IL SIGNIFICATO DI UNA LEGGENDA

(La leggenda di Montepertuso)

Oggi vorrei fare con voi una riflessione diversa da quella che di solito facciamo sulle letture della festa della Visitazione. Vorrei riflettere con voi su quello che è il nucleo centrale della nostra festa, la leggenda del buco nella montagna che dà nome alla nostra frazione. Premetto che non ho intenzione di distruggere niente, ci mancherebbe altro! Ma forse guardare le cose in cui crediamo da un’angolazione diversa può aiutarci anche a vivere in maniera più profonda, più sentita, le verità che professiamo.

Innanzitutto: che cos’è una leggenda? Possiamo definirla come un racconto costruito dalla fantasia popolare, ricorrendo a elementi immaginari e meravigliosi, per cercare di spiegare qualcosa che non si riesce a spiegare razionalmente. Ciò che da sempre ha sollecitato la fantasia dei nostri antenati è certamente il buco nella montagna di fronte alla nostra chiesa. Qualcuno, che si è sbizzarrito a fare indagini, ha scoperto che fenomeni simili si possono ammirare anche in altre parti del mondo. Sembra, però, che il nostro buco abbia una particolarità tutta sua: sarebbe l’unico foro in una montagna con un asse est-ovest. Può sembrare una cosa da niente, però questo orientamento consente, in determinate occasioni nel corso dell’anno, di vedere, attraverso il buco, il sole che sorge o tramonta. È un particolare significativo: il perché sarà chiaro più avanti.

La leggenda vuole che questo buco nella montagna sia stato fatto dalla Madonna, sfidata dal diavolo, che voleva dominare sugli abitanti del borgo. La Madonna, certo, è capace di fare questo e altro. Personalmente, però, avendo del diavolo una certa idea, sono poco propenso a credere che sia stato così stupido da sfidare la Madonna, ben sapendo chi lei è. Ma prendiamola per buona…

Gli scienziati potrebbero trovare tante spiegazioni naturali, ma per noi la spiegazione soprannaturale è quella che conta di più ed è quella sulla quale basiamo la nostra devozione alla Vergine, devozione che abbiamo ereditato dai nostri antenati. Ma noi, ormai inoltrati nel XXI secolo, senza rinunciare al patrimonio di fede e devozione che ci hanno trasmesso i nostri padri, dovremmo anche fare un’operazione un po’ più profonda, più ragionata: dovremmo cioè mettere in conto che, se la Madonna – non oso riferirmi allo Spirito Santo: sarebbe come spingersi un po’ troppo in alto – ha “suggerito” ai nostri antenati questa spiegazione, uno scopo doveva pure averlo, perché lei è Madre, e uno dei compiti di una madre è quello di formare i suoi figli. L’origine della leggenda, dunque, potremmo doverla ricercare in un insegnamento che la Madonna ha voluto dare ai nostri antenati, cercando di farlo arrivare fino a noi e oltre, ai figli dei figli dei figli.

Quale potrebbe essere questo insegnamento? Qualche volta l’ho già accennato, in un momento di “cattiveria” particolare… La Madonna ci conosce meglio di come ci conosciamo noi: sa bene che noi, anziché a creare aperture e occasioni di comunicazione con il nostro prossimo, siamo più facilmente portati a creare barriere, muri, steccati; e allora la Madonna potrebbe aver voluto metterci stabilmente sotto gli occhi un elemento di riflessione che potesse essere utile alla nostra fede e alla nostra devozione per dirci: «Io sono stata capace di forare una montagna, ma ci sono muri e montagna è che neanche la mia potenza riesce a forare, perché queste barriere potete forarle solo voi, non con un dito e tanto meno facendo ricorso al diavolo, che ha già fallito una volta. Le barriere da forare sono quelle che vi rendono incapaci di comunicare gli uni con gli altri». Quante volte non riusciamo a comunicare con chi ci sta vicino? Potrebbero essere anche vicini occasionali, quindi estranei, ma concretamente il problema diventa ancora più pesante e più duro quando i vicini sono amici e parenti, persone della stessa famiglia con le quali non riusciamo a comunicare. Altro che montagne! E direi altro che il dito della Madonna ci vorrebbe per questi muri e per queste montagne: la Madonna, maternamente, ha voluto suggerire ai nostri antenati che, con il suo aiuto e non affidandoci all’avversario, noi – con un dito, ma con un calcio o con una testata, visto che abbiamo la testa abbastanza dura – possiamo forare quelle montagne, che nemmeno la Madonna riesce a forare, che esistono tra noi poveri esseri umani, figli di questa Mamma che diciamo di amare e venerare.

Dite pure che il parroco, stamattina, stanco di tre giorni di fatica straordinaria, ha cominciato a dare i numeri. Ma per questa festa della Madonna delle Grazie, egli vuole solo lasciarvi un messaggio: abbiamo sotto i nostri occhi un esempio di ciò che la devozione alla Vergine Maria può fare; proviamo a metterci un po’ più d’impegno, un po’ di buona volontà per forare qualche altra montagna più dura, per abbattere qualche muro più resistente di quella montagna, per abbattere e distruggere tutte le barriere d’incomunicabilità che esistono tra noi devoti della Madonna e così potremo, finalmente, vedere la luce; lei certamente ci aiuterà.

(02.07.2018)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.