La porta stretta

(Lc 13,22-30)

La domanda che fa questo sconosciuto: «Sono pochi quelli che si salvano?» potrebbe essere fatta da ognuno di noi al Signore, innanzitutto, perché non abbiamo in genere un’idea chiara e precisa di che cosa sia la salvezza; quando non si ha un’idea chiara di una cosa, viene il dubbio anche su chi la meriti e chi no. Ma la risposta di Gesù rende il discorso sulla salvezza ancora più complicato.

Ci si salva entrando nel Regno di Dio. Questo entrare è qualcosa che comporta innanzitutto una decisione, un “fare delle cose” per guadagnarsi l’ingresso nel Regno. Ma Gesù ci dice una cosa che ci mette in difficoltà ancora maggiori: «Sforzatevi di entrare per la porta stretta». Per entrare nel Regno c’è una porta per la quale bisogna passare e questa porta è stretta. Ciò significa che bisogna fare un po’ di fatica per entrare attraverso di essa. Ma a quell’esortazione Gesù fa seguire un ammonimento: «Molti cercheranno di entrarvi ma non ci riusciranno». Chi sono costoro? Sono quelli che, rimasti fuori, cominceranno a bussare alla porta per farsi aprire, ma il “Padrone di casa” negherà di conoscerli. Allora essi cercheranno di ricordargli che hanno mangiato alla sua mensa, che hanno ascoltato la sua parola… Ma egli dichiarerà: «Non vi conosco!».

Questo significa che ci vuole qualcos’altro oltre a quello che gli esclusi diranno di aver fatto. Chi crede che per salvarsi basti partecipare qualche volta alla messa domenicale, ascoltare qualche volta la parola di Dio, si sbaglia e corre il rischio di trovarsi davanti a una porta chiusa e quando busserà gli sarà risposto come avete sentito.

Allora che cosa significa entrare per la porta stretta? Io credo che, se ci guardiamo dentro e ci facciamo un piccolo esame di coscienza, noi lo capiamo che cosa significa fare questo sforzo per salvarsi.

I nostri vecchi dicevano che «in paradiso non ci si va in carrozza». Che cosa significa? Che non è una strada comoda quella che porta in Paradiso, che bisogna sudarselo e non perché si debba andare a piedi. Quello che dovremmo tener presente continuamente è che c’è uno sforzo da fare per meritare la salvezza; questo sforzo non consiste solo nell’andare a messa la domenica, nell’ascoltare qualche predica, nel fare delle cose esteriori, perché l’elemento fondamentale è che quella porta stretta attraverso la quale dobbiamo passare non è una porta materiale, una porta, magari aperta solo a metà, quindi una porta stretta; se invece di entrare per una porta più larga mi sforzo di entrare di là, sto a posto; no, perché quella porta è qualcosa di spirituale e lo sforzo che devo fare deve venire da dentro, è uno sforzo che devo fare dentro di me. Il “sacrificio” di andare a messa la domenica, specialmente in una domenica d’estate, col caldo insopportabile, non è quello, non sarà quello che mi permetterà di entrare per la porta stretta. È un atteggiamento interiore che devo assumere, e questo atteggiamento interiore deve costarmi sacrificio, deve costarmi sforzo, fatica interiore, non fatica fisica; questo significa quello che dicevano i nostri vecchi: in paradiso non ci si va in carrozza. Perciò ognuno di noi ha la sua “chiave personale” per aprire quella porta, perché ognuno di noi, per riuscire ad entrare, deve fare un lavoro “personalizzato” su se stesso.

Noi possiamo meritare la salvezza – concretamente: possiamo entrare nel regno di Dio – solo se ci sforziamo di adeguare il nostro “interno”, la nostra coscienza, la nostra anima a quella porta stretta; perché possiamo passarci, dobbiamo tener sempre presente quella frase, che, a mio parere, è la più forte del Vangelo di oggi: «Molti cercheranno di entrare, ma non ci riusciranno». Anche noi potremmo essere tra quei molti, e non perché la porta è troppo stretta, ma perché noi siamo troppo “larghi”, troppo pieni di superbia.

(21/08/2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*