La parte migliore

Il tema di questa domenica è l’ospitalità, l’accoglienza. Per gli antichi l’accoglienza era una cosa sacra, un dovere sacro. Accogliendo un viandante, un pellegrino si accoglieva Dio stesso. Questo ci aiuta a capire il senso della prima lettura. Abramo che vede quei tre stranieri avvicinarsi alla sua tenda, li accoglie come se fosse Dio stesso. Concretamente è Dio, che è andato a fargli visita, ma le sembianze sono quelle di tre personaggi umani che vengono accolti con tutti gli onori, vengono rifocillati e alla fine lasciano ad Abramo un dono, una discendenza: il figlio della promessa.

Nel Vangelo troviamo qualche elemento in più di riflessione sul tema dell’accoglienza. Marta e Maria accolgono Gesù nella loro casa. Le due donne esprimono un modo diverso, un atteggiamento diverso di realizzare l’ospitalità. Marta si affanna in cucina a preparare un buon pranzo per l’ospite: pensa di rendergli omaggio in questo modo. Maria, invece, si siede ai piedi di Gesù ad ascoltarlo. Marta si ribella a questo atteggiamento della sorella; chiede a Gesù di intervenire; per tutta risposta si prende un mezzo rimprovero: «Marta, Marta… Maria si è scelta la parte migliore, che non le sarà tolta».

A volte, specialmente voi donne casalinghe, vi ribellate di fronte a questo atteggiamento di Gesù: non è giusto! Marta non sta facendo forse una cosa importante? Vorrei vedere: se Marta si fosse messa pure lei vicino a Maria ad ascoltare Gesù, non si sarebbe mangiato. Il lavoro di Marta è quindi ugualmente importante, però c’è quel particolare… Gesù che cosa dice in concreto? Non dice: Quello che fai tu è niente, quello che fa Maria è importante. «Maria si è scelta la parte migliore, che non le sarà tolta».

Fratelli miei, dobbiamo tenere sempre presente questo, non solo nell’accoglienza che offriamo ai forestieri, dobbiamo tenerlo presente soprattutto nel nostro modo di accogliere Cristo nella nostra vita. «Marta, Marta, tu ti agiti e ti affanni per molte cose, Maria invece ha scelto la parte migliore che non le sarà tolta». È bello, è importante, è giusto fare tante cose per onorare Gesù. Ma quando Gesù dice che Maria si è scelta la parte migliore, che cosa vuol dire in concreto? Vuol dire che tutto l’affannarsi, il “fare delle cose” prima o poi finisce, si esaurisce; quello che rimarrà per sempre, che non ci verrà mai tolto è l’accoglienza che noi diamo alla parola del Signore.

Marta sta facendo una cosa importante, sta preparando da mangiare; ma quando avranno finito di mangiare, di tutto il lavoro di Marta non resterà niente; mentre le parole che Maria avrà accolto nel suo cuore ascoltando Gesù seduta ai suoi piedi, quelle parole non le saranno mai tolte.

È importante darsi da fare per onorare il Signore, la Madonna, i santi; è importante fare delle cose, ma rendiamoci conto che le cose che facciamo per onorare il Signore di per sé dopo averle fatte sono finite, non rimane quasi niente, forse niente del tutto; quello che rimarrà per sempre, quello che non ci sarà mai tolto, è quello che noi avremo ricevuto dal Signore aprendo il nostro cuore alla sua Parola, le preghiere che avremo potuto recitare.

Ieri, con la festa della Madonna del Carmine si è chiuso un insieme feste che ci ha tenuti impegnati dal 1° luglio. Abbiamo fatto tante cose, belle, importanti in onore della Madonna: il 1° e il 2 luglio, il 9 luglio, ieri 16 luglio… Delle cose esteriori non è rimasto niente. Se da quelle feste in onore della Madonna abbiamo tratto un qualcosa di importante per la nostra vita di fede, è questo che non ci verrà mai tolto, perché resterà nel nostro cuore e starà lì per sempre. I festeggiamenti esteriori sono passati, è finito tutto; non c’è più niente, come i tanti fuochi d’artificio che abbiamo buttato per aria: non ne è rimasto niente, se non la convinzione (spero) di aver fatto ciò per onorare la Madonna. Abbiamo interiorizzato qualcosa di queste feste? Se la risposta è sì, quel qualcosa è quella parte che non ci verrà mai tolta.

(17/7/2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*