Il mistero del re pastore

2Sam 5,1-3; Lc 23,35-43

Questa domenica che conclude il ciclo di quest’anno liturgico ci propone come riflessione la regalità universale di Gesù Cristo. L’esperienza storica che abbiamo dei re terreni è inadeguata a comprendere il significato della regalità di Cristo e il suo impatto sulla vita dei credenti. Perciò vale forse la pena cercare di capire meglio che cosa significa per noi che Gesù Cristo è il re dell’universo. Credo che possiamo provare a capirlo ponendoci due interrogativi: In che senso Gesù Cristo è il re dell’universo? E perché è re dell’universo?

La prima cosa che dobbiamo chiarirci è che cosa intendiamo quando parliamo di “re dell’universo”. Universo è tutto il creato, dunque anche noi; è tutta la creazione uscita dalle mani di Dio e a lui orientata; nella sua realtà attuale, nel suo “oggi”, è “il territorio” sul quale si esprime la regalità di Cristo. Questa dignità regale è stata affidata dal Padre al Figlio unigenito e il Figlio la eserciterà fino alla fine dei tempi, quando riconsegnerà il regno a Dio Padre. Questo regno è universale in quanto la regalità di Cristo si estende a tutto il creato, ma lo è anche in senso storico, perché questa regalità si esprime qui e oggi, nella realtà di questo momento, con le sue caratteristiche, ricordate dal prefazio di questa Messa: il regno di Cristo è regno di verità e di vita, di santità e di grazia, di giustizia, di amore e di pace.

Se facciamo riferimento alla pur limitata esperienza che abbiamo dei regni umani, non possiamo non riconoscere che il regno di Gesù Cristo non è come i regni di questo mondo, come lui stesso dichiarò a Pilato.

La regalità di Cristo si esprime in qualcosa di diverso, in un modo diverso dal modo in cui si esprimono i regni umani: non dalla potenza dominatrice, bensì da ciò di cui ci ha parlato la prima lettura. Da essa abbiamo ascoltato il racconto dell’unzione di Davide a re s’Israele. Davide era un pastore. Nei pensieri di Dio il re d’Israele doveva esercitare la sua regalità come guida, come il pastore che si mette alla testa del gregge per guidarlo ai pascoli eterni.

Gesù Cristo è il re dell’universo, in quanto indica al mondo la via della salvezza e lo guida su questa via, gli apre le porte della salvezza. Questo, se volete, è il “come” di Cristo re dell’universo, la risposta alla domanda sul significato del titolo regale attribuito a Cristo dal Padre.

Ci resta da capire il perché di questa regalità. La risposta ce la propone il brano del Vangelo che ci è stato proclamato. Oggi, solennità di Cristo re dell’universo, la Chiesa si presenta il racconto degli ultimi istanti di vita di Gesù sulla croce.

Il brano che abbiamo ascoltato contiene alcuni elementi che meritano di essere richiamati alla memoria. Già Pilato gli aveva chiesto se era re, e Gesù non solo non lo aveva negato, ma lo aveva riaffermato: «Sì, io sono re, ma non alla maniera umana, perché se fossi come i re di questa terra, a quest’ora i miei eserciti sarebbero venuti a liberarmi. Io comunque sono re». Ed è in questa dichiarazione il motivo per cui Pilato scrive quella curiosa sentenza di morte – Costui è il re dei Giudei – che in quel contesto potrebbe anche sembrare una battuta di spirito, una presa in giro. Ma, senza saperlo – e senza volerlo –, Pilato dice la verità.

Poi ci sono quelli che assistono alla crocifissione, che lo deridono e gli pongono la questione della regalità sotto un aspetto diverso: Se sei il re d’Israele, scendi dalla croce!

Tutto questo rappresenta in qualche modo l’altra faccia del problema, che non potevano capire Pilato e i suoi contemporanei, i quali avevano come modello di regalità quella dell’Imperatore romano.

Perché Gesù è re? Perché è voluto salire sulla croce per liberare il suo popolo.

Secondo la mentalità dei regni umani, il popolo deve combattere, dare la vita per difendere il suo re; nella mentalità di Dio, il re dà la vita per il suo popolo. In questo senso Gesù è re: ha dato la vita per conquistarsi un popolo.

Possiamo fare una brevissima divagazione su questo punto: il suo popolo era suo già da prima, solo che un nemico ha cercato di sottrarglielo. Gesù Cristo, il Verbo di Dio, il re dell’universo, morendo sulla croce ha riscattato i suoi sudditi, li ha liberati dalle mani dei nemici.

A questo punto potreste dire: bene, abbiamo capito il perché di questa celebrazione; ora possiamo tornare alle nostre faccende. Resta, però, il problema del perché questa celebrazione è collocata al termine dell’anno liturgico.

Perché la celebrazione della regalità di Cristo chiude l’anno liturgico? Perché la conclusione di un anno porta con sé l’esigenza di fare un bilancio, di esaminare la nostra posizione… Se volete, di fare un esame di coscienza sul come io ho trascorso quest’anno nella prospettiva di Cristo re dell’universo, ma soprattutto mio re e Signore. Oggi, attraverso questa celebrazione, siamo invitati a riflettere, a fare un esame di coscienza sul come abbiamo vissuto questo anno alla luce della regalità di Cristo, tenendo presente quello che vi dicevo prima: che Gesù è re non perché ci comanda, ma perché si è messo alla testa del suo popolo per guidarlo. In questo anno noi abbiamo seguito più o meno fedelmente questo nostro re? Ecco allora che l’esame di coscienza a conclusione di questo anno, ci porta a verificare, alla luce di quello che abbiamo detto – del come e perché Gesù è il re dell’universo – come noi abbiamo cercato di adeguarci, di essere dei sudditi fedeli e disciplinati di questo re.

La conclusione, a questo punto, quale può essere? Che come questo nostro re ha dato la sua vita per noi – meglio: se ha dimostrato di essere nostro re dando la vita per la nostra salvezza – noi dobbiamo imitarlo nel dare la vita per i nostri fratelli, per la loro felicità, per il loro vero bene.

Allora la celebrazione di questo mistero, apparentemente incomprensibile perché i regni di questo mondo ci danno una discutibile immagine della regalità, ci insegna che Gesù Cristo è il vero segno della regalità, il vero re che si mette a capo del suo popolo per guidarlo. Adesso la responsabilità passa a quelli che gli stanno dietro, cioè a noi «suo popolo e gregge del suo pascolo», che dovremmo seguirlo e dovremmo chiederci, a conclusione di questo anno, come lo seguiamo, come lo abbiamo seguito fino adesso e come speriamo di seguirlo quando, a partire da domenica prossima, riprenderemo il cammino di un nuovo ciclo liturgico.

(20.11.2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*