Grano o zizzania?

Mt 13,24-30

Gesù racconta questa parabola ascoltata tante altre volte, e certamente abbiamo avuto modo di ascoltare anche la spiegazione che subito dopo ne fa ai suoi discepoli, come risposta alla loro richiesta di chiarimenti. Partiamo proprio da questa domanda.

Potremmo pensare che non l’abbiano capita, e questo sarebbe strano, perché non è poi così difficile capire il senso del racconto, se ci si mette in sintonia con colui che lo fa. Quel grano che cresce insieme alla zizzania e il padrone che dice ai servi di lasciar correre, di non perdere tempo per provare ora a togliere l’erba cattiva: perché quando sarà il momento della mietitura, si provvederà a fare quello che serve.

Se è così facile capire il senso della parabola, perché glielo chiedono? Penso di aver trovato una risposta, forse banale, che non c’entra con nessuna problematica teologica, ma ci fa capire che i discepoli un’idea se l’erano fatta circa il senso del discorso di Gesù, ma la cosa sembra loro così strana che non ce la fanno a trattenersi: vogliono sentirla direttamente dal Maestro. Cos’è che i discepoli avevano capito molto bene ma gli sembrava strano? Gesù intendeva dire che nel mondo – se volete, nella comunità – convivono bene e male. Noi siamo molto bravi ad appiccicare queste due etichette secondo i nostri criteri personali, per cui corriamo il rischio di chiamare zizzania qualcosa che zizzania non è e conservare come grano qualcosa che invece è zizzania pura e semplice. Questo è il motivo per cui il “padrone” dice ai servi di lasciar perdere, di non volersi affrettare a separare il grano dalla zizzania, per evitare che, tirando via la zizzania, si finisca per sradicare anche qualche spiga di grano buono.

Credete che stia parlando a delle persone incompetenti? No! Se hanno capito che insieme al grano è spuntata anche la zizzania, vuol dire che quei servi sanno il fatto loro: come potrebbero, nel momento in cui devono estirpare l’erba cattiva, confonderla con il grano?

Il problema è che nella realtà – dove si deve concretizzare il significato della parabola – non è facile distinguere il bene e il male, che sono entrambi presenti nel mondo e nelle comunità. Se dipendesse da noi, probabilmente manderemo all’Inferno tutti gli altri, tranne noi e qualche parente e amico, perché ognuno ha qualche problema di giudizio nel suo “orticello”. È per questo motivo che il padrone della parabola dice ai servi di lasciar perdere: quando sarà il momento, si provvederà a fare la cernita.

Quando sarà il momento? Forse che allora le spighe di grano porteranno scritto che sono grano, mentre le piante di zizzania porteranno scritto “in fronte” che sono zizzania? Certamente no. Bisogna avere la pazienza di aspettare, perché nella realtà, al di la della parabola, può anche succedere che del buon grano diventi zizzania e qualche pianta di zizzania, un po’ alla volta potrebbe trasformarsi in grano… Perché «nulla è impossibile a Dio», dopo aver mostrato tutta la sua divina pazienza, che qualche volta si chiama “misericordia”.

Il “padrone” concede a tutti i tipi di piante la possibilità di esprimere il meglio di sé fino alla fine. L’intervento immediato, proposto dai servi, potrebbe ottenere solo di “gettare nel fuoco” qualcuno che forse, con un po’ di tempo e di pazienza, poteva diventare “buon grano per il regno dei cieli”.

Credo che da tutto questo discorso noi dovremmo ricavare un insegnamento semplicissimo ma difficile da mandar giù. In ognuno di noi c’è il grano e la zizzania. Dipende da noi, dalla nostra docilità alla grazia, se prevale l’uno o l’altro tipo di “pianta”. Alla fine, il giudizio sarà su ciò che saremo diventati, non su quello che eravamo da piccoli, quando eravamo tutti spighe di bello e buon grano. Magari ci siamo un po’ “persi per strada”, perciò il padrone del campo lascia correre, ci dà tempo, nella speranza che la zizzania diventi buon grano e che alla fine possiamo portare molto meraviglioso frutto. Ma questa è un’altra parabola.

(23.07.2017)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.