Il secondo vino

Sabato 2 giugno 2012, durante la Festa della testimonianza, a Bresso (Milano), nell’ambito dell’incontro mondiale delle famiglie, papa Benedetto XVI, rispondendo all’intervento di due fidanzati del Madagascar, disse tra l’altro: «Nel Rito del Matrimonio, la Chiesa non dice: “Sei innamorato?”, ma “Vuoi”, “Sei deciso”. Cioè: l’innamoramento deve divenire vero amore coinvolgendo la volontà e la ragione in un cammino, che è quello del fidanzamento, di purificazione, di più grande profondità, così che realmente tutto l’uomo, con tutte le sue capacità, con il discernimento della ragione, la forza di volontà, dice: “Sì, questa è la mia vita”. Io penso spesso alle nozze di Cana. Il primo vino è bellissimo: è l’innamoramento. Ma non dura fino alla fine: deve venire un secondo vino, cioè deve fermentare e crescere, maturare. Un amore definitivo che diventi realmente “secondo vino” è più bello, migliore del primo vino».

Il racconto del miracolo delle nozze di Cana (Gv 2,1-12) è una miniera di spunti sempre nuovi di riflessione, non solo per i fidanzati e gli sposi, ma per tutti. Qualche mese fa ho parlato delle anfore di pietra (cfr ‘o Pertuso, n. 144, pag. 18), oggi, prendendo spunto dalle parole del Papa emerito, voglio soffermarmi sul vino, su quello dell’inizio della festa, che poi finisce, e su quello che proviene dal miracolo di Gesù.

Il primo vino è quello dell’ebbrezza che coinvolge e “ubriaca”, ma può finire, e quando è finito la “festa” è rovinata: si va in crisi, ci si lascia, di solito senza tener conto delle conseguenze che questa decisione ha sugli “invitati”, cioè sugli altri che, loro malgrado, sono coinvolti nella “ex festa”.

Il secondo vino è quello che viene da un ospite inatteso, che trasforma l’acqua della quotidianità in “vino buono”.

Perché tante famiglie si sfasciano? Certo, i motivi possono essere diversi. Qualcuno dice: «L’amore può finire…». Sì, forse è vero, ma solo se è un amore basato sull’“ebbrezza” derivante dal “vino giovane”. Basarsi solo su quello significa esporsi al rischio che, prima o poi, il vino finisca e l’ebbrezza passi; a quel punto la festa, se riesce ad andare avanti per un po’, ci va solo basandosi sull’acqua della quotidianità: non c’è più gusto, non c’è più attrattiva… Prima o poi si trasforma in un tormento e non c’è altra soluzione che prendere atto della sua fine.

Quella che sembrerebbe una conclusione inevitabile, non è detto che lo sia. Il racconto delle nozze di Cana ci fornisce un’indicazione che può sembrare banale: assicurarsi di aver invitato alla festa colei che, sola, ha l’occhio attento della Madre, Maria, e altresì che porti con sé il proprio Figlio, il solo che può aiutarci ad evitare la quotidianità di una vita familiare in crisi facendone qualcosa di bello e di buono, che stupisca tutti gli invitati alla “festa”.

Non vorrei che questa riflessione fosse liquidata come “una predica agli sposi”, per cui chi non lo è ancora o chi già ci è passato si ritenga esentato dal pensarci su. Non a caso coloro ai quali Benedetto XVI rivolgeva quelle parole che ho riportato all’inizio, erano due fidanzati… La riflessione può essere utile anche – e direi soprattutto – ai giovani, quelli che sono più facilmente esposti al rischio di un’ubriacatura che gli darebbe della vita matrimoniale un’immagine limitata e in qualche modo distorta; e può essere utile anche agli sposi, quotidianamente alle prese con tanti problemi (l’acqua che rischia di “annegare” la vita della famiglia). L’augurio per tutti è che non manchi mai nella vostra vita di fidanzati e di sposi il “vino” della gioia, quel “secondo vino” che può venire solo da Colui che è capace di trasformare le vostre sonnolente quotidianità in motivo di gioia. E se proprio vi sembra troppo impegnativo far ricorso a Lui, assicuratevi almeno la presenza di sua Madre: ci penserà poi lei a far intervenire il Figlio, in caso di necessità.

(6/2015)