La barca fa acqua

Lo stolto pensa: «Dio non c’è».

Sono corrotti, fanno cose abominevoli:

non c’è chi agisca bene…

Sono tutti traviati, tutti corrotti;

non c’è chi agisca bene, neppure uno.

(Sal 14[13],1.3; 53[52], 2.4)

 

Avete letto bene: la citazione biblica che ho messo in apertura di questa rifles­sione rimanda a due salmi – 14 e 53 – quasi identici. È indicativo che i redattori dell’Antico Testamento – che pure devono aver notato la ripetizione – abbiano voluto conser­varli entrambi, forse come reazione di fronte al degrado generale che, anche allora, faceva pro­blema.

La barca fa acqua da tutte le parti: la barca della politica, quella dell’economia, quella dello sport, quella… della Chiesa. Sì, anche quella della Chiesa. Ma attenzione: sto parlando di en­tità che possono trovarsi ad imbarcare acqua a causa del comportamento degli uomini che ci stanno dentro, di alcuni uomini: per nostra for­tuna, infatti, la colpa ricade sulla testa di alcuni (pochi «corrotti», per dirla col Salmista, che «fanno cose abominevo­li») che con i loro comportamenti riempiono di buchi il fasciame; attraverso quei buchi, per col­pa di quei pochi, l’acqua del degrado morale in­vade le istituzioni e rischia seriamente di trasci­narle a fondo, provocando, in chi assiste impo­tente e non ha la capacità o la voglia di guardare oltre gli uomini, un generale senso di disaffe­zione.

Forse la corruzione e il malaffare sono sempre esistiti e oggi ne sentiamo parlare di più – il “cattivo odore” si avverte di più – grazie all’efficienza e alla diffusione dei mezzi di co­municazione, che in tempo reale mettono sotto gli occhi di tutti le nefandezze di pochi.

Si dice che fa più rumore un albero che cade di una foresta che cresce… Fanno più rumore – leggi: creano più disorientamento – quei pochi politici corrotti che, invece di fare il bene della nazione, curano i propri interessi; quei pochi operatori finanziari disonesti che, invece di sal­vaguar­darlo, con le loro speculazioni “sopra le righe” mettono a rischio il bene di tutti; quei pochi strapagati idoli dello sport che, per “arrotondare lo stipendio”, vendono se stessi e le loro squa­dre; quei pochi membri della Chiesa – preti e laici – che con i loro comportamenti, moral­mente e socialmente riprovevoli, conti­nuano a sporcare il volto di Cristo crocifisso… Fanno più rumore questi pochi disonesti che i tanti onesti che silenziosamente fanno il loro dovere.

Sia chiaro che non ho inteso fare l’elenco com­pleto delle realtà umane che “fanno acqua”: quelle che ho citato non sono le sole: ogni giorno i mezzi di comunicazione mettono spie­tatamente sotto i nostri occhi fatti sempre nuovi, eppure “antichi”, e a noi non resta altro che chiederci con il Salmista: «Quando sono scos­se le fondamenta, il giusto che cosa può fa­re?» (Sal 11[10],3). La sua risposta è un invito ad aver fiducia nel Signore, che «scruta giusti e malvagi»; alla fine ci sarà il trionfo della giusti­zia e della verità, poiché «Giusto è il Signore, ama le cose giuste; gli uomini retti contemple­ranno il suo volto» (Sal 11[10],7).

(7/2012)

2 commenti

  1. La data che compare in alto è quella della pubblicazione nel blog; la data relativa al testo si trova alla fine dell’articolo (mese e anno, in genere).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.