Statua_1Particolarmente seguita dai fedeli della parrocchia, ma anche da devoti di Positano e dei paesi vicini, è la rievocazione della “Leggenda di Montepertuso” che viene rappresentata la sera del 2 luglio di ogni anno.

Un’antica tradizione vuole che nel VI secolo d.C. nell’attuale frazione Montepertuso di Positano vivessero pochi abitanti giunti dall’Oriente. Essi abitavano nelle grotte dei monti circostanti e si cibavano di selvaggina. Vestivano della pelle degli animali che catturavano nelle foreste viciniori.buco_tram2

Una notte furono svegliati da forti tuoni. Usciti dai loro rifugi, rimasero senza parola dinanzi ad uno spettacolo inaudito: una luce bianca con al centro una figura apparve nel monte. Una ragazza fu per prima avvolta da quella luce e udì una voce che con tono materno le disse: «Non aver più paura, il Serp_1demonio è stato maledetto ed i suoi sforzi contro questo monte sono finiti, perché distrutto è lo spirito maligno. Resti del suo corpo a forma di serpente si trovano all’altro versante della roccia viva. Vieni dunque con me e accompagnami sulla collina della selva Santa, ove ci fermeremo per sempre».

Su quella collina, oggi non più selva, sorge il tempio dedicato alla Vergine delle Grazie; di fronte, il monte, forato dal dito della Madonna che dà il nome alla frazione. Sull’altro versante della montagna la Serp_2fede popolare vede ancora oggi impresse nella roccia le tracce della sconfitta del maligno.