La santa montagna

Fino a qualche decennio fa c’erano due modi per raggiungere Nocelle da Positano: salire i 1700 scalini che partono dalla località Arienzo oppure dal rione Liparlati salire 1200 scalini fino a Montepertuso e di là percorrere il sentiero che conduceva alla frazione. In ogni caso una faticaccia! Per decidersi a farla bisognava avere una motivazione veramente forte. Ricordo di averla fatta in gioventù una sola volta, invitato con la famiglia a trascorrere una domenica diversa in quello che per me era stato fino ad allora un borgo “fuori dal mondo”… Era una Domenica delle Palme, non più tardi del 1970-71. Non ricordo nulla della salita né della discesa. Forse per lo choc? O per gli oltre quarant’anni trascorsi?…

Ho ricordato quella “passeggiata” mentre preparavo l’omelia per la festa della Madonna del Carmine. Nell’orazione colletta, la liturgia ci fa chiedere a Dio che «per l’intercessione della beata Vergine Maria» possiamo giungere «felicemente alla santa montagna, Cristo Gesù, nostro Signore».

La devozione mariana fa riferimento con questo titolo al Monte Carmelo, una montagna dell’Alta Galilea. Il titolo di “montagna” in verità, va bene per lo Stato d’Israele, dove non ci sono vere e proprie montagne ma tutt’al più “colline”. La nostra “vetta”, infatti, s’innalza poco più di 540 m sul livello del mare…

Nella tradizione biblica il Monte Carmelo è stato il punto di riferimento dell’attività del profeta Elia. Ma nella tradizione cristiana – e nella devozione mariana in particolare – è diventato il luogo in cui nel sec. XIII è nato l’Ordine Carmelitano.

Giungere felicemente alla “santa montagna” che è Cristo Signore… Questo è lo scopo per cui ogni cristiano soffre, combatte e prega (cfr A. Manzoni, La Pentecoste). È un’impresa ben più difficile e impegnativa della salita di quei 1700 scalini, e richiede motivazioni ancora più forti; ma sono proprio queste ultime che, nei tempi che viviamo, sono diventate merce rara. Ha ancora un senso – secondo la mentalità corrente – soffrire, combattere e pregare per conseguire il fine per cui Dio ci ha creati? Vale la pena ricordare che il Catechismo di San Pio X ci insegnava che questo fine è conoscere, amare e servire Dio «in questa vita per poi goderlo nell’altra in Paradiso». È un’impresa che richiede grande “fatica” e per questo non trova facilmente seguaci entusiasti… Anche tra i cristiani le cose che richiedono rinuncia, sforzo, sacrificio, non risultano molto attraenti.

Oggi, se non ci fosse la strada rotabile, probabilmente Nocelle sarebbe deserta… Se proprio non si ha a disposizione un’auto, meglio prendere l’autobus del servizio pubblico: si fa molto meno fatica! I 1700 scalini sono roba d’altri tempi…

Solo chi accetta di affrontare la “salita”, però, può afferrare la mano di Maria e con lei giungere alla “Santa Montagna”.

(8/2012)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.