Comitato di Redazione quindi, in soldoni, il sottoscritto, che è solo corrispondente per Metropolis, non c’entra niente con quello che Lei ha scritto sul sito della Parrocchia senza avermi inviato per conoscenza la lettera che ha inviato a Metropolis. Metropolis, che è un giornale regolarmente registrato in tribunale, e deve rispondere ai requisiti di notiziabilità del fatto, ha fatto le sue scelte senza che le venissi a sapere, come avviene spesso, visto che invio dai 100 ai 200 articoli al mese e non è mio compito seguirne l’impostazione, ad ognuno il suo compito, al corrispondente riportare la notizia, al deskista impostarla, al titolista titolarlo, al grafico impaginarla. Ma il fatto che io, abbia volutamente fatto omettere delle frasi di un Parroco o di chiunque altro non sta ne in cielo ne in terra. Non La ho mai censurata ne mai la censurerò, ne censurerò mai nessuno. Le chiedo di pubblicarmi cortesemente questa nota con il massimo rispetto per Lei, la Chiesa ed i Parrocchiani ed i cittadini di Montepertuso e Nocelle per cui nutro particolare stima ed affetto.

Grazie

Michele Cinque

Mi affretto a rispondere come segue:

Carissimo Michele,

se leggi bene ciò che scrissi a Metropolis, noterai che del titolo non davo la responsabilità a te: avevo intuito che fosse una iniziativa della redazione e per questo motivo indirizzai ad essa quella precisazione. Se poi l’omissione di una parte della mia dichiarazione non è opera tua ma sempre della redazione di Metropolis, ne prendo atto e ti chiedo scusa per averlo pensato; ma trattandosi di una parte essenziale per capire la reale portata della vicenda, penso che l’operazione di accorciamento non sia stato un buon servizio reso ai lettori né a te che eri l’autore dell’articolo… Con tutto il rispetto, ovviamente, per la libertà di scelta di Metropolis.

Comunque, la tua precisazione viene aggiunta immediatamente al materiale presente nel nostro sito in merito alla vicenda, insieme a questa mia risposta.

Saluti.

Don Raffaele Celentano

Giorno 16 giugno ricevo quanto segue:

Va bene, grazie.. se vuoi lo metto anche su Positanonews.. preferirei di no perchè in fin dei conti non c’è notizia.. ma come vuoi, avrai sempre tutto lo spazio che vuoi, qualsiasi cosa, a favore o contro, insomma ne ho fatte, e ne farò, tante.. ma non censuro. Certo nell’economia di un articolo può capitare che il giornale faccia dei tagli e neanche lo fa apposta, in generale almeno, ma su internet c’è sempre spazio e questo non mancherà mai.. qualsiasi cosa tu voglia scrivere. Non ho nulla contro te, la chiesa e Montepertuso e Nocelle frazioni per le quali provo sincero affetto e stima anche perchè forse mantengono quella semplicità e naturalezza che Positano ha perso.. grazie comunque e buon lavoro

Avvocato Michele Cinque
Giornalista free lance

… e con questo credo che la questione possa finalmente considerarsi chiusa.