Eliminare l’ipocrisia

Mt 3,1-12

Al centro della Liturgia della Parola della seconda domenica di Avvento c’è la figura di Giovanni il Battista, con quel suo discorso che tutto sembra tranne che una preparazione al Natale. Eppure Giovanni era venuto per preparare il popolo ad accogliere il Signore che viene. Storicamente doveva preparare l’inizio della vita pubblica di Gesù, quindi siamo già trent’anni più avanti rispetto al suo Natale; però è un tema che ritorna: l’Avvento per noi è un tempo di preparazione, di apprendimento del modo di accogliere il Signore che viene.

Il discorso di Giovanni va bene per l’inizio della vita pubblica di Gesù e va bene anche per l’inizio della sua storia umana, cioè per il Natale. Solo che il linguaggio usato fa un po’ a pugni con l’idea poetica che noi abbiamo del Natale, tutto dolcezza, serenità e pace. Abbiamo sentito, infatti, Giovanni scagliarsi contro alcuni con delle parole molto dure. Il perché di quelle parole, di quelle invettive di Giovanni lo possiamo trovare proprio nel tema che lui propone, che potrebbe anche sembrare più adatto alla Quaresima che all’Avvento: il tema della conversione: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino».

A volte del Natale si dice che in esso il cielo ha toccato la terra. L’incarnazione del Verbo è proprio questo: Dio l’eterno, l’onnipotente, decide di entrare nella storia degli uomini, quindi l’eternità tocca il tempo. Questo avvenimento straordinario, impensabile, ha cambiato realmente e radicalmente la storia umana. L’uomo può accogliere la realtà di questo evento soltanto se si prepara non solo a comprenderlo e a celebrarlo, ma a farlo proprio, ad accoglierlo dentro di sé. E l’unica strada che l’uomo ha per fare questo è convertirsi. Le parole del Battista che noi conosciamo meglio in questo contesto sono appunto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri, e così via… Cioè: preparatevi, cambiate vita, modificate il vostro atteggiamento…

In questa prima domenica del ciclo di tre anni della liturgia domenicale dell’Avvento, l’evangelista Matteo mette in bocca a Giovanni quelle parole durissime cui accennavo. Giovanni vede arrivare al suo battesimo alcuni capi del popolo, sadducei e farisei, i “pezzi grossi” della società giudaica, i quali vorrebbero far credere che sono con il popolo, che cercano di adeguarsi a quello che Giovanni dice e fa. Ma Giovanni si scaglia contro la loro idea ipocrita di far finta di adeguarsi: Razza di vipere, chi vi ha insegnato a far finta di voler scansare l’ira di Dio?

Abbinate al discorso sulla conversione, queste frasi così dure di Giovanni ci dicono una cosa semplicissima: ci dicono che la conversione non è una passeggiata, che convertirsi per preparare la venuta del Signore, preparare le sue strade, raddrizzare sui sentieri e tutto il resto appresso, è qualcosa che costa, qualcosa che comporta una rivoluzione dentro di noi; perché dobbiamo mettere da parte l’ipocrisia e renderci conto prima di tutto di qual è la nostra vera situazione di fronte a Dio, perché Dio non lo prendiamo in giro. Che siamo peccatori lo diciamo tranquillamente, però poi il nostro modo di intendere l’essere peccatore puzza di ipocrisia…

Le parole di Giovanni ci richiamano l’esigenza di una conversione che non si fonda su atteggiamenti esteriori. Per i farisei e sadducei di allora poteva essere l’andare a farsi battezzare; per noi oggi potrebbe essere andare in chiesa, magari fare la comunione, partecipare alle celebrazioni e a tutto il resto… Ma questo non basta. Ci vuole qualcosa che parta dall’interno; innanzitutto essere consapevoli che forse anche noi, magari in misura più limitata, più mitigata, meritiamo quelle parole terribili di Giovanni: Chi vi ha insegnato a far finta di poter avere la grazia di Dio a buon mercato?

Abbiamo chiuso da poco l’Anno giubilare della Misericordia. Potrebbe sembrare che questo discorso faccia a pugni con il discorso della Misericordia di Dio. Assolutamente no, perché se c’è una cosa che abbiamo detto per tutto l’Anno giubilare della Misericordia è stato che la misericordia di Dio per potersi applicare – diciamo più concretamente: per poter funzionare per me – deve appoggiarsi su qualcosa di concreto che sta in me, che io ho creato in me, cioè la conversione. Io non posso sperare che Dio buono e misericordioso chiuda gli occhi e faccia finta che io sono santo, quando invece sono come quei sadducei e farisei che erano andati da Giovanni. L’ipocrisia con Dio non funziona.

Allora preparare la via al Signore che viene, prepararmi degnamente ad accogliere il Signore che viene nel suo Natale, significa prendere coscienza di qual è la mia vera situazione interiore, non quello che la gente vede, ma quello che io so; e una volta presa coscienza di questo, convertirmi. Conversione – lo diciamo tante di quelle volte che ormai dovremmo saperlo a memoria – significa cambiare realmente vita, cambiare strada. Solo sulle autostrade non si può tornare indietro, ma nelle strade della nostra vita possiamo e dobbiamo costantemente verificare dove stiamo andando, e nel caso che siamo fuori strada, su una strada sbagliata, invertire la marcia, tornare indietro. È questa la condizione indispensabile per avviare quel lavoro di cui parla Giovanni: preparare la via al Signore che viene, in tutta onestà senza quell’ipocrisia propria dei farisei e dei sadducei, consapevoli di quello che siamo, ma soprattutto consapevoli che Dio è buono e misericordioso con noi nella misura in cui noi siamo consapevoli dei nostri limiti e gliene chiediamo perdono.

(04.12.2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.