La purificazione del tempio di Dio

Gv 2,13-25

Il Vangelo che abbiamo ascoltato ci ha presentato un episodio scabroso: è l’unico caso in cui Gesù prende la frusta, usa cioè le maniere forti. Cos’è che ha scatenato questa sua reazione? Entrando nel tempio ha visto che vi si svolgevano scene comuni in un mercato, non in un luogo sacro.

Va detto che, volendo essere benevoli, la situazione aveva una sua motivazione… Per gli ebrei il tempio era il luogo più sacro della terra, perché era l’unico luogo dove Dio aveva posto il suo trono, e solo lì i fedeli potevano offrire i loro sacrifici. Tuttavia i fedeli di religione ebraica erano dispersi in tante altre nazioni più o meno vicine a Gerusalemme. Basterebbe ricordare l’elenco che ne troviamo nel racconto della Pentecoste: Parti, Medi, Elamiti, eccetera. Tutti questi fedeli, o buona parte di essi, tornavano a Gerusalemme per celebrare la Pasqua e offrire il sacrificio secondo la legge di Mosè; era, però, molto facile che si trovassero in difficoltà per procurarsi gli animali da sacrificare o, più semplicemente, per cambiare la moneta in corso nel paese da cui venivano con la moneta corrente a Gerusalemme. Prevedendo queste difficoltà, i capi del popolo si erano organizzati: avevano messo a disposizione, nell’atrio del tempio, tutto il necessario per far fronte a questa esigenza dei pellegrini che venivano da lontano. Le intenzioni erano buone, ma, come in tutte le cose umane, si comincia bene e poi si finisce per esagerare; quell’attività, nata per venire incontro alle esigenze dei pellegrini, era diventata un mercato vero e proprio, a discapito della sacralità del luogo.

Contro questo stato di cose Gesù prende la frusta. Gli studiosi indicano questo racconto con l’espressione «La purificazione del tempio». Agli occhi di Gesù, infatti, il tempio era stato profanato e andava purificato.

I capi del popolo non stanno a guardare. Sono consapevoli che quella situazione è stata decisa dall’autorità costituita, perciò chiedono a Gesù di dimostrare che aveva l’autorità per fare quello che ha fatto. E Gesù, come fa anche in altri casi, non risponde direttamente alla loro richiesta, ma dice: «Distruggete questo tempio e io in tre giorni lo farò risorgere», risposta che provoca la reazione risentita dei suoi interlocutori. In realtà Gesù ha risposto alla domanda: ha indicato il segno che darà loro; purtroppo per i suoi interlocutori, quel segno era nel futuro. Come annota l’Evangelista: «Egli parlava del tempio del suo corpo».

I protagonisti della vicenda, dunque, stanno su due piani diversi: uno parla del tempio del suo corpo, gli altri fanno riferimento al tempio fatto di pietre; non avrebbero mai potuto intendersi.

Che cosa dice a noi questo episodio? ci offre diversi spunti di riflessione…

Il tempio di Gerusalemme era considerato il luogo più sacro della terra, eppure gli uomini avevano trovato il modo di farci entrare ciò che sacro non è, ma è profano…

Il termine “profano” indica ciò che si fa davanti, quindi fuori, del tempio (fanum) ed è distinto da ciò che si fa (o è lecito fare) all’interno del tempio, che è sacro. Quando si vogliono mescolare le cose, si crea una profanazione di ciò che è sacro.

L’episodio segna l’inizio della fine della supremazia del tempio di Gerusalemme, che verrà distrutto circa quarant’anni dopo e non sarà più ricostruito. Sarà sostituito da un “nuovo tempio”, non costruito dalle mani dell’uomo, bensì da Dio, cioè il corpo di Gesù Cristo Verbo incarnato, che risorgerà al terzo giorno dopo la sua morte in croce. Il tempio fatto di pietra viene sostituito dal tempio fatto di carne del Cristo e dal “tempio spirituale” edificato con pietre vive, che è la sua Chiesa.

Il tempio di Dio oggi non è un edificio costruito con pietre, ma l’uomo in quanto creato a immagine di Dio, e tra questi il battezzato che vive secondo gli insegnamenti di Cristo. Il tempio fatto di pietre – la chiesa – è il luogo nel quale si realizza l’incontro tra Dio e il suo popolo, che è il luogo della sacralità profonda, fondamentale, che non ammette profanazioni. La sacralità del tempio fatto di pietre è, dunque, funzionale alla sacralità di ciò che avviene in esso: l’incontro tra Dio e il suo popolo. Non è tanto il rispetto della struttura che conta, bensì il rispetto di quelli che sono il vero tempio di Dio nel mondo di oggi, i battezzati, che vivono e credono nella presenza di Dio dentro di loro. Profanare questo tempio sembra essere diventato uno sport molto diffuso, e lo si pratica in molti modi…

(04.03.2018)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.