I due fratelli

(Lc 15,1-32)

Il brano del Vangelo lo conosciamo. Anche se molto lungo, spero che abbiate avuto la pazienza di ascoltarlo con attenzione. Abbiamo tante volte commentato la parabola cosiddetta del figliol prodigo, più giustamente la parabola del padre misericordioso, ma potremmo anche chiamarla la parabola dei due figli. Io stasera vorrei provare a farne una lettura un po’ diversa, tanto per cambiare un poco la solita predica che si fa sul figliol prodigo.

Il brano del Vangelo inizia con la descrizione di una scena che si verificava spesso intorno a Gesù: Si avvicinavano Gesù i pubblicani e peccatori, cioè diciamo così, la “crema” di una certa società; i giusti, coloro che si ritenevano giusti, scribi e farisei, mormorano. Gesù queste mormorazioni le percepisce, e racconta queste tre parabole proprio ad uso e consumo di quei mormoratori.

Tutte e tre le parabole parlano della gioia che i protagonisti provano nel ritrovare qualcosa che avevano smarrito. Ma c’è un crescendo dalla prima alla terza.

Nella prima parabola, il pastore che ha cento pecore, quando torna all’ovile, si accorge di averne persa una per strada. Lascia le 99 al sicuro e va a cercare la pecora che si era perduta. Quanto la trova, la riconduce all’ovile e fa festa con gli amici per averla ritrovata.

A ben vedere, c’è una forzatura in questo racconto. Quale pastore si comporterebbe così? Su cento pecore ne perde una; lascia le superstiti nell’ovile e la va a cercare, di notte. E quando finalmente la trova, la sua gioia è tale che invita gli amici a rallegrarsi con lui per l’evento. Nessun pastore umano, con una pecora animale, farebbe così! Ma Gesù sta parlando di un altro pastore e di altre pecore. L’esagerazione serve a catturare l’attenzione degli ascoltatori, a far sì che le immagini s’imprimano nelle loro menti e portino con sé l’insegnamento che contengono.

La seconda parabola è un po’ più credibile. Una donna ha dieci monete e ne perde una. Tuto l’impegno che mette in campo per ritrovare quell’unica moneta dovrebbe significare che aveva per lei un grande valore. E infatti, nelle vecchie traduzioni, si parlava di dieci dracme, una moneta greca che a quell’epoca valeva molto. Perciò si giustifica la fatica della ricerca e la gioia, condivisa con le amiche, per il ritrovamento.

Queste due brevi parabole servono a Gesù per preparare “il terreno”, cioè le menti degli ascoltatori, alla terza, quella che più direttamente dovrebbe coinvolgere quei benpensanti che mormoravano.

Il racconto lo conosciamo. Questo figlio minore, che non avrebbe nessun diritto sull’eredità del padre, chiede la sua parte del patrimonio. Quando l’ha avuta, se ne va di casa e in breve tempo spreca tutto facendo una vita da dissoluto. Nel tentativo di cavarsela da solo, entra in una spirale di degradazione che lo porta a toccare il fondo della sua dignità. E da questo fondo di miseria materiale e morale rientra in sé e decide di tornare a casa da suo padre, perché lo prenda con sé, non più come figlio ma come schiavo, come l’ultimo dei servi. Invece, avvicinandosi a casa, si accorge che il padre lo stava aspettando e quando da lontano lo vede arrivare, gli va incontro, lo abbraccia, lo reintegra nella sua posizione di figlio e fa una grande festa per questo figlio.

Ma non finisce qui. C’è l’altro figlio, il figlio maggiore, il quale stava nei campi e non si è accorto del ritorno del fratello. Quando arriva a casa, sentendo il rumore della festa, chiede informazioni. E quando ne scopre il motivo, ha un moto di ribellione: non vuole entrare a condividere la gioia del padre. Allora il padre gli va incontro, gli spiega il perché della festa. Ma quel figlio “buono” si ribella e rimprovera aspramente il padre. Forse è la prima volta in vita sua; fino a quel momento il rancore per le incomprensioni da parte del padre l’aveva tenuto chiuso dentro: Io sono stato sempre qui, ho sempre obbedito ai tuoi ordini e tu non mi hai mai dato un capretto per far festa con i miei amici. Ora che questo mascalzone, dopo aver sperperato i tuoi soldi è tornato, tu fai festa uccidendo il vitello grasso.

La riflessione particolare che vorrei fare parte da qui per tornare a quegli scribi e farisei che mormorano perché Gesù accoglie pubblicani e peccatori e mangia con loro. Essi, come il figlio maggiore, si ritengono buoni, non si sono mai allontanati da Dio, ne hanno sempre osservato i comandamenti, meriterebbero un po’ di attenzione da parte di Gesù.

In fondo questi “signori”, come il figlio maggiore della parabola, sono invidiosi delle attenzioni che Gesù rivolge a quelli che essi considerano lo scarto, il rifiuto della società. Cos’è che non capiscono? Gesù sta insegnando loro la pratica della misericordia applicata, operativa: andare a cercare ed accogliere con gioia non solo e non tanto quelli che si ritengono buoni e giusti, fedeli osservanti e diligenti (le 99 pecorelle e le 9 monete), ma soprattutto quelli che hanno perso l’orientamento, si sono smarriti. E questo insegnamento vale anche per noi, quando assumiamo l’atteggiamento del fratello maggiore o degli scribi e farisei. Dobbiamo imparare e mettere in pratica l’atteggiamento del padre misericordioso, che accoglie nel suo abbraccio gioioso quel «fratello [che] era morto ed è ritornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato», chiunque sia, da qualunque parte venga, qualunque sia il suo valore e nonostante magari ne abbiamo “in casa” altri novantanove.

(11/09/2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*