Ricordatevi dei vostri capi, i quali vi hanno annunziato la parola di Dio:

considerando attentamente il loro tenore di vita, imitatene la fede

(Ebr 13,7)

 

Don Benvenuto Tomasino, cappellano nel 1550(1)

Don Giovanni Giacomo (Mosca?), parroco nel 1593(2)

Don Tommaso Pacifico, parroco negli anni 1602-1614(3)

Don Giovanni Battista Cinque, parroco nel 1623(4)

Don Giulio Porzio, già parroco nel 1635(5), lo resterà fino al 1655

Don Nicola Mandara, parroco dal 1655 al 1707

Don Andrea Mandara, parroco dal 1707 al 1729

Don Francesco Mandara, economo curato dal 1729 al 1731, poi parroco fino al 1775

Don Girolamo Mandara, parroco dal 1775 al 1807

Don Matteo Romito, economo curato dal 1807 al 1813

Don Luigi Cocorullo, economo curato dal 1813 al 1817, poi parroco dal 1817 al 1834

Tra il 1834 e il 1836 si succedono come economi curati diversi sacerdoti: don Giovanni Battista Rispoli, don Gioacchino Talamo, don Salvatore Talamo, don Luigi Irace, don Francesco Saverio Savo(6)

Don Gennaro Mandara, economo curato dal 1836 al 1844

Don Raffaele Cinque, economo curato dal 1844 al 1845, poi parroco dal 1845 al 1875

Don Domenico Cinque, economo curato dal 1875 al 1895

Don Vincenzo Cinque, parroco dal 1895 al 1935(7)

Don Vito Talamo, parroco dal 1936 al 1975

Don Giulio Caldiero, parroco dal 1975 al 1985

Don Andrea Imperati, parroco dal 1985 al 1996

Don Michele Fusco, parroco dal 1996 al 2002

Don Angelo Raffaele Celentano, parroco dal 22 settembre 2002

 

Note

(1) Nella relazione della Visita pastorale del 1550 viene indicato come cappellano della parrocchia.

(2) È indicato come parroco nella relazione della Visita pastorale di questo anno

(3) È indicato come parroco nelle relazioni delle Visite pastorali del 1602, 1608, 1611 e 1614; non sappiamo quando ha iniziato e terminato il suo mandato.

(4) È indicato nella relazione della Visita pastorale di quell’anno; anche di lui non sappiamo quando ha iniziato e terminato il suo mandato.

(5) Questo è il primo anno di cui troviamo notizie nei registri parrocchiali; non ci sono di aiuto le relazioni delle Visite pastorali: mancano, infatti quelle tra il 1624 e il 1642.

(6) Questi nomi, come anche i due precedenti, non sembrano originari di Montepertuso, ma di Positano, tranne due (Irace e Savo) che sembrano indicare provenienze più lontane (rispettivamente Praiano e Amalfi).    È forse l’indizio di un periodo di crisi di vocazioni.

(7) Dal 1891 era stato coadiutore. Muore il 1° dicembre 1935. Per qualche mese la parrocchia viene affidata a don Saverio Cinque, parroco di Positano, che la regge come economo curato.