Far tesoro del tempo

Lc 2,16-21

La Chiesa ha messo il nuovo anno civile, che si apre oggi, sotto la protezione della Madre di Dio. Le letture in qualche modo possono darci una motivazione di questo fatto, anche se bisogna andare a cercarla tra le righe dei testi che ci sono stati proclamati.

Abbiamo ascoltato, nel Vangelo, l’episodio dell’arrivo dei pastori al luogo dove è avvenuta la nascita di Gesù. Sollecitati dagli angeli e incuriositi dalle loro parole, essi vanno a vedere che cosa è successo. Trovano una mamma, un papà e un bambino. Una scena normalissima, visto che l’annuncio parlava di una nascita. Ma il modo in cui quella nascita è stata annunziata suggerisce loro che non deve trattarsi di una cosa così normale, come appare ai loro occhi. L’Evangelista annota che, dopo aver raccontato ai presenti la loro esperienza, se ne tornarono al loro lavoro, entusiasti per aver fatto quella esperienza straordinaria.

Ma nel racconto c’è un particolare, una frase che potrebbe passare facilmente inosservata, e che invece è un segnale, come una spia luminosa che vuole richiamare la nostra attenzione, aiutarci a capire il motivo della collocazione di questo racconto nel contesto celebrativo che unisce la divina Maternità di Maria con l’inizio del nuovo anno civile. L’Evangelista ci dice che i presenti a quella scena rimangono stupiti da quello che sentono raccontare dai pastori, e che Maria conserva – registra – tutte quelle cose nel suo cuore. Non è una cosa nuova: questa annotazione, riferita alla Vergine Madre la troviamo anche altre volte nel Vangelo. Maria, di fronte ad avvenimenti straordinari, almeno in parte per lei incomprensibili, conserva tutto nel suo cuore.

Quanti anni sono passati sulle nostre spalle fino ad oggi? Vogliamo toglierne qualcuno, i primi, nei quali non eravamo consapevoli di quello che ci accadeva intorno? Bene. Ma quando abbiamo cominciato a ragionare, a essere consapevoli delle vicende della vita, queste hanno lasciato qualche traccia dentro di noi? Le abbiamo interiorizzate, pur non comprendendo tutto fino in fondo, in attesa o nella speranza di veder un giorno chiarirsi il disegno di Dio su di noi?

Quanti degli anni che ho vissuto mi sono passati addosso senza lasciare traccia dentro di me, se non qualche acciacco e un po’ di capelli bianchi? Di quanti di questi anni conservo il ricordo di qualche avvenimento, di qualche circostanza particolare? Di qualcuno certamente. Penso alle varie tappe del mio cammino sacerdotale, penso al mio arrivo qui a Montepertuso… Avvenimenti che non potevano non lasciare un segno e che da qualche parte, dentro di me, stanno “fotografati”, in attesa di uno “sviluppo”. È quello che faceva Maria. Di fronte a quegli avvenimenti della vita di suo figlio, li conservava nel suo cuore, anche se in buona parte forse non li capiva o non li capiva fino in fondo; tranquillamente, prendeva quella tessera del mosaico e la metteva da parte, in attesa che vi si aggiungessero altre tessere e così, alla fine, il quadro potesse risultare chiaro.

La stessa cosa potrebbe succedere a noi, a condizione – ecco il punto – che facciamo attenzione agli avvenimenti della nostra vita, non come qualcosa che ci cade addosso e scivola via, come pioggia sulla roccia, ma come eventi che entrano dentro di noi, che lasciano una traccia, un segno profondo, che vanno ad occupare un posto nel nostro cuore, in attesa che il quadro si completi e ci riveli quello che è il progetto di Dio su di noi.

Il 2017 è passato, grazie a Dio, e noi per questo abbiamo ringraziato ieri sera; lo faremo ancora stasera, perché il Signore ci ha concesso di mettere piede nel nuovo anno. Ma che cosa gli anni che sono ormai dietro le nostre spalle, hanno lasciato dentro di noi? Probabilmente, almeno alcuni di essi – parlo per me – stringendo stringendo, si sono risolti in poco più che prendere il calendario vecchio, gettato nel cestino e mettere al suo posto il nuovo; cioè una successione di calendari che non ha lasciato dentro di noi grandi segni. Ma se abbiamo conservato nel nostro cuore qualche avvenimento di quegli, se ogni avvenimento è diventato come una tessera di mosaico che si è piazzata da qualche parte, in attesa che vi si aggiungessero altre tessere che alla fine comporranno un disegno chiaro del progetto di Dio su di noi, quegli anni non saranno passati inutilmente. Questo, però, non succede automaticamente: succede soltanto se noi viviamo il tempo che abbiamo davanti, e abbiamo vissuto il tempo che è passato, con una interiorità almeno simile a quella di Maria. Quante cose, del tempo che il Signore ci ha dato da vivere, abbiamo conservato nel nostro cuore? E cosa conserveremo di questo nuovo anno che si apre davanti a noi? Non lo sappiamo, ma sarebbe bello per noi se vivessimo il tempo che il Signore ci concede con una maggiore consapevolezza; non potremo arrivare facilmente al livello di Maria, ma basterebbe giusto un poco: vivere, interiorizzandoli, i momenti belli o meno belli della nostra esistenza, per fare in modo che un giorno possiamo guardarli, come si guarda un mosaico straordinario – da lontano – e scoprire che quella tessera particolare – magari nera o grigia – che al momento ci sembrava la cosa più pesante, contribuisce pure lei a comporre un disegno straordinario, che è il piano di Dio su di noi. Allora potremo anche ringraziare consapevolmente il Signore misericordioso per gli anni che ci concede di vivere e per i doni che in essi ci fa.

(01.01.2018)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.