Il mistero del Natale

Eb 1,1-6; Gv 1,1-18

La Lettera agli Ebrei, che abbiamo ascoltato come seconda lettura, ci ha detto che Dio a un certo punto della storia dell’umanità ha preso una decisione: dopo aver parlato attraverso i profeti per molti secoli, alla fine ha voluto parlare agli uomini per mezzo del Figlio. Per realizzare questa decisione, Dio mette in moto un progetto che porterà alla solennità che celebriamo oggi. Perché Dio potesse parlare direttamente agli uomini attraverso il Figlio, era necessario che questo Figlio assumesse la natura propria degli uomini ai quali voleva rivolgersi. Ed ecco allora l’incarnazione: il Verbo di Dio, come ci ha detto il Vangelo di Giovanni, si fa carne perché Dio possa parlare attraverso di lui agli uomini, non più per interposta persona, cioè per mezzo dei profeti, ma direttamente, faccia a faccia. Questo era il progetto ideato e realizzato da Dio, progetto che l’Evangelista deve constatare che ha avuto qualche difficoltà: nella realtà concreta dell’incarnazione, il Verbo ha avuto problemi non tanto a incarnarsi quanto a parlare agli uomini.

Possiamo dire che il mistero dell’Incarnazione è come una medaglia a due facce. Da una parte c’è la realtà teologica: il Verbo eterno che si fa carne; dall’altra parte c’è l’accoglienza che questo mistero ha avuto storicamente e che San Giovanni descrive, con un linguaggio solo un po’ sfumato, come un mezzo fallimento: era alla luce degli uomini, ma gli uomini non se ne sono accorti; era il Verbo che voleva parlare agli uomini direttamente, faccia a faccia, ma gli uomini non lo hanno accolto.

Se tutto si chiudesse qui, sarebbe un fallimento totale del progetto di Dio. Invece l’Evangelista stesso deve annotare che c’è uno spiraglio, un barlume di speranza: a quanti lo hanno accolto ha dato il potere di diventare figli di Dio.

In qualche modo Dio realizza quel progetto: non parlerà più per interposta persona, attraverso i profeti, ma parlerà attraverso il Figlio, il quale con la sua parola renderà figli del Padre tutti coloro che crederanno nel suo nome.

La celebrazione del Natale – lo dicevo già stanotte – non consiste in quel bambinello che mettiamo nel presepe; quella è solo la rappresentazione plastica di ciò che è avvenuto: serve alla nostra immaginazione per ricostruire davanti agli occhi della nostra mente la scena. La sostanza, però, non sta in quello che appare: la statuetta di Gesù bambino, san Giuseppe, la Madonna e tutto il contorno… La sostanza è che quelle statuette rappresentano la realizzazione del mistero del Natale; di quel mistero che, come noi continuiamo ogni anno a celebrarlo, continua ad essere presente, attivo, nella storia di ognuno di noi, perché a ognuno di noi viene proposta quella idea originaria di Dio di parlare direttamente attraverso il figlio a ognuno di noi. E quelli di noi che lo accolgono diventano figli nel Figlio.

È questo il Natale che noi celebriamo?

Da quanto detto fin qui, mettere una statuetta di Gesù Bambino nel presepe dovrebbe essere solo il primo passo; il successivo, quello fondamentale, dovrebbe consistere nel far sì che quella rappresentazione plastica della Natività richiami alla mente il suo significato spirituale, cioè che Dio ha predisposto e ha realizzato il progetto di parlare direttamente a ogni singolo uomo, a condizione che ogni singolo uomo accolga quel Bambino per quello che veramente è, quello che ci dice San Giovanni nel prologo del suo Vangelo: il Verbo di Dio che entra nella storia degli uomini. Ed è attraverso questo Verbo che Dio vuole realizzare quel disegno di non parlare più per interposta persona, ma direttamente al cuore di ognuno di coloro che accoglieranno quel Bambino non come un bambinello di plastica, di creta o di materiale sintetico, ma per quello che veramente è: il Verbo di Dio incarnato.

(25/12/2016, messa del giorno)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*