Il battesimo del Signore e il nostro

Mt 3,13-17

La festa del battesimo del Signore tradizionalmente chiude le feste natalizie, anche se ci ricorda un avvenimento che si è verificato quando Gesù aveva già circa trent’anni. Questa collocazione ha un significato soprattutto per noi, perché siamo invitati a prendere coscienza, a farci sempre più consapevoli del valore e dell’importanza del nostro battesimo; anche per questo all’inizio della celebrazione abbiamo compiuto il rito dell’aspersione, proprio per ricordare il nostro battesimo. Questo gesto – voler ricordare – è quanto mai opportuno, tanto è vero che la Chiesa ce lo fa compiere almeno due volte nell’anno: oggi e nella Veglia Pasquale.

Perché è importante celebrare questo ricordo? Perché il battesimo è una cosa che noi abbiamo ricevuto in genere, salvo particolari e rare eccezioni, quando eravamo molto piccoli e quindi era come se non ci fossimo; non ricordiamo niente di quell’evento, nessuno di noi ha un qualche ricordo diretto del giorno del suo battesimo; i più giovani, forse, possono ricordarlo attraverso delle fotografie o un filmino, ma non c’è altro; e questo, se vogliamo, è un problema perché noi cresciamo con la convinzione che il battesimo sia una cosa che è successa una volta e tutto è finito lì; non solo non abbiamo nessun ricordo, ma non sentiamo nessun bisogno di ricordare questo fatto relegato in un tempo lontano. Invece dovremmo continuamente riscoprire una “qualità” del nostro battesimo, che dovrebbe rimanere fissa nella nostra mente come un chiodo: noi non “siamo stati battezzati”, noi “siamo battezzati”; il battesimo ha provocato in noi un cambiamento sostanziale, facendo di noi qualcosa di nuovo che rimane per sempre. Quello che è stato celebrato tanti anni fa, quel rito che nessuno di noi ricorda compiuto su se stesso, ha fatto di noi una cosa nuova, di ha conferito una “qualità” che dura per sempre. Ecco perché noi non “siamo stati battezzati”, ma “siamo battezzati”: noi viviamo o dovremmo vivere da battezzati.

Il fatto che la Chiesa ci inviti, almeno due volte l’anno, a ricordare il nostro battesimo, a tornare con la mente a qualcosa che concretamente non ricordiamo ma che certamente fa parte della nostra esistenza e quindi è quello che ci ha abilitati a qualcosa, è importante. Ma l’importanza di questo ricordare ha un senso per noi se siamo consapevoli di che cosa ha prodotto in noi il nostro battesimo.

Il catechismo ci ricorda che il battesimo ci ha fatti figli di Dio, ci ha inseriti in quella realtà che chiamiamo “corpo mistico”, Chiesa, comunità dei figli di Dio; ha fatto di noi “una novità”, qualcosa di totalmente nuovo rispetto a prima. Per ognuno di noi vale quello che abbiamo sentito affermare da quella voce dal cielo, durante il battesimo di Gesù: «Questi è mio figlio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto». Questo Dio lo ha detto per ciascuno di noi, su ciascuno di noi, il giorno del nostro battesimo, e questo intervento di Dio ha fatto di noi una realtà nuova, che noi chiamiamo “essere figli di Dio”. È questa realtà che ci abilita, ci mette in condizione di poter venire in chiesa a pregare il Padre, di celebrare i sacramenti, di ricevere l’Eucaristia, di fare tutte le pratiche cristiane che possiamo immaginare ricavandone un frutto spirituale.

All’origine della nostra esistenza terrena e cristiana c’è questa realtà che ci ha cambiati dentro profondamente, ed è per questo motivo che celebriamo il ricordo del battesimo del Signore oggi. Per Gesù il giorno del suo battesimo ha segnato l’inizio della sua vita pubblica, cioè l’inizio della missione per la quale era venuto nel mondo. In quella occasione egli si è manifestato al mondo come Figlio prediletto del Padre, venuto a realizzare un progetto di Dio. Questo vale anche per noi. Il giorno del nostro battesimo – l’abbiamo detto tante volte! – Dio ci ha affidato un progetto, una missione, un compito da realizzare; la nostra vita di figli di Dio si realizza in questo attuare il progetto che Dio ha posto nelle nostre mani.

Allora capiamo che il ricordo della festa di oggi, il ricordo del battesimo del Signore, che porta con sé il ricordo del nostro battesimo, non è come ricordare il giorno della nostra nascita alla vita terrena. Noi facciamo festa celebrando il nostro compleanno. Il ricordo del battesimo non è come il ricordo del compleanno, e il motivo è semplice: si nasce una volta sola, e più ci si allontana da quell’evento più si avverte “la distanza” da esso: gli anni non sono solo un numero! Se abbiamo capito quanto ho detto fin qui, per il nostro battesimo non è la stessa cosa: con il passare del tempo non ci allontaniamo da ciò che quell’evento ha significato e significa per noi; ogni giorno esso è sempre attuale, è sempre presente: ogni giorno viviamo la realtà di essere figli di Dio e di avere un compito da svolgere, una missione; se volete, una vocazione. Noi oggi non celebriamo il “compleanno” del nostro essere diventati figli di Dio, ne celebriamo l’attualità, la freschezza come il primo giorno. Anche se gli anni, quando diventano molti, pesano, celebriamo sempre l’entusiasmo “giovanile” di essere figli di Dio. Vi spiego on un ricordo il senso di queste mie parole… Prima della riforma liturgica, all’inizio della Messa il sacerdote, anche se aveva ottant’anni, recitava un salmo nel quale diceva: Mi accosterò all’altare di Dio, a Dio che allieta la mia giovinezza!

(08.01.2017)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*