La luce brilla nelle tenebre

Nella tradizione liturgica della Chiesa ci sono due sole celebrazioni che si svolgono in piena notte. Una è la Veglia Pasquale, l’altra è questa celebrazione della prima messa di Natale. La Veglia Pasquale è prescritto che inizi dopo il tramonto e termini prima dell’alba del giorno di Pasqua; questo perché risultino più evidenti i due elementi principali della celebrazione: il fuoco nuovo e il cero pasquale. Per quanto riguarda, invece, la prima Messa di Natale, fin dall’antichità si celebra a mezzanotte, fatto salvo il privilegio papale di celebrarla in un’ora meno tarda. Perché questo orario che qualcuno potrebbe trovare scomodo?

Il Vangelo di Luca, il solo che ci fornisca notizie dettagliate sulla “notte di Betlemme”, ci dice che era, appunto, notte quando gli angeli portarono l’annuncio ai pastori che facevano la guardia al loro gregge. Non abbiamo, quindi, indicazioni più precise in merito. A questo, però, ha ovviato la tradizione, indicando la mezzanotte come momento altamente simbolico per la nascita di Gesù. A mezzanotte c’è il passaggio dal giorno che è passato a un nuovo giorno: la nascita di Gesù Cristo segna il passaggio dall’Antico al Nuovo Testamento; in più egli si pone al centro della storia, come luce che illumina le tenebre dell’errore.

La collocazione della nascita di Gesù nella mezzanotte, dunque, ha tutti questi significati simbolici, che trovano una conferma e una sintesi nella liturgia di questa notte, con il ripetersi continuo di una “parolina magica”: luce. Fino a questo momento l’abbiamo sentita almeno 6 o 7 volte, a partire dalla preghiera iniziale, poi nelle letture. L’elemento centrale di questa liturgia è, infatti, la luce che si è accesa nel mondo con la nascita del Salvatore; allora, come a Pasqua, è importante che questa liturgia si celebri di notte. Come a Pasqua deve brillare nelle tenebre la luce del cero pasquale, così a Natale è importante che riviviamo l’esperienza della notte santa di Betlemme in cui il Salvatore è nato portando nel mondo una nuova luce.

La luce! Purtroppo noi gente dell’epoca moderna, abituati all’elettricità, non diamo più molto peso al valore simbolico di questo termine. Quando non c’era la comodità della corrente elettrica, erano dolori. Se almeno avessimo un ricordo, un’esperienza, un’idea di che cosa significa un mondo senza luce, ci potrebbe aiutare a capire l’importanza che ha il valore simbolico di questo termine associato alla nascita di Gesù Cristo. Lo sentiremo anche domani, nelle messe del giorno di Natale, ma il valore che ha in questa notte è tutto particolare.

Perché è importante il tema della luce associato alla natività di Gesù? Io credo che la vita delle popolazioni, quando non c’era altro modo di illuminare l’ambiente in cui si viveva se non il ricorso a costosi espedienti artificiali, fosse piuttosto misera e problematica. Per questo motivo assumeva un valore tutto particolare l’idea che Gesù Cristo è venuto a portare la luce sulla terra, è venuto a illuminare – come dice la liturgia – i popoli che erano avvolti nelle tenebre.

Ovviamente le tenebre concrete sono soltanto un simbolo, segno di qualcos’altro, perché le tenebre alle quali ci si riferisce teologicamente sono quelle del peccato. Gesù Cristo è nato di notte, a metà della notte, per dare agli uomini un’idea concreta, immediata del significato della sua nascita: non solo come elemento di separazione tra l’antica legge e la nuova – Antico Testamento e Nuovo Testamento – ma anche perché con lui, con la sua nascita, si è accesa nel mondo una luce che ha disperso le tenebre del peccato. Gesù Cristo è nato, ha voluto incarnarsi, per salvare l’umanità da un mondo di tenebra.

Questo discorso sulla luce potrebbe sembrare troppo alto, tale da non coinvolgerci. Invece ha un valore non solo simbolico ma anche immediato, concreto per ognuno di noi. Io spero che molti di voi si siano accostati alla confessione in questi giorni o lo faranno nei prossimi giorni, perché quello è un elemento fondamentale per capire la portata vera e immediata della luce, non della luce fatta di artifici materiali ma di quella che dovrebbe brillare nel cuore di ogni uomo e che Gesù Cristo è venuto ad accendere sulla terra. La chiave del discorso è tutta qui.

Noi sperimentiamo sulla nostra pelle che cosa significa essere avvolti dalle tenebre del peccato. Spero che lo sperimentiamo. Spero che abbiamo ancora questa sensibilità, perché se non l’avessimo, fratelli miei, vorrebbe dire che il Natale non ha nessun senso per noi. La celebrazione della nascita del Salvatore può avere un senso se siamo convinti che Egli è venuto per illuminare l’umanità immersa nelle tenebre del peccato. Quell’annuncio che abbiamo sentito fatto ai pastori – oggi è nato per noi il Salvatore – possiamo capirlo soltanto se mettiamo in conto la realtà del peccato di ognuno di noi, del peccato personale, non come realtà astratta, bensì del mio peccato concreto. Gesù Cristo è nato per illuminare la mia condizione di tenebra a causa del peccato. Che io voglia accettarlo o no, non cambia niente. È per questo motivo che è importante celebrare la nascita del Signore nella notte, quando risalta di più il contrasto terribile, enorme, tra quella che sarebbe la vita immersa nel peccato è quella che invece Gesù Cristo è venuto a donarci come vita nella luce, in quella luce che lui è venuto a portare, in quella luce che è lui stesso.

Noi sentiremo ancora quell’annuncio fatto ai pastori: Oggi è nato per noi il Salvatore.

Se proprio non riusciamo a convincerci in altro modo, mettiamoci davanti a uno specchio e diciamo a noi stessi: Oggi è nato per te il Salvatore. È nato per me! È questa la realtà fondamentale di questa celebrazione. Ma se noi non accogliamo quella luce, varrà anche per noi quella parola che sentiremo domani, nella messa in cui leggeremo il prologo di Giovanni: Venne nel mondo la luce vera, ma gli uomini non se ne sono accorti.

Auguriamoci e preghiamo durante questa celebrazione che questa osservazione non valga per noi; che noi, al contrario di quelli di cui parla l’Evangelista, l’accogliamo questa luce, la facciamo nostra, e che questa notte per noi si trasformi in luce. Buon Natale!

(25/12/2016, messa della notte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.