Guai agli spensierati!

Lc 16,19-31

Abbiamo ascoltato un’altra pagina molto nota, la parabola di Lazzaro e del ricco gaudente. Come già per la parabola del figliol prodigo, vorrei provare a darne una lettura un po’ diversa dal solito, partendo dal brano che la liturgia si propone come prima lettura, una profezia del profeta Amos (6,1a.4-7).

Amos è il profeta del sociale, perché nelle sue profezie si scaglia contro l’ingiustizia del suo tempo, in difesa dei poveri, degli ultimi, degli sfruttati. Il brano che abbiamo ascoltato inizia con una minaccia: «Guai agli spensierati di Sion!». Chi sono costoro? Sono quelli che si preoccupano solo di godersi la vita e non prestano attenzione ai problemi di coloro che li circondano.

Ebbene, una fotografia – è il caso di dirlo – della situazione descritta da Amos la troviamo nella parabola raccontata da Gesù. Quell’uomo ricco, del quale non conosciamo neanche il nome, passa il suo tempo a godersi la vita, disinteressandosi, non accorgendosi minimamente di quello che accade già fuori della sua porta. Qui c’è Lazzaro, uno che definire povero è tristemente limitato: è un uomo che aspetta inutilmente le briciole di pane che potrebbero cadere dalla tavola del ricco.

A differenza del ricco, il povero viene chiamato per nome; ma è una ben magra soddisfazione, visto che solo i cani sembrano interessarsi a lui leccandogli le piaghe.

Questo è il primo atto della tragedia. Poi viene il secondo atto. Lazzaro muore e viene portato accanto ad Abramo: l’equivalente del Paradiso, secondo la nostra concezione moderna. Muore anche il ricco e viene sepolto: è l’equivalente degli inferi, di quella zona d’ombra indefinita e indefinibile, nella quale, secondo la concezione del tempo, le anime sono come perse.

Che cosa è successo? C’è stato un capovolgimento di situazioni. E Abramo questo capovolgimento lo fa notare al ricco, che da lontano vede Lazzaro e finalmente si accorge di lui; stavolta lo riconosce e chiede ad Abramo di mandarlo in suo soccorso. Ma Abramo gli risponde che non è possibile: Tu, in vita hai ricevuto tutti i tuoi beni e Lazzaro le sue sofferenze; ora è giusto che Lazzaro “si goda la vita” mentre tu provi un po’ dei patimenti che lui ha sofferto in vita.

Questa è la spiegazione precisa e chiara – come una fotografia, appunto – di che cosa intendeva Amos. Guai agli spensierati di Sion, che non si curano della sorte dei loro fratelli, non fanno caso alle ingiustizie che li circondano, anzi le aggravano.

Non vorrei che questo sembrasse un discorso campato in aria, fratelli miei. Anche noi ci troviamo nelle stesse situazioni; ancora oggi c’è questa divisione, questa separazione tra coloro che vivono da spensierati godendosi la vita e coloro che giacciono alle porte delle loro case soffrendo in attesa di una qualche giustizia. Non è un discorso campato in aria, è un invito a guardarci intorno, a smetterla di essere spensierati; è un invito a curarci, per quanto possibile a ognuno di noi, di quel povero che sta alla nostra porta, che bussa alla nostra porta, in attesa di qualcosa, di un minimo di attenzione che finora pare che abbia ricevuto soltanto dai cani che vanno a leccare le sue piaghe.

Non dovrebbe esserci bisogno di concretizzare, fratelli miei, se ognuno di noi fa un minimo di attenzione alla propria giornata, alle notizie che ogni giorno la televisione e i mezzi di comunicazione ci riversano addosso. Quanti poveri, quanti “disgraziati” bussano alle porte dell’Occidente, della società opulenta e spensierata, per cercare di avere le briciole che cadono dalle sue tavole!… Guai agli spensierati di Sion. Guai agli spensierati dell’Occidente, direbbe oggi Amos, i quali pensano solo a godersi la vita, pur nelle loro crisi, e qualche volta si fanno scudo proprio di quelle loro crisi per giustificare la superficialità, la spensieratezza, la noncuranza verso quel povero che sta alla loro porta.

Quel “guai!” di Amos si concretizza nella situazione del ricco descritta da Abramo: Tra noi e voi c’è un abisso. È lo stesso abisso che c’era prima, solo che il ricco non se ne accorgeva; c’era un abisso fra la sua tavola e la sua porta. Non era riuscito a superarlo, in vita, ma adesso vorrebbe che Lazzaro lo superasse per andare a bagnargli le labbra arse dal calore del fuoco.

È poesia? Amen! Che volete che vi dica? Tra noi, però, ce lo dobbiamo dire: quell’ammonimento del profeta – Guai agli spensierati di Sion che non si curano di quel povero che sta alla loro porta – vale ancora oggi, dopo tanti secoli da che l’ha detto Amos; vale ancora oggi, vale per noi oggi, nonostante tutte le nostre crisi, nonostante noi ci facciamo scudo delle nostre crisi, cercando di giustificare con esse la nostra superficialità.

Ma non finisce qui. La parabola continua: potremmo dire che c’è un terzo atto…

Visto che la sua situazione è irrimediabile, l’ex ricco “si converte”, comincia a preoccuparsi degli altri, anche se solo dei suoi fratelli che, a quanto pare, vivono come viveva lui.

Chiede ad Abramo che mandi Lazzaro sulla terra ad avvertirli, così che possano evitare di finire anche loro in quell’inferno. Ma Abramo gli oppone un altro rifiuto. «Hanno Mosè e i profeti – cioè la legge e la profezia –, ascoltino loro». Ma l’ex ricco, che evidentemente conosce bene i suoi simili, gli fa notare che non sono per niente disposti a credere a Mosé e ai profeti; se però un morto si presentasse a loro, forse… La conclusione di Abramo è senza appello: Se non ascoltano Mosè e i profeti, non si convertirebbero neanche se un morto tornasse in vita!

Il “guai” di Amos si espande a macchia d’olio: anche i fratelli dell’ex ricco – tutti quelli che non si accorgono di quel povero Lazzaro che sta alla loro porta – rischiano di fare la stessa fine. E non potranno dire che non lo sapevano, perché «hanno Mosè e i profeti», hanno gli insegnamenti di Cristo, hanno la parola della Chiesa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*