Essere suoi discepoli

(Lc 14,25-33)

In questo brano del Vangelo Gesù ci dà una lezione di vita cristiana, di discepolato. Vede una folla numerosa che lo segue e forse comincia a chiedersi se tutta quella gente è proprio convinta di che cosa significhi essere suoi discepoli. E allora fa un discorso, dà delle indicazioni sulle caratteristiche che deve avere un discepolo.

«Se uno viene a me e non è disposto ad amarmi più di quanto ami i suoi familiari e la sua stessa vita, non può essere mio discepolo». Conseguenza: per essere miei discepoli dovete amare me più della vostra stessa vita.

«Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo». Conseguenza: non pensate che venire appresso a me significhi scaricarsi delle responsabilità, degli impegni, delle croci che avete nella vita di tutti i giorni.

E cominciamo ad analizzare questi due aspetti. Non si segue Cristo “per sport”, come una moda… Quanti si dicono cristiani, ostentano i simboli cristiani perché “fa chic”… Per seguire Cristo con una certa logica, con un certo impegno, occorre rinunziare a mettere al primo posto i propri affetti, la propria stessa vita.

Seguire Cristo come discepolo significa anche “prendere la nostra croce”, accettare, farsi carico, della propria croce. Qui c’è bisogno di una spiegazione più profonda.

Prendere la propria croce… Che cosa significa? A volte magari pensiamo che significhi prendere la croce di Cristo sulle nostre spalle e seguirlo sulla via del Calvario. Ma quella è la sua croce, è la croce che lui ha scelto per morirci sopra per la nostra salvezza. Tra le nostre croci potrebbe esserci anche quella croce, la sofferenza, per esempio; ma il più delle volte le nostre croci sono altre: problemi, preoccupazioni, difficoltà della vita di tutti i giorni, familiari, sociali, di lavoro. Ognuno di noi ha le sue croci. Pensare di essere discepoli di Cristo scappando da quelle croci, scaricandole magari sugli altri, non significa essere discepoli di Cristo. Su questo punto ci tornerò fra poco.

Poi Gesù continua, sempre parlando a quella folla che lo segue.

Chi di voi, volendo costruirsi una casa, prima di iniziare, non si fa i suoi conti per verificare se ce la fa con le sue forze a portare a conclusione il lavoro, altrimenti lascia perdere, perché, se comincia e poi deve lasciare il lavoro a metà, rischia di essere preso in giro dalla gente che vede la sua incapacità. Oppure quale re, volendo andare in guerra contro un altro re, non si siede prima a riflettere se con le proprie forze ce la può fare a vincere, altrimenti manda un messaggero a chiedere la pace.

Questo vuol dire che per essere discepoli di Cristo, secondo le indicazioni che abbiamo visto prima, è necessario essere amministratori attenti dei nostri beni e delle nostre forze. Non è un caso che questa seconda parte del discorso – e tutto il brano evangelico – si concluda con un ammonimento: «Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo».

Sembra che non c’entri nulla e invece è la sintesi di tutto il discorso. Non dipendere dai nostri averi e dalle nostre forze è il solo modo per essere veri discepoli di Cristo.

Può sembrare strano: Gesù non vuole che tutti siano suoi discepoli? Gesù non ha detto che chiunque può andare appresso a lui ed essere suo discepolo: ha dato delle indicazioni; c’è bisogno di un impegno, di una fedeltà esclusiva per essere veramente suoi discepoli.

Questo discorso Gesù lo faceva duemila anni fa a quella folla che lo seguiva. A noi di duemila anni dopo, che cosa dice? Cosa ci chiede? Anche noi siamo come quella folla, diciamocelo serenamente. Quanti oggi si dicono cristiani senza una profonda convinzione riguardo alla scelta di seguire Cristo? Ci si trovano, seguono la massa che va appresso al Maestro e si dicono cristiani pure loro.

Gesù oggi ci propone le stesse cose che proponeva a quella folla di duemila anni fa: Vuoi essere veramente mio discepolo? Bene, allora non basta che vieni appresso a me, non basta che vieni a messa la domenica, che fai qualche opera buona ogni tanto, eccetera. Devi prendere una decisione radicale, devi convincerti che io sono l’assoluto della tua vita, devi accettare, accogliere, amare me più di tutte le altre cose, più degli stessi affetti familiari, più della tua stessa vita, altrimenti vuol dire che vieni appresso a me per abitudine: non sei veramente mio discepolo. E non pensare di scansare così le tue croci, le tue responsabilità, di dispensarti da esse: è con esse che devi seguirmi.

In conclusione, consentitemi di ribadire brevemente il senso delle croci. Scendiamo sul piano pratico. Una croce, per ciascuno di noi, concretamente potrebbe essere il marito, la moglie, i figli, la suocera, il suocero, il lavoro, lo studio, e così via… Per me parroco potreste essere voi!…

Questo significa che non stiamo parlando di croci simboliche; stiamo parlando di croci concrete… Voler essere seguace di Cristo pensando che così ho un motivo, l’occasione per scrollarmi di dosso le “mie croci”, è sbagliato. Portando quelle croci io devo seguire Cristo. Solo così sarò veramente suo discepolo. E tutto questo lo devo fare con consapevolezza: devo fare i miei conti. Ce la faccio? Ci riesco veramente a portare le mie croci appresso a Gesù, senza perdere la pazienza, o perdendola solo ogni tanto, per qualche momento, ma poi recuperandola per strada? Ce la faccio ad andare appresso Cristo, ad essere suo discepolo, se non al 100%, magari al 90? Se la risposta è sì, allora sono un buon candidato ad essere suo discepolo, posso seguirlo con sufficiente decisione.

Attenzione: Cristo sa benissimo che non sta parlando a dei santi già belli e fatti! Anche gli apostoli che si era scelti dimostrano, fino alla fine, di non essere al 100% corrispondenti al modello indicato! Gesù sa che sta parlando a gente in cammino, in via di santificazione; quella che lui propone è una prospettiva. Sa anche bene che lungo la strada, a un certo punto, la tentazione di scaricare qualcuna delle nostre croci potrebbe essere molto forte, però se siamo buoni discepoli, noi quella croce prima o poi ce la riprendiamo sulle spalle e andiamo avanti. Anche lui, sulla via del Calvario, è caduto tre volte: questo deve pur significare qualcosa per noi.

(04/09/2016)

2 commenti

  1. Come possiamo discernere tra falsità e verità? Come possiamo distinguere i falsi discepoli, dai veri discepoli del Messyah? Come possiamo discernere i veri insegnamenti spirituali provenienti da Dio stesso, da quelli meramente tradotti e adattati dalle dottrine e tradizioni umane?

    Oggi molti cono confusi e non credono quasi più in nulla, come non dargli ragione? Dovunque rivolgiamo lo sguardo; osserviamo innumerevoli ideologie, partiti, sette, spiritualità varie, e quelle che sono denominate: “grandi religioni”, come il Cattolicesimo, l’Islam, l’Induismo, il Buddismo, il Giudaismo.

    Leggi altro: COME DISTINGUERE I VERI DISCEPOLI DEL MESSIA DAI FALSI CRISTIANI? – VERA ASSEMBLEA DISCEPOLI DI YAHUSHUA http://www.assembleadiyahushua.it/come-distinguere-i-veri-discepoli-del-messia-dai-falsi-cristiani

  2. Ci sarebbero molte cose da dire sul tuo commento, carissimo “Bugie Svelate”, ma non servirebbe a molto: so per lunga esperienza che non serve mettersi a discutere con voi. Il tuo nickname, però, è significativo: considerando che pretendi di svelare bugie, dimmi: i veri cristiani sarebbero quelli che negano che Gesù è Figlio di Dio? Come vedi, non mi preoccupa dare pubblicità al tuo sito web: è necessario conoscere le idee di chi ti si oppone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.