La fine del mondo

Lc 21,5-19

Siamo ormai alla conclusione dell’anno liturgico e il tema delle letture ci propone una riflessione sugli ultimi tempi, su quella che chiamiamo “la fine del mondo”. Gesù ci dice che la fine ci sarà; non sappiamo né quando né come, però dobbiamo essere sempre vigilanti, sempre attenti, sempre operosi, in attesa del Signore che viene.

Nel brano di Luca le parole di Gesù cercano di distogliere l’attenzione degli ascoltatori dal fatto concreto, cronologico, dal “quando succederà?”, per rivolgerla piuttosto sul “prima che succeda”; in pratica Gesù dice ai suoi ascoltatori: Ci sarà una fine, ma non lasciatevi condizionare da chi pretende di sapere e di dirvi come e quando succederà, preoccupatevi piuttosto di come ci arriverete.

Teniamo presente che il discorso sulla “fine del mondo” parte dalla profezia di Gesù sulla distruzione del Tempio. Per gli Ebrei quello era il luogo più santo della terra, la dimora di Dio in mezzo al suo popolo. Nell’immaginario collettivo nulla al mondo avrebbe potuto distruggerlo. Quando Gesù profetizza che, entro breve tempo, di quella splendida costruzione non resterà pietra su pietra che non venga distrutta, i suoi ascoltatori cercano di indagare, di informarsi, sui segni premonitori di quella sciagura, vera fine del mondo per gli Ebrei. Ma Gesù devia la loro attenzione dal fatto concreto della distruzione materiale del Tempio alla fine del mondo. I segni premonitori saranno epidemie, terremoti, guerre, persecuzioni…, ma aggiunge che non sarà ancora la fine.

Questa precisazione in qualche modo sembra rassicurarci, eppure nei duemila anni circa da cui Gesù ha indicato quei “segni premonitori”, il mondo ne ha visti di disastri che hanno colpito intere popolazioni, di persecuzioni contro gruppi religiosi o etnici… Questo vuol dire che da duemila anni la fine del mondo viene preannunciata da questi “segni”, ma il mondo continua ad esistere. Sappiamo bene, però, che l’universo è fatto di materia e la materia non è eterna, per cui prima o poi tutto quest’ordine naturale che conosciamo e come lo conosciamo dovrà finire: ogni giorno dobbiamo aspettare la fine del mondo. Il rischio di questa conclusione è che qualcuno potrebbe lasciarsi andare: Se il mondo sta finendo, mi siedo e aspetto che finisca.

È proprio questo che Gesù non vuole, è su questo che insiste con quella frase che conclude il brano evangelico: Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita. Succederanno cose strane, cose brutte, cose terribili, ma non saranno queste il segno della fine. Queste cose fanno parte della storia quotidiana di questa umanità ferita dal peccato e i credenti dovrebbero viverle con la serenità di chi sa che dopo, quando la fine ci sarà stata, avremo salvato la nostra vita, a condizione di aver attraversato quelle vicende con la perseveranza di una fede incrollabile.

Gesù, in definitiva, condanna due atteggiamenti nei confronti della fine. Il primo è quello di chi vorrebbe sapere come e quando succederà, e per fare questo va cercando, scrutando… C’è stato un tempo in cui periodicamente qualcuno se ne usciva annunciando la fine del mondo per il tale giorno, e trovava facilmente dei seguaci che si lasciavano condizionare, poi la data prevista passava senza che niente succedesse. Se oggi stiamo qui vuol dire che tutti quei profeti di sventure hanno fallito. L’altro atteggiamento è quello della rassegnazione; come dicevo prima, visto che deve finire tutto, mi siedo e aspetto che finisca, senza far niente.

Potremmo riassumere tutto il discorso in uno slogan: dobbiamo vivere come se il mondo finisse domani, ma anche come se non dovesse mai finire. Può sembrare assurdo, ma è così. Dobbiamo avere la convinzione che tutto finirà e dobbiamo vivere, dobbiamo essere pronti, come se il mondo dovesse finire domani. Quindi fratelli miei è inutile che stiamo a giocarci sopra: se il mondo può finire anche domani, io devo essere pronto a questa situazione nel migliore dei modi possibili, se ci credo…

Teniamo presente che noi parliamo di fine del mondo che ci circonda, ma la fine di un mondo per noi è anche il momento della nostra morte, perché per noi in quel momento finirà un certo ordine di cose e se ne stabilita un altro. Come io devo vivere la mia attesa di quel momento, la fine del mio mondo con la morte, e la fine del mondo quando sarà? Con questo atteggiamento: come se dovesse succedere domani, ma come se dovessi vivere in eterno. Devo essere preparato a questa evenienza, ma nello stesso tempo devo darmi da fare per vivere ogni istante della mia esistenza, ogni istante dell’esistenza del mondo, con perseveranza nella fede. Devo lavorare come se non dovesse mai finire, impegnato fino all’ultimo istante nella testimonianza della fede, in modo che quel giorno, quando sarà, non mi prenderà alla sprovvista.

(13.11.2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.