Giusti e peccatori

Nei Vangeli Gesù mostra di gradire la compagnia di coloro che l’opinione pubblica corrente classificava come pub­blicani e peccatori, i rifiuti secondo la società benpensante. Questo atteggiamento viene criticato da coloro che si ritengono giusti e depositari delle norme di giustizia secondo la legge di Mosè. A queste critiche Gesù risponde prima con quello che sembra essere un prover­bio: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati», poi conclude con un inse­gnamento: «Non sono venuto a chiamare i giu­sti, ma i peccatori». È un ammonimento serio, quasi una minaccia, per i suoi critici. Il senso della frase, infatti, potrebbe essere facilmente interpretato come: «Chi si ritiene giusto non ha bi­sogno di me, ed io non sono venuto per lui». Ma questo non è vero: egli è venu­to per tutti, anche per quelli che, ritenendosi giusti, potreb­bero non sentirsi destinatari di quella salvezza che il Padre offre a tut­ti gli uomini in Gesù Cristo. I Farisei, comunque, ritenendosi giusti secondo la legge di Mo­sè, rifiutavano di accogliere il nuovo Mosè e l’annuncio di salvezza che portava.

Quale realtà sperimentiamo oggi? Non è infrequente sentire frasi del genere: Io in chiesa non ci vado: devono andarci quelli che hanno peccati da farsi perdonare… Oppure: Non vado in chiesa perché ho troppi peccati…

I “peccatori” del tempo di Gesù erano consape­voli del loro peccato. Questa consapevolezza gliela dava certo la loro situazione obiettiva nei confronti della legge di Mosè e gliela faceva pe­sare, aggravandola, l’atteggiamento di coloro che si ritenevano giusti perché osservanti della legge, an­che se tale osservanza, il più delle volte, era solo formale. È proprio contro tale formalismo che si scaglia Gesù.

Quei “peccatori” secondo l’opinione pubblica lo erano in realtà? Probabilmente sì, perché resta sempre vero che “il giusto pecca sette volte al giorno”; ma si trattava di uno stato di peccato che potremmo definire “in attesa di redenzio­ne”: in qualche modo, infatti, essi erano quelli che veramente aspettavano un Messia salvatore. Gli altri, i giusti, i farisei, in realtà non aspetta­vano nessuna salvezza e dunque Gesù non veni­va per loro.

In questa prospettiva l’agire dei moderni pub­blicani e farisei, ciascuno a suo modo, andrebbe meditato a fondo: il peccatore – quello che si sente veramente tale e lo è – e il giusto – quello che si ritiene tale, pur senza esserlo – prendendo atto della loro reale situazione, si rivolgano al “medico” che solo può curarli. In chiesa, in­fatti, ci si va sì per prendere coscienza del pro­prio peccato, ma anche e soprattutto per speri­mentare l’amore di Dio che in Gesù Cristo ci offre il perdono e la salvezza, e questo non solo a livello personale, ma anche e soprattutto a livello comunitario.

Vale la pena ricordare e meditare le parole del “Confesso”: una singola persona (“Io” confesso a Dio onnipotente…) si riconosce peccatrice e supplica la comunità (“voi fratelli”) di pregare perché il Signore conceda a tutti il perdono. In chiesa ci vado non perché ritengo di essere pec­catore oppure giusto, ma perché sono consape­vole della mia realtà di creatura debole e biso­gnosa del “medico” che è venuto proprio per me.

(6/2011)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*