151008 (30)di S. Ecc. Mons. Orazio Soricelli

16 – 17 ottobre 2008

A nove anni di distanza da quella di Mons. Depalma, dal 15 al 17 ottobre scorso si è svolta nella nostra parrocchia la prima Visita pastorale di Mons. Orazio Soricelli, Una visita breve, ma molto intensa, a cominciare dall’incontro con gli operatori pastorali, che si è svolto al termine della solenne messa di apertura di mercoledì 15 ottobre.

La mattinata del giorno 16 è stata dedicata all’incontro con i ragazzi delle elementari e della scuola dell’infanzia. Nel pomeriggio a Nocelle la visita a tre anziani e ammalati, la benedizione delle tombe nel piccolo cimitero della frazione e la santa messa, quindi il ritorno a Montepertuso, dove, a conclusione dell’intensa giornata, nella sala parrocchiale si è svolto l’incontro con i giovani.

La mattinata e il pomeriggio di venerdì 17 sono stati dedicati alla visita agli ammalati e anziani di Montepertuso: incontri particolarmente intensi, vissuti dagli interessati con gioia e gratitudine. A sera, poi, la messa conclusiva della Visita.

Nell’omelia Mons. Arcivescovo ci ha anticipato alcune indicazioni che poi verranno approfondite ed ampliate nel decreto che ci invierà al più presto.

Agli operatori pastorali ha raccomandato di aprirsi sempre più al respiro della vita diocesana, partecipando con maggiore incisività alle iniziative che vengono proposte a quel livello. I giovani sono stati sollecitati a non chiudersi nel ristretto campo delle loro attività comuni, ma a lasciarsi coinvolgere con entusiasmo dalle iniziative che la diocesi propone loro e di intraprendere con generosità e decisione un cammino di formazione spirituale che si apra anche ad esperienze di volontariato.

Senza alcuna pretesa di voler anticipare le conclusioni dell’eccellentissimo Visitatore, riteniamo che le indicazioni da lui forniteci in breve nel corso della solenne celebrazione conclusiva della Visita si possano riassumere in una frase che abbiamo sentito – e ripetuto – più volte in anni recenti: Duc in altum, “alza le vele”, “prendi il largo”. Chiudersi nel proprio piccolo orticello può essere rassicurante, ma condanna una comunità parrocchiale alla sterilità, all’immobilità, all’aridità spirituale. Perciò dobbiamo sempre più decisamente far nostro il tema del Piano pastorale diocesano: Camminiamo insieme.

Molte sono le cose positive riscontrate nella nostra comunità parrocchiale, ma non possiamo accontentarci: dobbiamo andare avanti con l’entusiasmo e la caparbietà di chi sa che Colui che ci chiama è sempre un passo avanti a noi e ci sollecita a seguirlo. Fermarsi per stanchezza, per noia o per disinteresse significa solo restare per strada, come un tralcio staccato dalla vite.