Il sì di Giuseppe di Nazareth

Is 7,10-14; Mt 1,18-24

Siamo ormai a un passo dal Natale e la liturgia ci propone una riflessione sul come noi siamo disposti ad accogliere quel Bambino che nasce.

Nella prima lettura abbiamo sentito il racconto di una risposta negativa. Il re Acaz ha paura di chiedere a Dio un segno della sua vicinanza, della sua protezione. Ha già i suoi progetti e teme che, chiedendo a Dio un segno, Lui possa darglielo davvero, e allora sarebbe costretto quantomeno a valutare se continuare a seguire i suoi progetti o accogliere quelli di Dio. Preferisce rifiutare di chiedere un segno. Dio, però, un segno glielo darà comunque: un bambino nascerà e sarà chiamato Emmanuele, Dio con noi.

Nel Vangelo abbiamo ascoltato il racconto del travaglio interiore di Giuseppe dinanzi alla maternità di Maria ed è preso dal dubbio su cosa fare. La legge lo autorizzerebbe a denunziarla, esponendola a una condanna per adulterio che significherebbe morte per lapidazione. Ma Giuseppe è un uomo giusto, non di una giustizia secondo la legge, bensì che supera le prescrizioni legali: decide, infatti, di rimandarla a casa sua in segreto. Ma Dio interviene, rivelandogli i suoi progetti, e Giuseppe accetta…

In definitiva siamo messi di fronte a due atteggiamenti: quello di chi ha paura di accogliere il progetto di Dio e quello di chi decide invece di accoglierlo, condividendo il suo spazio vitale con quel Bambino. C’è una differenza profonda, un abisso, tra i due atteggiamenti, tra Acaz e Giuseppe. Noi da quale parte stiamo?

È facile – lo facciamo ogni anno – accogliere esteriormente il significato del Natale, far festa per quel Bambino che nasce. Ringraziando Dio, il presepe si fa in tutte le nostre case, o quanto meno mettiamo un segno che ci rappresenta la nascita di Cristo. È bello ed è giusto, perché abbiamo bisogno di segni esteriori che ci aiutino a interiorizzare ciò che celebriamo. Il problema, però, non è preparare il presepe e metterci dentro Gesù Bambino. Il nostro problema, nei confronti del Natale, è di renderci conto che Gesù Cristo vuole continuare a nascere non in un presepe ma dentro di noi e, come ha fatto con Maria, prima di fare un passo del genere, vuole il nostro assenso.

Il contrasto che ci ha presentato la Liturgia della Parola tra Acaz e Giuseppe ci coinvolge, dunque, personalmente. Io come mi pongo davanti a questo Bambino che vuole nascere non tanto in un presepe quanto piuttosto nel mio cuore, nella mia vita?

È significativo, perciò, che a un passo dal Natale la liturgia ci inviti a riflettere su Giuseppe, perché la chiave di tutto è quella sua decisione, rivoluzionaria per la mentalità del tempo. Proprio grazie a quella decisione, Dio riesce a realizzare il suo progetto. Qualche volta Dio anche alla porta del nostro cuore, per chiederci il permesso di entrare; come ha fatto con Maria; come ha fatto con Giuseppe… Ci chiede il permesso per fare in modo che ancora oggi per mezzo nostro, come per mezzo di Maria e di Giuseppe, venga il Natale, nel senso che ancora oggi quel Bambino possa continuare a incarnarsi nella storia degli uomini, nella società di oggi, nelle famiglie di oggi, in modo misterioso ma reale.

Non stiamo parlando del Natale di duemila e passa anni fa, stiamo parlando di questo Natale, che come ogni anno vorrebbe essere non una delle tante celebrazioni scritte nel calendario, bensì il ricordo della testardaggine di Dio che vuole continuare a incarnarsi nel mondo di oggi, nella società di oggi, nel cuore di ogni singolo uomo o donna di oggi, nel cuore di ciascuno di noi, a cui chiede solo di accoglierlo senza paura, senza reticenze.

(18/12/2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.